If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La guerra navale di secessione americana, i primi siluri

437E62B200000578-4816684-The_HL_Hunley_artist_s_impression_fought_for_the_confederacy_in_-a-71_1503505472868Una guerra fratricida
La Guerra Civile americana (1861-1865) favorì lo sviluppo di queste armi; non essendo i Confederati in possesso di una vera Marina da Guerra, il Presidente Davis dovette ricorrere a privateers per ostacolare le navi nordiste che cercavano di bloccare l’accesso ai porti del Sud. Tutto ebbe inizio all’indomani della battaglia di Bullrun (21 luglio 1861) quando gli Unionisti, duramente sconfitti dalle forze del Sud furono dispersi. Il Presidente Abramo Lincoln comprese che bloccandone i porti e le vie di comunicazione avrebbe potuto piegare la resistenza Confederata. In quegli anni la Marina dell’Unione era cresciuta numericamente, convertendo ed armando molte navi mercantili, ed aveva condotto campagne di supporto dell’Esercito conquistando molti porti e riaprendo il Mississipi. Le forze terrestri confederate erano divise geograficamente ed i “privateers”, che rappresentavano la Marina del Sud, non avevano mezzi idonei per rompere il blocco navale. In una situazione di evidente squilibrio alle forze sudiste non rimase che ricorrere su larga scala alle mine navali. Sotto l’impulso dell’energico Segretario alla Marina, Stephen Mallory, venne dato il via ad un eccezionale potenziamento del settore, istituendo un apposito Ufficio, affidato alla direzione del capitano Matthew Fontaine Maury, un eclettico scienziato, astronomo e geografo di fama internazionale.


confederate kegs

Maury aveva ideato, nel 1861, il primo sistema elettrico per comandare a distanza le mine, che consentì al capitano Beverly Kennon di effettuare il minamento del fiume Potomac e di creare la prima difesa sistematica costiera lungo il Mississippi. Kennon sviluppò le prime tattiche di minamento difensivo prevedendo il supporto reciproco di campi minati e di batterie costiere. Per incentivare la ricerca, il Governo Confederato emanò una legge che concedeva a tutti coloro inventassero nuovi ordigni in grado di affondare un vascello nemico il 50 % del valore dello stesso e del suo armamento. Considerando il valore di un’unità navale la proposta fu decisamente allettante e innumerevoli modelli, costruiti spesso artigianalmente furono impiegati. L’uso di pagare “per nave affondata” fa comprendere quanto la Marina ufficiale, specialmente quella dell’Unione, osservasse con comprensibile sospetto questi sviluppi.

keg_drawNon passò molto e i campi minati cominciarono a diventare un vero incubo per le navi nordiste: 123 mine furono posate nella sola rada di Charleston. Durante la guerra civile circa 27 navi maggiori federali furono affondate da quelle che venivano definite all’epoca le “infernal machines”.


Uss_Cairo_h61568

La prima nave nella storia affondata da una mina fu la U.S.S. Cairo, appartenente alla classe Ironclad. La U.S.S. Cairo, in pattugliamento sul Mississippi, preceduta da alcuni battelli avvista-mine, il dodici dicembre 1862, saltò su una mina attivata da una stazione confederata posta sulla sponda vicina.

cairoLa mina consisteva in un cilindro da cinque galloni di polvere nera ancorato sul fondo del fiume Yazoo il cui detonatore era collegato tramite dei cavi elettrici ad una stazione di controllo a terra. La Marina dell’Unione inizialmente non prese sul serio la minaccia e continuò a dedicarsi allo sviluppo delle nuove unità Ironclad, ovvero di navi, pesantemente armate, con lo scafo in legno protetto da corazzature in ferro, precorritrici delle corazzate.

Damn the Torpedoes
Un episodio curioso, passato alla storia della Marina americana, fu l’ordine dato dall’ammiraglio David Farragut direttamente al comandante della nave comando, il 5 agosto 1864, durante la battaglia navale della Baia di Mobile (Alabama), di procedere non curandosi dei campi minati, che avevano appena affondato il Monitore Tecumseh. Al di là dell’esito favorevole della manovra che consentì di forzare il campo e penetrare all’interno la baia, il  “… Damn the torpedoes! Captain Drayton go ahead …”  è rimasto nella storia come un esempio di limitata visione … operativa. La fortuna di Farragut fu che la maggior parte delle mine confederate erano al momento non pericolose, sia a causa dell’escursione della marea, che le aveva portate a profondità maggiori del pescaggio delle unità in transito, evitando così urti disastrosi che avrebbero capovolto l’esito della battaglia, sia per la corrosione dei cavi elettrici di controllo delle mine che le avevano rese non utilizzabili. Farragut_03Morris afferma che Farragut nei giorni precedenti avesse fatto monitorizzare le aree minate per cui nel suo attacco si mosse oculatamente attraverso le barriere minate; inoltre ritiene che l’incidente del USS Tecumseh fu semplicemente dovuto ad un errore di navigazione del Monitore e non ad un’azione frettolosa e spavalda. Analizzando tecnicamente la sua azione, la decisione di Farragut, anche se basata su dati di intelligence, è discutibile. L’esatta conoscenza della posizione dei campi lo avrebbe favorito nel transito solo qualora fosse stato in possesso di un adeguata capacità di navigazione di precisione per evitarli (cosa all’epoca non disponibile). Considerando che i sistemi di navigazione dell’epoca, per lo più basati sulla bussola e su triangolazioni ottiche di punti noti sulla costa (tra l’altro molto piatta e con scarsi riferimenti), non consentivano grandi precisioni, specialmente in acque ristrette l’ordine fu avventato. Dalle fonti storiche le mine, controllate o ad urtanti, furono posate su tre sbarramenti ed avevano caratteristiche (quota della cassa e batimetria) differenti per cui l’ipotesi giustificativa di informazioni intelligence accurate è anch’essa da scartare. Anche se Farragut fosse stato in possesso dei piani di minamento confederati, il procedere a tutta forza in acque ristrette ed in prossimità di un campo di mine ormeggiate sarebbe stato comunque discutibile. Inoltre, lo stato di efficienza, o meglio di deficienza, del campo minato non poteva essere dato per scontato. L’azione di Farragut ebbe però successo e la flotta dell’Unione riuscì a penetrare nella baia ed a catturare la nave confederata C.S.S. Tennessee. In seguito, Farragut scrisse: “ … I have always deemed it unworthy of a chivalrous nation, but it does not do to give your enemy such a decided superiority over you …”. Era un riconoscimento del cambiamento in atto; le mine erano divenute un’arma strategica e tattica che poteva dare una pericolosa superiorità anche a fazioni meno capaci militarmente. I tentativi di individuare le torpedini e di distruggerle causarono molte vittime fra i nordisti che dovettero rivedere i loro piani prendendo coscienza che questa  nuova insidiosa minaccia avrebbe cambiato radicalmente il modo di condurre le guerre in mare. Ma quella che io chiamo “la sindrome di Farragut”, non abbandonò gli Stato Maggiori, preoccupati di avere flotte possenti più di acquisire armi efficaci. La situazione non sembra essere tanto diversa nemmeno nei nostri giorni quando giganti del mare sono bloccate da armi relativamente primitive  ma con alto valore strategico.

