If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Eccezionale scoperta!!! Una nave del XVI secolo ritrovata dopo 500 anni dal suo naufragio lungo le coste portoghesi praticamente intatta

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: RELITTI
parole chiave: Portogallo
,

A volte i ritrovamenti più incredibili avvengono a due passi dalle spiagge. Un’imbarcazione che naufragò nel XVI secolo è stata scoperta nei fondali portoghesi completamente intatta ed ha già restituito oggetti di importanza eccezionale sottolineando gli antichi legami con la vicina Galizia. 

Esposende è una località turistica frequentata dagli appassionati di sport acquatici sita a nord di Porto (Portogallo), collocata in un’area esposta ad un surf abbastanza consistente in qualsiasi momento dell’anno. Non è raro che il mare restituisca sulle spiagge oggetti strappati dal fondo dalla furia degli elementi. In Florida, i collezionisti di oggetti marini sanno che a seguito degli Uragani, sulle spiagge è possibile ritrovare dobloni ed oggetti provenienti da navi affondate. Negli Stati Uniti questo è legale, ma non in Europa.

Un gruppo di archeologi portoghesi ha localizzato in quelle acque il relitto di una nave naufragata nel sedicesimo secolo nelle fredde acque dell’Atlantico. Gli studiosi stanno tentando di chiarire la sua misteriosa origine, cominciando dai resti e dagli oggetti riemersi dalle profondità marine: centinaia di suppellettili, un’ancora e quattro cannoni, due di ferro e due di bronzo.  L’eccezionalità del ritrovamento deriva dalla circostanza che l’imbarcazione – di probabile origine iberica – si presenta praticamente intatta. Gli archeologi sottolineano la circostanza che la nave non ha subito saccheggi da parte di cacciatori di tesori sommersi e si trova ricoperta da uno spesso strato di sedimenti.

La nave è stata scoperta vicino alla spiaggia di Belinho, nel comune di Esposende e gli archeologi la reputano uno dei più importanti siti archeologici sommersi finora localizzati in Portogallo. “I dati indicano che si tratta di un naufragio avvenuto nella seconda metà del sedicesimo secolo – ha dichiarato l’archeologo Felipe Castro – di un naviglio probabilmente costruito nella penisola iberica e che faceva ritorno dall’Europa del Nord“. La vicenda del ritrovamento ha avuto inizio nel 2014, quando una tempesta riversò sulla spiaggia di Esposende diversi oggetti appartenenti all’imbarcazione: centinaia di piatti, bacinelle, proiettili che furono analizzati nel 2015 nell’ambito di un progetto europeo guidato dalla studiosa spagnola Ana Crespo Solana. La maggior parte degli oggetti è di stagno o di ottone, a parte i candelabri in bronzo e frammenti di pietra e metallo rivestiti di cuoio che potrebbero derivare, per gli esperti, da armi individuali degli occupanti la nave. Secondo l’archeologo Alexandre Montero, dell’Istituto di Archeologia e Paleoscienze dell’Università Nuova di Lisbona, “il potenziale che serba questa nave è unico, giacché non c’è alcun altro sito archeologico, sulla terra o sott’acqua, da cui siano stati recuperati così tanti piatti” del sedicesimo secolo. La dimensione dello scafo della nave è stata stimata tra i 20 e 25 metri, con grandi scomparti centrali larghi tra i due metri e mezzo e due metri.

A Esposende, molti ricercatori cercano di capire come questa nave fu costruita e quali legni furono usati e da dove provenivano, in un momento storico come il sedicesimo secolo in cui le potenze marittime maggiori incominciavano ad allargare i loro orizzonti commerciali e politici sul mare.

cannone portoghese del XVI secolo non proveniente dal relitto

Secondo l’archeologa Ana Paula Almeida, dalla Divisione Azione Culturale del Comune di Esposende, gli oggetti ritrovati, tra cui  ben 21 palle da cannone, 52 oggetti in lega di rame, 244 di stagno, 56 lastre di piombo e di pietra, e la zavorra della nave non dovrebbero essere estratti dal luogo di ritrovamento e lasciati sul fondo del mare. Il comune di Esposende, che da 30 anni sta valutando il tesoro archeologico del Castro de São Lourenço, vuole invece valorizzare turisticamente questa nuova scoperta dal mare. Il rischio può essere il saccheggio dei tanti materiali la cui importanza storica e’ certamente superiore a quella dei materiali specifici. Per sensibilizzare la popolazione locale e chiedere ai cittadini di collaborare per salvaguardare altri pezzi che possono apparire su quei chilometri di spiagge a seguito di fenomeni meteo marini violenti come le tempeste, gli archeologi subacquei stanno tenendo una serie di incontri educativi a Belinho.  

Siamo solo all’inizio e la ricerca continua.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 215 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Bruno Cammarota Bruno Cammarota
    05/02/2018    

    Perfetto. interessa molto comprendere le naturali condizioni di conservazione dello scafo in legno, tutelare tutti gli oggetti di grande senso anche ove non di grande valore. Sarebbe bello recuperare la nave ed esporla in situ. Forse con l’aiuto di fondi comunitari. Il Comune potrà valutare questa strada.
    Cordialità,
    Bruno Cammarota

    • 05/02/2018    

      il recupero degli scafi in legno e’ molto complesso … interessante fu la nave cartaginese di Marsala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

0 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share