If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Dal termine della II guerra mondiale alla guerra di Corea, lezioni mal apprese nella guerra contro le mine navali

UDT americani, sommozzatori disattivatori mine, si preparano per immergersi sui campi minati coreani di Wonsan, 1950

Al termine della Seconda Guerra Mondiale, la situazione internazionale era comprensibilmente drammatica; in un Europa, profondamente ferita dalla guerra e necessitante di riaprire al più presto le vie di comunicazione marittime, i campi minati impedivano il libero traffico commerciale specialmente con l’altra sponda dell’Atlantico. Nonostante i piani di minamento fossero stati messi a disposizione da tutte le nazioni, il lavoro di bonifica comportò uno sforzo straordinario in termini di uomini e mezzi, non scevro di pericoli per il personale. Ancor oggi, dopo oltre 70 anni dal termine del conflitto, si ritrovano mine dragate e poi affondate durante le operazioni di bonifica del secondo dopo guerra. Le mine ormeggiate venivano dragate meccanicamente e quindi, quando in superficie, venivano colpite con le mitragliere di bordo per farle saltare o affondare su alti fondali. La maggior parte affondava 

Un guerra considerata minore mise in ginocchio le forze da sbarco con armi della I guerra mondiale
Dopo la II guerra mondiale, le tecniche di contro misure mine (CMM) e la capacità di minamento furono sviluppate di pari passo sebbene con diverse priorità. Le Nazioni rivierasche, geograficamente più vicine al blocco sovietico, svilupparono maggiori capacità di minamento a scopo difensivo per bloccare, in caso di attacco, la Flotta sovietica nel Mar Baltico o nel Mar Nero. Oltre cortina, la componente di Guerra di Mine venne sviluppata per consolidare il possesso del territorio. In questo periodo vennero ideati e realizzati nuovi congegni di fuoco per le mine, basati sullo sviluppo di sensori combinati magneto-acustici e barici, e di sonar ad alta frequenza per la cacciamine. Mentre in Europa la sensibilità verso la Guerra di Mine rimase elevata, inspiegabilmente la Marina degli Stati Uniti decise di alienare il 90 % delle sue forze e di congelare tutti i finanziamenti per i studi e ricerche inerenti la Guerra di Mine. Nel 1946, nell’oceano Pacifico, il numero di dragamine fu diminuito da 374 a 14 e, nel 1950, a causa di ristrettezze fiscali, il finanziamento per una nuova classe di navi specialistiche fu tagliato. In ambito americano, fu data enfasi allo sviluppo di nuove mine totalmente innovative sotto il concetto di impiego, come le Mk 60 CAPTOR, mine ormeggiate da alto fondale concepite per essere usate in oceano in barriere contro i sommergibili sovietici, costituite non da una carica esplosiva ma da un siluro Mk 46 ASW. In caso di scoperta da parte dei sensori acustici della mina, il siluro veniva lanciato dal sistema di attivazione contro il bersaglio utilizzando una geometria di ricerca del bersaglio simile a quella impiegata dalle navi antisommergibili.

Nel primo periodo della guerra fredda ebbero luogo due tra i più sanguinosi conflitti del dopo guerra: la guerra di Corea e quella del Vietnam. Oggi parleremo di quella di Corea e dei suoi errori strategici e tattici che causarono la perdita di tanti militari americani inutilmente.  

esplosione di una mina magnetica coreana distrugge il dragamine USS YMS-516 durante le operazioni di sminamento a ovest di Kalma Pando, Wonsan harbor, il 18 Ottobre 1950. National archives photo

Nel giugno del 1950, a seguito dell’invasione da parte nord coreana della Corea del Sud, superando il 38° parallelo, il Consiglio di sicurezza dell’ONU decretò che era avvenuto un atto di aggressione da parte della Corea del Nord contro la Corea del Sud, senza avvertimento, senza provocazione ed a seguito di un piano accuratamente preparato, e stabilì un’azione militare contro gli aggressori invitando le Nazioni ad inviare contingenti militari nell’area per un’azione di polizia sotto l’egida delle Nazioni Unite. La Corea, a similitudine della Germania, al termine della Seconda Guerra Mondiale aveva subito una suddivisione geografica tra le forze armate dell’Unione Sovietica nel nord del paese e degli Stati Uniti al Sud. L’attacco comunista alla Corea del Sud parve all’opinione pubblica americana come un’ulteriore conferma della teoria dell’espansionismo dell’Unione Sovietica e, nonostante la Corea non rientrasse nell’area di sicurezza esterna degli Stati Uniti, un eventuale abbandono di una nazione, considerata alleata, non fu considerato accettabile e si prospettò la possibilità di un intervento armato. La legittimazione internazionale all’intervento venne grazie alla Dichiarazione delle Nazioni Unite immediatamente seguita all’invasione, ottenuta dal Consiglio di Sicurezza senza alcun veto da parte dell’URSS .