David 
437E62C900000578-4816684-The_Hunley_s_torpedo_was_not_a_self_propelled_bomb_as_we_think_o-a-75_1503505473114Nello stesso periodo apparvero anche nuove unità navali di attacco, con gran parte dell’opera morta sommersa, denominate “David”.  Il loro nome gli fu dato dal suo inventore, il capitano Francis D. Lee, riferendosi al Davide biblico che con una fionda aveva ucciso il gigante Golia. I David erano dotate di cariche esplosive da 134 libbre posizionate alle estremità di lunghi pali prodieri che impiegavano per speronare le navi nemiche  portando così  le cariche a contatto con lo scafo avversario. Le cariche avrebbero dovuto esplodere momento dell’urto. Nonostante l’idea fosse originale, i David non collezionarono successi fino al 1863 quando furono ulteriormente sviluppati dal consorzio di Horace Hunley con la costruzione del semi sommergibile Hunley.

437ED88E00000578-4816684-image-a-82_1503505580762

Questo innovativo mezzo, battezzato, H.L Hunley, non fu molto fortunato ed affondò tre volte. Durante la prima missione, quando ancora ormeggiato al molo, la scia ondosa di una nave di passaggio lo sommerse e i cavi  di ormeggio lo trascinarono sott’acqua. In seguito,  recuperato e riallestito, durante un uscita di prova, un membro dell’equipaggio dimenticò una valvola aperta e il battello affondò uccidendo tutta l’equipaggio di otto uomini. Tuttavia, la Marina confederata continuò i suoi sforzi ed il mezzo fu ritrovato, modificata e rimesso in servizio per una missione reale; era il febbraio 1864, quando l’Hunley affondò l’U.S.S. Housatonic.  L’azione ebbe successo ma il battello affondo’ per cause sconosciute. I suoi resti furono ritrovati nel 1995, quando una squadra di cacciatori di relitti l’ha riscoperta, con ancora i resti dei membri dell’equipaggio al suo interno. Nel 2000, il relitto fu recuperato, tuttavia, ancora oggi non e’ chiaro che cosa avvenne. Rimase  forse solidale con la sua arma al momento dell’esplosione condividendo l’affondamento o fu soltanto danneggiata dall’esplosione sprofondando poi sul fondo del fiume?

437E781A00000578-4816684-The_Hunley_was_raised_from_the_bottom_of_the_ocean_in_2000_The_7-a-73_1503505472887

Per capire la sua azione bisogna parlare della sua arma, denominata spar-torpedo che, storicamente,  rappresentò il primo tentativo di utilizzare dinamicamente una carica. L’Hunley era infatti destinato ad attaccare usando una carica esplosiva rimorchiata. Il battello doveva avvicinarsi alla nave nemica in superficie, quindi immergersi sotto di lei e colpirla a contatto con la carica galleggiante. 

Questo piano fu scartato perché troppo pericoloso, per cui fu realizzato una specie di siluro, un cilindro di rame contenente 61 chilogrammi di polvere nera attaccato ad un’asta di legno lunga 6,7 m. da posizionare sotto gli scafi nemici tramite una lancia.

hunley-torpedo

Una volta giunti sotto la nave bersaglio, l’ordigno si sarebbe dovuto incastrare al di sotto dello scafo e quindi fatto detonare tramite un grilletto meccanico mentre il mezzo si allontanava dal bersaglioNella configurazione usata nell’attacco all’Houseatonic, sembra che l’ordigno portato dall’Hunley fu progettato per esplodere a contatto mentre veniva spinto contro la nave nemica a distanza ravvicinata, una missione suicida o i cui effetti erano stati mal calcolati. Dopo la morte di Horace Hunley, il generale Beauregard ordinò che il sottomarino non fosse più usato per attaccare sott’acqua ma gli studi di questa torpedine “mobile” furono continuati. Non a caso, nella Prima Guerra Mondiale, con il termine torpedini (in inglese torpedo) vennero chiamati i siluri (definiti “torpedini auto propulse”) mentre le cariche statiche assunsero il nome attuale di mine navali.

print
(Visited 150 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share