If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un nuovo ritrovamento subacqueo nel lago di Van: si tratta forse delle rovine di un’antica città della mitica Urartu?

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELEL ACQUE 
PERIODO: XX SECOLO
AREA: TURCHIA
parole chiave: lago Van

nintchdbpict000368635126

Dalla superficie, il lago di Van assomiglia a qualsiasi altro grande specchio d’acqua. Il lago, il più grande della Turchia, si trova nella regione più orientale del paese, vicino all’Iran, ed  ha un sorprendente colore blu per cui è divenuto una nota attrazione turistica. Ma, sotto la superficie, sembra nascondere un mistero.

Negli abissi di Van
Andiamo con ordine, nelle cronache locali si tramanda che nelle sue profondità si trovino i resti di una città scomparsa da migliaia di anni.

Ruins-of-Armenian-castle-lake-Van

Durante un’immersione per esplorare il lago, gli archeologi dell’Università Van Yüzüncü Yil con dei sub ricreativi hanno trovato i resti di una presunta fortezza sottomarina. La scoperta ha scatenato la fantasia della stampa internazionale che ha ipotizzato siano i resti di Atlantide. Nonostante vi fossero molti dubbi sull’origine della struttura, i ricercatori hanno continuato con le ricerche, basandosi proprio su quelle leggende locali secondo cui antiche rovine di una città urtiana erano nascoste sotto l’acqua.

download

Gli archeologi hanno riferito alla stampa locale che il sito sembra estendersi per circa un chilometro. Le sezioni visibili delle mura della fortezza variano dai 10 ai 13 piedi facendo ipotizzare la cinta muraria di una fortezza. Sebbene un video mostra solo gli archeologi subacquei che nuotano nelle acque del lago blu turchese avvicinandosi a grandi pietre accatastate e ad un muro di mattoni, i fondali appaiono essere molto interessanti presentando curiose formazioni a camino.

lake van

Le restanti strutture della ipotizzata fortezza spaziano da cumuli di pietre sciolte a resti di pareti quadrate lisce. Sulla base delle prime valutazioni visive, gli archeologi stimano che i resti abbiano all’incirca 3.000 anni, il che significa che potrebbero essere stati costruiti durante il periodo urartiano che si colloca nell’età del ferro. La ricerca storica rivela un passato illustre legato ad Urartu, un’antica regione tra la moderna Turchia, l’Armenia e l’Iran.

DGA508486 Relief depicting offering bearers, from Urartu, Armenia; (add.info.: Hittite civilization, 1st millennium b.C. Relief depicting offering bearers. From Urartu, Armenia. Artwork-location: Ankara, Anadolu Medeniyetler Muzesi (Archaeological Museum)); De Agostini Picture Library / M. Seemuller; FRENCH PUBLISHING RIGHTS NOT AVAILABLE; out of copyright

rilievo che mostra personaggi che portano offerte votive da Urartu. civiltà ittita 1 millennio b.C.  Conservato ad Ankara, Anadolu Medeniyetler Muzesi (Archaeological Museum)); De Agostini Picture Library / M. Seemuller;  out of copyright

Il regno di Urartu
Le iscrizioni assiriche di Shalmaneser I (1274 a.C circa) menzionano per la prima volta Uruartri come uno degli stati di Nairi, una confederazione sciolta di piccoli regni e stati tribali nell’Altopiano armeno nel XIII – XI secolo a.C.. Uruartri si trovava proprio nella regione attorno al lago Van. Urartu riemerse in iscrizioni assire nel IX secolo a.C. come potente rivale settentrionale dell’Assiria, che si trovava a sud nel nord della Mesopotamia e nel nord-est della Siria. Gli stati e le tribù Nairi divennero un regno unificato sotto il re Aramu (860-843 a.C. circa), la cui capitale ad Arzashkun fu conquistata dagli Assiri sotto Shalmaneser III.

urartu-04

Al suo apice, il regno di Urartu si estendeva a nord oltre il fiume Araks ed il lago Sevan, comprendendo l’attuale Armenia e persino la parte meridionale dell’attuale Georgia quasi fino alle coste del Mar Nero; ad ovest fino alle sorgenti dell’Eufrate e da est a Tabriz, Lago Urmia e oltre mentre a sud fino alle sorgenti del Tigri.