Analisi militare
Militarmente parlando, l’attacco era stato pianificato con minuziosa precisione dai nord coreani, supportati dai consiglieri militari russi presenti sul territorio, tenendo conto della debolezza organica e strutturale dell’esercito del sud e della burocrazia della macchina militare americana. Ai primi del mese di agosto, il 90% del territorio sud coreano cadde in mano comunista e solo il grande porto di Pusan, con il suo entroterra, rimase sotto il controllo delle Nazioni Unite. Rasentando una sconfitta senza precedenti, il Generale McArthur, confidando nella superiorità navale ed aerea garantita delle Forze americane, progettò di sbarcare i propri uomini ad Inchon e Wonsan, per tagliare in due le linee nord coreane e quindi procedere, con una manovra a tenaglia, ad annientare le forze nemiche.

Schema di campi minati di Wonsan (Korea)

Dopo il primo sbarco ad Inchon, avvenuto il 15 settembre 1950, fu rapidamente avviata la seconda fase che ne prevedeva un secondo a Wonsan, circa 80 miglia a nord del 38° parallelo. A seguito dell’informazione di un probabile minamento nordcoreano, furono assegnati alla Task Force dieci dragamine, non adeguati qualitativamente e quantitativamente per operare in un simile scenario. Il loro compito era quello di bonificare le vie di accesso alla spiaggia in tempo utile per permettere il trasferimento delle truppe. Di fatto l’impervietà dei campi minati nord coreani, composti da oltre duemila mine di fabbricazione russa, sebbene risalenti alla Prima Guerra Mondiale, comportò un ritardo di otto giorni permettendo la ritirata delle forze nord coreane e facendo fallire il piano del Generale Mc Arthur.

sommozzatori disattivatori mine americani a Wonsan, ottobre 1950

In seguito fu scoperto che gli specialisti russi, prima di lasciare l’area, non solo avevano addestrato i nord coreani ma avevano personalmente assemblato le mine più complesse, con sensori ad influenza magnetici. Inoltre avevano pianificato i piani di minamento e verificato la posa degli ordigni. Quest’ultima era avvenuta impiegando dei pontoni con la collaborazione di lavoratori locali.  L’Ammiraglio Allan E. Smith, Comandante della Forza anfibia a Wonsan, dichiarò che, nonostante la superiorità tecnologica delle forze americane, armi considerate primitive erano state in grado di bloccare le azioni di una moderna Task Force. Significativo fu l’impiego dei sommozzatori UDT che operarono sui campi minati distruggendo gli ordigni. 

Il Comandante delle Forze Navali dell’Estremo Oriente, Ammiraglio Turner C. Joy dichiarò che la maggiore lezione acquisita durante tale operazione era che la Guerra di Mine, considerata da molti una forma di lotta secondaria, non doveva essere più nel futuro rilegata ad un ruolo secondario. Gli echi del fallimento di Wonsan, raggiunsero gli Alti Vertici militari ed il Capo delle Operazioni Navali (CNO), l’Ammiraglio Forrest P. Sherman, ne sottolineò la gravità: “When you can’t go where you want to, when you want to, you haven’t got command of sea. … Now, we are going to start getting mine-conscious beginning last week.

UDT (Underwater demolition team) in avvicinamento su un gommone alla spiaggia di Wonsan, ottobre 1950 – il contributo degli UDT fu significativo per distruggere le mine nemiche

Queste forti dichiarazioni sembrarono non cadere nel vuoto e 65 dragamine e 22 cacciamine costieri furono commissionati dalla Difesa all’industria nazionale. Operativamente, la lezione appresa a Wonsan fu di estrema utilità per la preparazione dello sbarco a Chinnanpo, essenziale per il rifornimento delle truppe; prima dell’inizio delle operazioni, furono infatti effettuate ricognizioni aeree intelligence durante le ore di bassa marea per identificare a priori le estensioni dei campi minati. Inoltre, furono impiegati mezzi specialistici in numero adeguato per poter assolvere l’operazione nei tempi prefissati.

Conclusioni
Nonostante gli analisti valutarono che il 70% delle perdite americane, nei primi due anni di guerra, fu indirettamente causato dall’impiego delle mine navali a Wonsan, questa lezione appresa non fu digerita. Nel 1958, passata l’onda emotiva, i fondi della Difesa americana per questa componente vennero nuovamente tagliati per “sopraggiunte priorità” strategica.  Intanto una nuova dolorosa ombra si affacciava all’orizzonte, il Vietnam e, di questo, ne parleremo in un prossimo articolo.

Andrea Mucedola

print

(Visited 188 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share