If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Genova e La Spezia: da Napoleone ai Savoia di Emiliano Beri

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Napoleone, Savoia

genova venduta dopo il congresso di vienna

Genova venduta dopo il congresso di Vienna


Come cambiò l’Italia dopo il congresso di Vienna
Sono i Savoia coloro che arrivano a Genova dopo Napoleone. Durante il Congresso di Vienna il territorio della Repubblica di Genova viene assegnato al Regno di Sardegna, in barba al principio del ritorno allo status quo ante 1789; i Savoia ottengono così l’agognata Liguria (avevano già provata a conquistarla nel 1625 e nel 1672 subendo sonore batoste). La situazione del Regno di Sardegna è particolare in questo momento perché è uno degli Stati cuscinetto che vanno a formare la cintura di sicurezza voluta da Gran Bretagna, Austria, Prussia e Russia ai confini orientali della Francia.

Il Congresso di Vienna del 1814 decise l’annessione di Genova al Regno di Sardegna. La scelta non fu approvata dai cittadini poiché il re Carlo Felice, che governò dal 1831, applicava una politica repressiva. I cittadini di Genova sospettarono subito di Lord Bentinck che avrebbe tratto un vantaggio economico dalla cessione della Liguria al Regno di Sardegna.

Perché una cintura sia di sicurezza non basta costruirla con Stati cuscinetto, bisogna anche dotare gli Stati cuscinetto di grandi opere di difesa in grado di reggere ad un attacco delle armate francesi (Napoleone è già tornato dall’esilio una volta e le potenze che lo hanno sconfitto temono che possa replicare l’impresa). Sotto la supervisione di Gran Bretagna, Austria e Prussia negli Stati ai confini orientali della Francia iniziano i lavori per creare un cordone di grandi capisaldi fortificati: fortezze e piazzeforti dal Mare del Nord al Mediterraneo.

Garneray-genova-800

Genova nell’800 – quadro di Ambroise Louis Garneray

Il Regno di Sardegna fortifica le Alpi e ha in Nizza la piazzaforte più vicina al confine francese. Ma Nizza è troppo esposta, è oltre lo spartiacque alpino, può essere aggirata e tagliata fuori facilmente. La difesa del fianco meridionale della parte continentale del Regno (che comprende gli attuali Piemonte e Valle d’Aosta, oltre a Liguria e Nizzardo) deve essere collocata in posizione più arretrata. Viene scelta Genova come grande caposaldo meridionale, ossia come terminale mediterraneo del cordone di fortezze. La morfologia del territorio genovese si presta ottimamente alla difesa (gli assedi del 1747 e del 1800 lo hanno dimostrato) e il suo grande porto permette una facile comunicazione marittima con un Mediterraneo controllato dall’alleata flotta britannica. Genova viene quindi trasformata dai Savoia nella più grande piazzaforte del Regno, una «cittadella del Piemonte» in cui l’esercito sabaudo può rifugiarsi in caso di superamento dei valichi alpini da parte dei francesi, e in cui può essere comodamente approvvigionato e sostenuto via mare da vettovagliamenti e rinforzi trasportati dalle navi britanniche.

Genova_-_cinta_muraria_medioevale

Nell’incisione di anonimo su acciaio del 1886 è visibile la serie delle prime quattro cinte murarie di epoca medioevale, dalle prime due – antecedenti all’anno 1000 – alla terza edificata nel 1155 e ampliata nel 1276, fino alla quarta risalente al 1346 – wikipedia pubblico dominio

La grande opera di fortificazione di Genova viene fatta dai Savoia seguendo la linea tracciata dai progetti napoleonici: realizzazione di un campo trincerato a difesa della cinta muraria, formato da forti costruiti sulle alture. Tra il 1815 e la fine degli anni Trenta il genio militare sabaudo: completa i tre forti già tracciati dopo il 1747 (Santa Tecla, Quezzi e Richelieu), i cui lavori erano proseguiti a intermittenza durante il periodo di annessione all’Impero francese; ammoderna l’unico forte che era già stato completato durante la seconda metà del Settecento (il Diamante); dà infine pieno sviluppo alla logica avviata dagli ingegneri militari genovesi dopo il 1747, e portata avanti da quelli francesi tra 1805 e 1814, attraverso la realizzazione di altri 13 forti esterni alle mura e 2 interni (questi ultimi a guardia della città, perché anche i Savoia, come Napoleone, temono che i genovesi possano ribellarsi; hanno ragione peraltro, la sollevazione del 1849 lo dimostra).

1859-da-GUERRE-DITALIE-1024x637

Lanterna, Molo Nuovo – Vista dall’alto del porto e della citta’ di Genova durante lo sbarco delle truppe francesi … da GUERRE D’ITALIE, 1859, pag. 25 Giunta, ill. da giornale n. 65

Nel momento stesso in cui la piazzaforte di Genova viene terminata, dopo aver investito nelle sue fortificazioni cifre esorbitanti ecco che il governo sabaudo concentra nuovamente la sua attenzioni sulla Liguria, per un motivo diverso: non più difesa contro un nemico in arrivo dalla Francia ma sviluppo del potere marittimo. Dopo il 1815 Genova è diventata la base navale e l’arsenale della flotta sabauda.