Il conquistatore Tiglath Pileser III d’Assiria conquistò Urartu nel primo anno del suo regno (745 a.C.). Nel 714 a.C., il regno di Urartu subì pesantemente le incursioni dei Cimmeri e le campagne di Sargon II. Il tempio principale di Mushashir fu saccheggiato e il re uriano Rusa I fu sconfitto da Sargon II sul lago Urmia. Il figlio di Rusa, Argishti II (714-685 a.C.) ripristinò la posizione di Urartu contro i Cimmeri e la pace fu fatta con il nuovo re di Assiria Sennacherib nel 705 a.C. Urartu entrò in un lungo periodo di sviluppo e prosperità, che continuò durante il regno del figlio di Argishti, Rusa II (685-645 aC). Dopo Rusa II, tuttavia, l’Urartu si indebolì sotto gli attacchi costanti degli invasori Cimmeri e Sciti e si avvicino’ alla sua caduta definitiva. Urartu fu invasa dagli Sciti e dai loro alleati, i Medi. Nel 612 a.C., il re mediano Caxares il Grande insieme a Nabopolassar di Babilonia e agli Sciti conquistò l’Assiria dopo essere stato gravemente indebolito dalla guerra civile. I Medi conquistarono poi la capitale urartiana di Van verso il 585 a.C., ponendo effettivamente fine alla sovranità di Urartu. E’ interessano notare che molte rovine urartiane del periodo mostrano prove di distruzione con il fuoco. Un particolare da valutare nelle prossime ricerche subacquee.

Urartian_arch_near_Van._1973-640x427

Arco urartiano nei pressi di Van. 1973

Non c’è da meravigliarsi che il lago Van fu quindi un centro importante di questa antica civiltà. Un’iscrizione ritrovata proprio a Van su una roccia lungo il lago mostra il più antico disco di Urartian documentato. Gli archeologi ritengono che l’innalzamento dei livelli del lago abbia lentamente sommerso parti della città. Cosa non impossibile considerando la situazione tettonica locale. Le rovine di un grande villaggio di questo periodo si possono infatti ancora trovare intorno ai bordi del lago, al di sopra dell’attuale livello dell’acqua.

Sebbene Il team di ricercatori subacquei abbia fotografato e filmato i resti di una antica struttura in pietra tagliata, il sito deve ancora essere scavato da un team specializzato di archeologi subacquei. Ma il fatto che ci siano rovine subacquee non ancora scavate, che aspettano di essere esplorate, è un pensiero piuttosto affascinante di per sé. 

Non è la prima volta che il lago restituisce sorprese. In passato, furono trovati i resti di una nave affondata lunga 40 metri. La ricerca fu condotta per un anno dalla Lake Van Underwater Research Association (VANSAD), tra cui il direttore della fotografia subacquea Tahsin Ceylan e il suo team.

645x344-100-year-old-shipwreck-belonging-to-russian-military-discovered-in-lake-van-1484217352711

Sullo scafo appare scritto il suo nome ‘Akdamar‘, una nave russa affondata durante una tempesta nel 1948. La ricerca documentale ha rivelato che durante l’invasione russa ben tre navi da carico furono costruite in quella zona per il trasporto e il trasferimento di munizioni. Dopo che i russi si ritirarono dalla regione, una delle navi bruciò e affondò e due furono perse. La nave ritrovata urtò probabilmente delle rocce durante una tempesta mentre trasportava delle pecore. Secondo i ricercatori la nave è relativamente intatta in tutte le sue sezioni, compresa la timoneria.

In sintesi, questa nuova scoperta aumenterà il turismo subacqueo nella zona e, chissà, potrebbe portare ad altre scoperte di resti molto più antichi, risalenti all’epoca in cui il potente regno di Urartu regnava nella regione.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 257 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

25 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share