If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Coral Planting di Patrizia Stipcich

Coral-reef

E’ risaputo ormai che i nostri coralli sono in pericolo subendo pesantemente il coral bleaching e le interazioni antropiche. Finalmente anche i mass media ne hanno iniziato a parlare e la notizia si sta spargendo sempre di più. Per non parlare poi di quei viaggiatori (s)fortunati che riescono ad osservare con i propri occhi il cambiamento del reef nel corso degli anni.

17917893_1330238177065232_3161458208865509760_o

Mi chiamo Patrizia Stipcich, sono una biologa marina e ricercatrice subacquea scientifica  e da nove mesi lavoro alle Maldive nell’atollo di Baa. Nonostante la componente nectonica sia ancora abbondante in ogni isola di questo atollo, è abbastanza triste vedere come i colori del coralli, specialmente a basse profondità, stanno scomparendo lasciando tutti i turisti sempre più sorpresi e colpiti da questo fenimeno.

Un ecosistema delicato
17880665_1330238100398573_343534292996000088_o

La barriera corallina è uno degli habitat marini più importanti del pianeta ed è necessario preservarlo. La biodiversità al suo interno è paragonabile a quella delle foreste pluviali sulla terra. È una zona di nursery per moltissime specie di pesci, può fornire a molti organismi cibo e riparo ed inoltre è fondamentale per il ciclo del carbonato in quanto la struttura scheletrica dei coralli duri è costituita da carbonato di calcio. I motivi per cui il reef sta pian piano morendo sono molti. Partendo dalla pressione umana e l’inquinamento che l’uomo porta nel mare, continuando con l’innalzamento delle temperature dell’acqua dovute al riscaldamento globale, finendo con altre fenomeni naturali, come ad esempio El Nino, che portano grandi cambiamenti per tempi relativamente lunghi nella vita di ogni animale o vegetale che costituisce il reef.

17917279_1330237603731956_2505035397979504679_o

Il Coral Planting è una tecnica che sta prendendo sempre più spazio nei paesi tropicali perché ci permette di poter aiutare i coralli duri a poter sopravvivere e crescere. A causa di snorkelisti o subacquei disattenti o di eventi atmosferici forti, molti coralli vengono rotti staccandosi dalla propria colonia. Se questi frammenti di corallo rimangono sul fondale la possibilità di sopravvivenza è davvero bassa a causa della sabbia che potrebbe entrare nei pori e soffocare così i polipi dei coralli causandone la morte. Le immagini che vederete nell’articolo mostrano e tecniche di planting che sembrano dare degli ottimi risultati per contrastare il fenomeno.

Come effettuiamo il coral planting

26221151_10215479269999815_2409408372128375400_o

Il coral planting consiste nel collezionare i frammenti di coralli staccati dalla colonia e fissarli su una struttura posta successivamente ad una profondità media di 3-4 metri. Una volta fissati sono in grado di riprendersi e di crescere seppur piano piano.

I Pocilloporidi, secondi solo alla famiglia degli Acroporidae,pocillopora-danae-o-kelleri-corretta---p1060401_resize si ritrovano in quasi tutti gli habitat, dalla cresta alla parte pianeggiante della barriera, in zone poco profonde e nella laguna. Presenta diverse forme, la maggior parte ramificate sotto forma cespugliosa o digitata. La loro crescita subisce gli effetti dell’esposizione al moto ondoso e dall’intensità dei raggi luminosi. In ambienti dove il moto ondoso è importante, le colonie restano di piccole dimensioni, con ramificazioni robuste e spesse. Questi coralli sono ermafroditi che incubano le loro uova e rilasciano le loro larve durante l’anno. Come per i coralli ramificati della famiglia Acroporidae anche fra le ramificazioni dei Pocilloporidae è possibile trovare un’alta diversità di comunità di invertebrati e pesci.

È necessario valutare bene la posizione in cui la struttura viene posta perché i coralli hanno bisogno di luce, di temperature ottimali e di una media corrente che possa fornire il plancton di cui si nutrono. La tecnica che utilizzo è molto semplice. Principalmente utilizzo frammenti della famiglia Pocilloporidae. Sono molto disponibili nei reef maldiviani ed inoltre i coralli appartenenti a questa famiglia hanno un buon tasso di resilienza e di ripresa dopo un evento di stress. I frammenti vengono fissati con fascette ad una struttura di ferro ricoperta da sabbia.

26240007_10215479270599830_2360446288041003586_o

È possibile fissare i coralli all’esterno dell’acqua. Oltre al nostro team abbiamo spesso l’aiuto di qualche turista che,  oltre alla bellezza del resort,  dimostra di tenere veramente alla vita della barriera corallina. Una volta fissati con le fascette alla struttura, essa viene portata in mare e quindi sott’acqua con l’aiuto dei subacquei del team.

17917279_1330237603731956_2505035397979504679_o

Dopo qualche giorno la parte lunga della fascetta di plastica viene tagliata per evitare che alcune specie di alghe possano crescerci sopra ed occupare così lo spazio che serve al corallo per crescere.

26695391_10215479307760759_1281921267_o

Fortunatamente in questo la natura mi aiuta, in quanto ci sono moltissimi pesci erbivori che si nutrono delle alghe che crescono sul o attorno al corallo. Le strutture hanno bisogno poi di manutenzione ed è per questo che almeno una volta ogni dieci giorni, con l’aiuto di un semplice spazzolino da denti, vado a rimuovere tutte le alghe che crescono intorno. Dopo già uno o due mesi si possono vedere le differenze.

26685574_10215479291280347_248202449995057359_o

La fascetta plastica con cui il frammento è stato fissato alla struttura viene completamente ricoperta da nuove componenti del corallo e, a seconda della specie, anche una parte della struttura di ferro viene colonizzata. Quando la crescita sarà costante allora sarà possibile spostare la struttura ad una profondità più elevata.

Educazione per sopravvivere
Per concludere vorrei aggiungere che tutti con le nostre  azioni quotidiane possiamo fare qualcosa per l’ambiente e per le nostre barriere coralline. L’educazione è il primo passo per poter avere un cambiamento. Educate i vostri amici, educate voi stessi, cercate sempre  nuove soluzioni ai nuovi problemi. Considerate che le risorse ittiche non sono infinite e scegliete pesce proveniente da una pesca sostenibile. Conservate l’acqua, riducete il tempo che impiegate per fare una doccia e chiudete il rubinetto quando lavate i denti. Fate volontariato con gruppi ambientalisti. Non utilizzate o limitate l’uso delle sostanze chimiche per le vostre  piante. Riducete la quantità di plastica che utilizzate tutti i giorni e riciclate il più possibile.  Ogni azione errata causa una reazione nell’ambiente. I coralli sono un dono e non comprateli come regali, accontentatevi di osservarli nel loro ambiente marino.

 

patrizia stipcicPatrizia Stipcich
Biologa marina
ricercatrice subacquea scientifica ISSD

 

 

print
(Visited 138 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Smrutica J Smrutica J
    20/01/2018    

    Love this! Good job Patrizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share