If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

… e se creassimo una rete ecologica marina artificiale utilizzando le piattaforme sommerse dell’Adriatico?

piatt adr oo

Nel 1965, dodici miglia a largo dalla costa di Ravenna, la piattaforma metanifera off-shore Paguro esplose ed affondò  andando ad adagiarsi interamente sul fondo del mare. Il relitto, abbandonato a sé stesso sul fondo marino fangoso dell’Adriatico, nel giro di pochissimi anni da ricordo sommerso di una tragedia si è trasformato in una vera e propria oasi biologica sommersa, colonizzata da tantissime diverse creature marine e pesci di ogni tipo. Divenne in breve meta per i subacquei ricreativi, in virtù dell’eccezionale ricchezza di vita marina che aveva trovato il modo di svilupparsi in quell’inedito reef artificiale protetto dalle reti dei pescatori.

piattafporme adr 2Il 21 luglio 1995, per il grandissimo valore biologico che il relitto aveva ormai acquisito, il Ministero delle Politiche Agricole, emise un Decreto di istituzione di “zona di tutela biologica”, peraltro ulteriormente definita con il successivo Decreto del 05 novembre 1996, per una maggiore estensione di 700000 metri quadrati. Nella primavera del 1997, grazie alla positiva volontà di ENI-Agip, venne poi attuato un primo  progetto per il riutilizzo di piattaforme off-shore dismesse al fine di incrementare il “reef artificiale” del relitto del Paguro, all’interno della “zona di tutela biologica”.

In pratica vennero  così messi in posa sul fondo marino, ad un centinaio di metri dal relitto,  cinque tralicci di sostegno off-shore dismessi dall’ENI-Agip” sulla base di un progetto approvato dal tavolo di tutti gli Enti interessati (tra cui la Capitaneria di Porto, la Regione Emilia-Romagna, i vari Ministeri, ecc.). La zona di influenza biologica marina diventò cosi  ecologicamente più estesa, e con essa il suo valore di tutela della biodiversità biologica marina ancor più elevato. A seguire, in data 10 febbraio 2010, con Legge Regionale, l’Emilia-Romagna istituì ufficialmente il relitto della piattaforma Paguro come primo SIC (Sito di Importanza Comunitaria) marino regionale all’interno della RETE NATURA 2000. Attualmente, ogni anno, nei soli weekend estivi, vi si effettuano circa 4.000 immersioni.

piatt adr 0E non vi si immergono solo ravennati, bensì moltissimi subacquei provenienti da tutta la Regione ed anche dall’estero (in particolare dall’Austria e dalla Germania) portando un nuovo indotto turistico ed economico alla regione. Ora, partendo dal presupposto che il relitto del Paguro è situato a 12 miglia dalla costa ravennate, che si impiega circa un’ora per raggiungerlo con le barche appositamente organizzate e che attualmente di fronte alla costa dell’Emilia-Romagna sono attive circa ottantacinque piattaforme off-shore ENI, nell’ipotesi di una loro dismissione futura, si potrebbe ipotizzare un loro impiego  turistico sul posto.

Queste piattaforme marine off-shore nel momento della loro dismissione, anziché essere portate a terra e smantellate come ferrovecchio (con costi decisamente importanti), potrebbero essere bonificate e posate sul fondo marino, in maniera studiata, per creare una vera e propria rete ecologica marina sommersa artificiale. In particolare, potrebbero essere posizionate in aree di mare già vietate alla pesca, e possibilmente in posizioni più vicine alla costa (in armonia con tutte le esigenze di sicurezza e tutela della navigazione), al fine di renderle turisticamente più fruibili e creare un ancor maggiore valore biologico ed ecologico in quanto aree di maggior riproduzione ittica. Al di là delle modalità tecniche del loro posizionamento, il valore Turistico-Biologico-Ecologico di tutta una serie di relitti ben posizionati di fronte alla costa emiliano-romagnola sarebbe enorme:  da una parte una vera e propria rete ecologica marina artificiale di tutela della biodiversità e ripopolamento ittico, e dall’altra un nuovo parco regionale dei relitti sommersi che diverrebbe un’incredibile fonte di “attrattività” turistica unica nel suo genere.

piattaforme adr

Si tratterebbe in primis del turismo subacqueo, ovvero di un turismo “ricco”, praticato a tutte le età,  desideroso di servizi, attrezzature, alberghi, ristoranti, bar, ecc..  Inoltre, i turisti subacquei, essendoci più relitti da esplorare potrebbero soggiornare per molti più giorni, accompagnati dalle proprie famiglie che, nel frattempo, potrebbero godersi tutte le altre attrattive offerte dalla costa emiliano-romagnola. Questo con grandi risparmi economici operativi da parte di ENI per lo smaltimento delle sue piattaforme e da  a costo zero per lo Stato, la Regione e gli Enti locali, con un incremento di territorio, naturale e fruibile, sia dal turismo che dalla natura.

In questo  video documentario estremamente interessante degli Stati Uniti (golfo del Messico)  è possibile vedere cosa ha creato la messa in posa sul fondo marino di grandi navi in dismissione, sia dal punto di vista biologico che da quello turistico:

Uno studio molto approfondito  è inoltre liberamente disponibile in questa  pagina.

fototessera_luca_vignoliLuca Vignoli, classe 1970, laureato in scienze ambientali indirizzo marino e dottorando in pianificazione energetica con il dipartimento di ingegneria ambientale dell’Università di Bologna, lavora all’Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente e Energia dell’Emilia-Romagna presso il centro tematico Energia e Valutazioni Ambientali Complesse. Istruttore ed operatore tecnico subacqueo ha lavorato in Mar Rosso e in Italia. E’ autore del sito internet www.vegetazionecostiera.it sulla vegetazione costiera dell’Emilia-Romagna; ha brevettato lo strumento SLPCS (supporto lombare per cintura subacquea) e pubblicato il libro “Minavagante” sulle sue avventure subacquee a Sharm El Sheikh. (www.lucavignoli.it

print
(Visited 118 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share