If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Immergersi sott’acqua in inverno – parte I di Giorgio Caramanna


cold-831x457

Con l’inizio della stagione invernale il mare inizia a perdere il calore immagazzinato durante l’estate, divenendo progressivamente più freddo. In questo articolo vedremo cosa accade al nostro corpo ed alla nostra attrezzatura subacquea quando la temperatura è  bassa e come possiamo prepararci al meglio per immergersi in sicurezza in acque fredde.

Produzione di calore
lowbody2
Il nostro corpo è “progettato” per funzionare entro un ristretto intervallo termico attorno ai  37 oC. Per mantenere questa temperatura dobbiamo continuamente generare calore attraverso il metabolismo. Durante l’attività fisica circa l’80% dell’energia usata e’convertita in calore. Il glucosio è  la fonte principale per l’energia metabolica, la maggioranza del glucosio nel nostro corpo e’ accumulato nel fegato come glicogeno. In ambienti freddi il consumo di glucosio è molto elevato e l’unico modo per evitare di divenire ipotermici è  di compensare il consumo con una dieta adeguata che permetta di ingerire un sostanziale numero di calorie. Oltre al glucosio per produrre calore abbiamo bisogno di ossigeno; esperimenti hanno dimostrato che un individuo a riposo aumenta il consumo di ossigeno da 0.28 l/minuto a 1.02 l/minuto quando la temperatura centrale del corpo diminuisce di 0.6 oC.

Perdita di calore in acqua
image001
Il calore viene trasferito secondo quattro processi: irraggiamento (ad esempio quando esposti al sole), conduzione (ad esempio quando siamo a contatto con una superficie calda), convezione (ad esempio quando usiamo l’aria condizionata) ed evaporazione (ad esempio quando sudiamo). Per il subacqueo in immersione conduzione e convezione sono le principali modalità di perdita di calore. La componente evaporativa invece diviene importante una volta emersi quando siamo bagnati ed esposti al vento. Un grammo di acqua che evapora dalla superficie della pelle estrae circa 580 calorie dai tessuti sottostanti. Questa perdita di calore è  sufficiente a ridurre la temperatura di un litro di acqua di circa 0.56 oC.

1367Fin dai primi corsi sub abbiamo imparato che l’acqua non solo è  più densa dell’aria ma che conduce il calore circa 23 volte più efficacemente dell’aria; la conseguenza è  che il nostro corpo immerso in acqua perde calore 4-5 volte più rapidamente che quando esposto alla stessa temperatura in aria.  Per essere più precisi il coefficiente di trasferimento termico dell’acqua (espresso in W/m2 /oC) e’44 mentre quello dell’aria è 2. Questo valore aumenta se l’acqua attorno al nostro corpo è  in movimento arrivando fino a 400 quando nuotiamo perché la perdita di calore per convezione è  aumentata. Per questo stesso motivo a parità di temperatura l’acqua è percepita più fredda dell’aria; infatti la temperatura definita “neutra” (ossia quella alla quale il calore prodotto dal metabolismo e quello assorbito dall’ambiente sono in equilibrio) è di 26 oC in aria ma sale a 35 oC in acqua. Se non si usano protezioni termiche la perdita di calore associata con l’immersione in acqua a 20 oC supera la capacità di produzione di calore metabolico portando progressivamente ad una situazione di ipotermia.

Tabella 1 . Fattore di raffreddamento in funzione della temperatura dell’acqua.

Temperatura dell’acqua ( oC) Fattore di raffreddamento ( oC/ora)
20 0.5
15 1.5
10 2.5
5

4.0

0 6.0

Una fonte di perdita di calore da non trascurare è quella dovuta alla respirazione
In superficie circa 8-10% del calore prodotto dal nostro corpo viene perduto per l’evaporazione dai polmoni e dalle vie aeree; questo valore aumenta considerevolmente durante un’immersione perché il gas respirato diviene progressivamente più denso e la componente di perdita di calore per conduzione aumenta.

download

Ad esempio un subacqueo che respira un gas a 4 oC alla pressione di 30 atmosfere perderà rapidamente tutto il suo calore metabolico attraverso il sistema respiratorio. Per questo motivo i subacquei professionisti che lavorano in saturazione ad alta profondità usano speciali mute ad acqua calda e spesso respirano miscele riscaldate. Nella seconda parte di questo articolo, che pubblicheremo  a breve,  vedremo l’impatto del freddo sui subacqueo e sulle loro attrezzature.

Giorgio Caramanna
geologo
oceanografo

print

(Visited 151 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share