Testata 2

Ma a partire dagli anni Quaranta gli spazi nel porto iniziano a farsi stretti, la Marina Militare e le attività marittimo-commerciali devono dividerseli: lo sviluppo della prima toglierebbe spazio e risorse alle seconde e viceversa. Viene progettato un ampliamento del settore militare del porto, ma Cavour, il nuovo uomo di punta del governo, si oppone. Cavour vede la necessità di separare la funzione di porto militare e base navale da quella di porto commerciale. Il porto di Genova deve essere valorizzato nella sua naturale vocazione di grande emporio commerciale; il porto militare va portato altrove. Dove? Anche qui la linea da seguire è quella già tracciata da Napoleone.

170px-1801_Antoine-Jean_Gros_-_Bonaparte_on_the_Bridge_at_Arcole

Napoleone Bonaparte sul ponte di Arcole – quadro di Antoine Jean Gros

Facciamo qualche passo indietro. Siamo nel 1805, Napoleone domina l’Europa con le sue armate. Il 1805 è l’anno delle sfolgoranti vittorie di Ulma e Austerlitz (e l’anno dopo sarà la volta di Jena e Auerstadt). Ma il 1805 è anche l’anno di Trafalgar: sui mari è la flotta britannica a farla da padrona. Napoleone non ci sta e vuole potenziare la sua Marina; sa bene che la costruzione di una forza armata passa in primo luogo dal potenziamento delle infrastrutture logistiche da cui essa dipende; questo è ancor più vero per la Marina. La Francia ha già ottime basi navali e ottimi arsenali (ossia cantieri navali militari di Stato). Ma Napoleone ne vuole di più, per giocarsela alla pari sul mare con gli inglesi. Pianifica la costruzione di nuovi arsenali in modo che in ogni teatro marittimo i grandi arsenali già esistenti siano affiancati e sostenuti da altri, secondari per dimensioni ma non per importanza. Tolone è il grande arsenale francese nel Mediterraneo; orbene, bisogna scegliere dove realizzare quello secondario che sostenga e sia alternativo a Tolone. Genova è un ottimo porto e ha già un arsenale militare francese (il cantiere della Foce) ma è in primo luogo porto commerciale e non si presta così bene alla difesa sul fronte mare come l’alternativa che Napoleone ha in mente: il Golfo della Spezia.

varignano 1900

Napoleone lo conosce: l’ha visto e l’ha giudicato «il più bel porto dell’Universo». Qui, nell’ansa del Varignano, vuole realizzare il suo arsenale. Invia i suoi cartografi per conoscere meglio la conformazione del territorio: sarà un momento storico per la cartografia, perché cartografi francesi applicano qui per la prima volta in modo sistematico il metodo di rilevamento per curve di rilievo orizzontali (il sistema che ancor oggi viene utilizzato). Poi chiede l’elaborazione di progetti per l’arsenale; per una nuova città da costruirgli vicino in modo da ospitarne il personale; per le fortificazioni che devono proteggere sia l’arsenale che la città tanto sul fronte terrestre quanto su quello marittimo; per la rete stradale che deve servire tutto il complesso. Infine ordina il trasferimento del Prefetto marittimo di Genova alla Spezia. Anche nel caso dell’arsenale, come per il campo trincerato di Genova, il progetto resta sulla carta. Viene completato il lavoro cartografico, viene avviata la costruzione di una strada ma nulla più: i soldi scarseggiano e il 1814 arriva in fretta.

la spezia 1804 di Joseph Roux

Rada di La Spezia (Especia), si nota, con il nome Citadelle il forte di Santa Maria ed alla sua sinistra il lazzareto del Varignano, 1804 mappa dell’idrografo francese Joseph Roux

Torniamo ora agli anni Quaranta dell’Ottocento, quando il governo sabaudo valuta la realizzazione della nuova base navale-arsenale della sua Marina e si ritrova anche qui l’idea già pronta: l’idea napoleonica, con annesso progetto, di utilizzare il seno del Varignano nel Golfo della Spezia. Come nel caso di Genova il genio militare sabaudo non si ferma al progetto napoleonico: lo sviluppa, propone delle varianti migliorative e stende progetti per ampliare l’area dell’arsenale coinvolgendo oltre al Varignano il vicino seno delle Grazie. Iniziano i lavori per realizzare il progetto Varignano-Grazie ma la storia del Regno di Sardegna prende a questo punto un cammino rapido e imprevedibile: nel 1859 il Regno di Sardegna si trasforma da Stato regionale a Regno del Nord Italia, nel 1860 annette anche le Due Sicilie dando vita nel 1861 all’Italia Unita. Cavour, ancor prima che Garibaldi gli consegnasse le Due Sicilie, si era reso conto che il progetto Varignano-Grazie era troppo limitato per la Marina di un Regno che in quel momento comprendeva tutta l’Italia settentrionale (ad eccezione di Veneto, Trentino e Friuli).

arsenale di la spezia

Era giunta l’ora di guardare oltre la linea tracciata dai progetti napoleonici. Domenico Chiodo aveva già pronto il progetto di cui Cavour sentiva il bisogno: un grande arsenale estenso a tutta l’area del Golfo della Spezia: dal Muggiano fino a Panigaglia, passando per La Spezia e San Vito. Il progetto di Chiodo verrà rapidamente messo in opera e da qui nascerà il grande arsenale che oggi conosciamo.

emiliano beriProf. Emiliano Beri
NavLab – Laboratorio di Storia marittima e navale
CEPOC – Centro interuniversitario di studi “Le Polizie e il Controllo del Territorio” 
DAFiSt – Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Università degli studi di Genova Via Balbi 6 – 16126 Genova
Emiliano.Beri@unige.it

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 415 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

37 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share