If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Fish eye – full frame, formato APSC, cosa scegliere? di Fabio Carnovale

livello elementare

.
ARGOMENTO: FOTOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: APSC, obiettivi fotografici, Fish eye
.

fish eye carn 2
.
Iniziamo con una premessa: sappiamo che gli obiettivi fotografici vengono classificati con definizioni in millimetri. Che cosa vuol dire?
Fin dagli inizi della fotografia, ogni obiettivo fotografico ha una lunghezza condizionata dallo schema ottico e la distanza tra centro ottico e il piano pellicola è espresso in millimetri.

Tanto l’obiettivo fotografico è lungo tanto il suo angolo di campo si restringe. Quindi un grandangolare (angolo ampio) si definisce “corto” e un teleobiettivo (con un angolo ristretto) ovviamente “lungo”. La definizione e la terminologia è rimasta e resiste anche oggi che, al posto della pellicola, abbiamo i sensori. Essi hanno una grandezza variabile, per cui variano con essa anche l’angolo di campo coperto dalla lente in questione. In pratica, abbiamo la cosiddetta “equivalenza pellicola 35 mm“. Oddio, penserete, altri millimetri!

ridble-obiettivi-angolodicampo

Vediamo cosa questi millimetri vogliono dire?
Semplice: la pellicola da 35 millimetri (35mm) era quella corrispondente al fotogramma 24 x 36, insomma quello della diapositiva o il negativo della gran parte delle macchine fotografiche del secolo scorso.

fish eye carnn 1.
Questo formato è uguale (meno male!) al “full frame” delle fotocamere reflex odierne e almeno questo ci consente di avere un punto di riferimento. Lo stesso obiettivo montato su una full frame avrà un angolo di campo che sarà più ristretto in una formato APSC (normalmente 1/3 più piccolo) e ancora più stretto con sensori più piccoli. Ora non so se questa premessa vi ha chiarito le idee o le ha complicate ancora di più, ma andiamo avanti.

Fish Eye
Sott’acqua una lente che da tantissima soddisfazione ai fotografi subacquei è il “fish eye” che si chiama così non perché sia stato progettato per l’uso in mezzo ai pesci ma perché, col suo angolo di campo di 180° sulla diagonale (sì, è proprio così: gli estremi della diagonale “vedono” tutto meno che quello che è dietro di voi), un pò come gli occhi dei pesci che per non essere predati facilmente vedono quasi 180° gradi sul lato sinistro con un occhio e altrettanto con l’altro coprendo praticamente tutto il campo visibile e rendendo la vita difficile ai predatori e … ai fotografi subacquei.

fish eye carn 5Ma per avere 180° su formati differenti anche i “millimetri” dovranno esserlo;  Ma c’è di più; tanto per rendere la vita difficile ai neofiti e far sentire più “fighi” gli esperti, ecco che i millimetri sui fish eye non sono più proporzionali all’angolo di campo come lo sono gli altri obiettivi.

Volete una dimostrazione?
Un 16 mm può essere un fish eye (180°) o la lunghezza focale più corta di uno zoom (16-35) che copre invece solo 107°. Allora avremo una serie di obiettivi “sui generis” che hanno come caratteristica quella di avere 180° sulla diagonale, più “corti” per il formato APSC e più lunghi per il full frame. Come, ad esempio, il fish eye Nikon 16mm per il full frame e il 10,5 mm sempre Nikon per APSC o quello qui riportato: 8mm Samyang sempre per formato APSC.

Quali sono le differenze?
A parte la maggior quantità e distribuzione di pixel nel full frame, cosa comune quale che sia la lente utilizzata, la differenza apprezzabile è nella profondità di campo: meno sono i millimetri più aumenta la profondità di campo, dando qualche punto di vantaggio ai “poveri” sensori APSC che in questo modo si riscattano dalle angherie dei full frame.

fish eye crn 3

.
Qui vediamo, vicino al blasonato 16mm Nikon su full frame D810, un relativamente, si fa per dire, economico Samyang 8mm a fuoco manuale che, talvolta, dà una resa migliore data la maggior profondità di campo e la quasi inutilità di mettere a fuoco. Se avete una APSC, vale senz’altro la pena di provare questa lente (o un’altra equivalente). Per essere sicuri della messa a fuoco. chiudete un minimo il diaframma e guardate nel mirino il pallino della conferma di messa a fuoco e vi meraviglierete della libertà che vi concede questo obiettivo e della qualità delle immagini che restituisce.
Buon occhio di pesce per …  i pesci a tutti!

“La riproduzione anche parziale, la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore.”

fabio carnovaleFabio Carnovale
sito www.fotoevita.net    www.guidafotografiasubacquea.it  
Gruppo Facebook “Guida alla fotografia subacquea”  www.facebook.com/groups/561489460657076/
Testo e foto :   © Fabio Carnovale

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print

(Visited 209 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share