If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I fondali antistanti Alessandria d’Egitto regalano sempre nuove sorprese di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: III a.C.
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Alessandria d’Egitto
.


Alessandria, situata sulla costa mediterranea dell’Egitto, ha visto molti cambiamenti nei suoi 2.300 anni di storia. Come ricorderete la grande città fu fondata dal generale greco Alessandro Magno nel 331 a.C. e fu famosa per aver ospitato nell’antichità il sito del Pharos, il grande faro considerato una delle sette meraviglie del mondo antico, ed il Tempio di Serapis, il Serapion, che faceva parte della leggendaria biblioteca di Alessandria.

pharos alexandria

il faro di Alessandria

Con Alessandro Magno la piccola città crebbe rapidamente, trasformandosi da un modesto villaggio in riva al mare fino alla più grande e importante metropoli dell’antico Egitto. Una potente città che rivaleggiava con Roma per ricchezza. Con i Tolomei, discendenti del grande condottiero macedone, Alessandria divenne la sede della dinastia tolemaica, di fatto ellenizzando il mondo egizio.

Storia
Dopo aver conquistato la Siria nel 332 a.C., Alessandro Magno entrò in Egitto con il suo esercito e scelse proprio Alessandria, una piccola città portuale chiamata Rhakotis, per  trasformarla in una grande capitale. Strabone scrisse che progettò lui stesso il piano di sviluppo della città con ” … magnifici quartieri pubblici e palazzi reali che coprono un quarto o addirittura un terzo dell’intera area. Proprio come ognuno dei re, dall’amore per lo splendore, avrebbe aggiunto qualche ornamento ai monumenti pubblici, così si sarebbe provveduto a proprie spese con una residenza in aggiunta a quelle già esistenti “.

tolemei coin

Sebbene Alessandro fosse molto ammirato dagli Egizi (persino dichiarato semidio dall’oracolo di Siwa), lasciò l’Egitto solo pochi mesi dopo il suo arrivo per marciare sulla potente città di Tiro in Fenicia. Fu lasciata la reggenza ad un suo generale, Cleomenes, con l’incarico di costruire una città che avrebbe dovuto celebrare la grandezza di Alessandro. La piena espansione di Alessandria avvenne sotto il dominio del generale Tolomeo dopo la morte di Alessandro, avvenuta nel 323 a.C.. Con Tolomeo ebbe inizio la dinastia tolemaica.

Dopo la morte di Alessandro, Tolomeo portò il suo corpo ad Alessandria per esservi tumulato. Alessandria divenne quindi la capitale delle terre di Egitto, soppiantando la vecchia capitale egizia di Menfi, sostituendosi, per il traffico marittimo, alla fenicia Tiro che era stata distrutta da Alessandro. Non c’e da meravigliarsi che Alessandria assunse in breve tempo la leadership dei traffici marittimi di tutta la ragione.

PALAZZO-CLEOPATRA-3-Copia

Sebbene l’Alessandria tolemaica sia stata considerata, negli ambienti accademici, non  parte dell’Egitto ma città-stato greca separata dai confini dell’Egitto, nel 1998, fu fatta una importante scoperta archeologica ad Alessandria che confermò la natura faraonica di Alessandria d’Egitto. Il leggendario palazzo reale di Cleopatra, in cui la regina aveva sedotto Giulio Cesare e poi Marco Antonio, fu riscoperto nei fondali fangosi della baia dove era rimasto per più di 1600 anni. Questa straordinaria scoperta fu effettuata dall’Istituto europeo di archeologia subacquea (IEASM) che aveva avuto il permesso, già dagli anni ’90, di effettuare delle ricerche nella parte orientale del porto orientale, dove era noto si trovasse il quartiere reale tolemaico. Dopo anni di dettagliate mappature e ricerche nella zona, Frank Goddio, il leader francese della squadra subacquea di archeologi, annunciò che aveva scoperto il palazzo reale di Cleopatra (51-30 a.C.), l’ultimo dei governanti tolemaici.

2f195a0c83eff9b569e8b7cf7b524439--cleopatra-alexandria
I sommozzatori scientifici trovarono pavimenti di marmo e blocchi di granito rosso sull’isola sommersa di Antirhodos, che fornirono a Goddio ulteriori prove sulla posizione del palazzo della grande regina. I sommozzatori riferirono di aver visto colonne e capitelli, fornaci e bacini – alcuni dei quali erano descritti come i “Bagni di Cleopatra“; grandi blocchi di pietra calcarea, statue di divinità egiziane e persino dei resti di mura. Tra le scoperte ci sono statue colossali della dea egizia Iside, il dio Hapi, e un faraone egiziano non identificato – tutti conservati in condizioni immacolate dal loro sudario sepolcrale. Insieme a queste statue di sedici piedi ci sono centinaia di piccole statue di divinità egizie – tra le quali le figure che custodivano il tempio dove Cleopatra fu proclamata Regina del Nilo. Ma le sorprese non sono finite e Alessandria riserva ancora agli archeologi ed ai ricercatori nuove emozioni.

marco antonio relitto alessandria

Recentemente, i relitti di tre navi risalenti all’epoca romana sono stati scoperti durante gli scavi svolti da una missione egiziana in collaborazione con l’Istituto europeo di archeologia subacquea nel porto orientale di Alessandria. L’annuncio è stato dato dal  segretario generale del Consiglio supremo egiziano delle antichità, Mostafa al-Waziry.

46A1249C00000578-5104297-image-m-20_1511439284773

Al-Waziry ha rivelato che la missione, tra i tanti spettacolari ritrovamenti, ha scoperto un’importante testa di una statuetta in cristallo, probabilmente raffigurante il grande generale romano Marco Antonio, tre monete d’oro dell’epoca dell’imperatore Ottaviano Augusto ed una barca rituale in piombo del dio Osiride. I ritrovamenti sono avvenuti sui resti della città sommersa di Heraklion, situata nel Golfo di Abuquir, sempre nei pressi di Alessandria. Ossama al-Nahas, capo del Dipartimento centrale delle antichità subacquee, ha riferito  che i relitti delle navi scoperte potrebbero ancora nascondere molti tesori. Il fasciame di una quarta nave, con grandi assi di legno, è stato identificato insieme a vasi di ceramica che potrebbero aver fatto parte del carico del relitto. Come sempre l’avventura archeologica negli abissi del mare continua ed Alessandria d’Egitto ha ancora molto da restituirci.

Andrea Mucedola

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 509 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share