If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperta del fossile di un ittiosauro nell’India occidentale conferma la connessione biologica dell’India con gli altri continenti nel Giurassico

journal.pone.0185851.g003

Field photograph (A) accompanied with a sketch (B) of the excavated ichthyosaur skeleton in the Katrol Formation near Lodai village, Kachchh, India. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0185851.g003

La rivista PLOS ONE ha pubblicato la notizia del ritrovamento di uno scheletro articolato e parzialmente conservato di un ittiosauro nella Formazione Katrolica Superiore giurassica in un sito a sud del villaggio di Lodai, presso Kachchh, nel Gujarat (India occidentale).

Lo studio del dottor Prasad GVR, et alii  del  2017,  pubblicato da PLOS ONE, intitolato “Discovery of the first ichthyosaur from the Jurassic of India: Implications for Gondwanan palaeobiogeography, ha rivelato che lo scheletro del fossile appartiene alla famiglia degli oftalmosauridi, una species degli ittiosauri. Questa nuova scoperta in India porta nuove informazioni sui fossili di questi dinosauri che abitavano i vecchi continenti Gondwanani.

Sulla base della lunghezza dello scheletro e della parte anteriore del muso, si ritiene che si tratti di un esemplare adulto che poteva avere una lunghezza di 5,0-5,5 m. La diffusa presenza di oftalmosauridi nei depositi del Giurassico Superiore della Tetide Occidentale, Madagascar, Sud America e India indica possibili scambi faunistici con i continenti gondwanani attraverso una via marittima meridionale.

250px-OphthalmosaurusIcenius-NaturalHistoryMuseum-August23-08

scheletro di Ophthalmosaurus cenius del Medio Giurassico. L’esemplare fu ritrovato nel Oxford Clay, in Peterborough, Gran Bretagna.

Gli Oftalmosauridi erano caratterizzati da un corpo simile a quello dei tonni, compatto e idro dinamico; le pinne dorsali e caudali erano sviluppate in altezza come è stato evinto  dalla decisa  curvatura delle sue vertebre caudali; le sue zampe si erano evolute in appendici simili a pagaie ed erano piuttosto corte ed arrotondate, al contrario di quelle degli altri ittiosauri. Le caratteristiche che rendevano unico l’oftalmosauro risiedevano nel suo cranio, lungo e sottile ma sostanzialmente privo di denti e dotato da caratteristiche orbite gigantesche da cui il suo nome oftalmosauro che significa “rettile occhio”‘

Il nome ittiosauro deriva proprio dall’aspetto pisciforme (dal greco Ichtys) e la loro forma ricorda quella degli attuali delfini. Il loro Ordine era composto da animali di medie-piccole dimensioni provvisti di due paia di pinne pari e coda che, a differenza dei delfini, era disposta verticalmente, simmetrica e falciforme. Le loro prede dovevano essere piccoli pesci o molluschi a corpo molle come i cefalopodi, che venivano catturati dalle lunghe fauci dell’ittiosauro e strette fra i lunghi denti conici. Ma non facciamoci confondere, nonostante le somiglianze, si trattava sempre di rettili marini. Gli ittiosauri erano probabilmente ovovivipari. Alcuni fossili sembrano confermare il “parto” di piccoli già formati.

Figli del Triassico
Apparvero nel primo Triassico (Olenekian) e sopravvissero fino al tardo Cretaceo (Cenomanian) con una distribuzione cosmopolita. Sebbene gli ittiosauri subirono pesantemente l’estinzione di massa del Triassico, il loro numero crebbe nuovamente  nella prima parte del periodo giurassico, come dimostrato da un gran numero di esemplari articolati e eccezionalmente ben conservati trovati in Inghilterra, in Germania e nell’America settentrionale.

Malawania thunnosarium

Malawania thunnosarian

La recente scoperta di uno scheletro di un thunnosaurian in Iraq ha dimostrato che essi sopravvissero nel Cretaceo. In India, resti di ittiosauri furono trovati in precedenza nella Formazione Karai del Cretaceo inferiore nel bacino di Cauvery, situato nell’India meridionale, ma essi erano limitati ad alcune vertebre e denti isolati. Sebbene l’India ospiti numerosi depositi di giurassici marini, sia nelle regioni dell’Himalaya e dell’India peninsulare (Kachchh, Jaisalmer), fino ad ora non erano stati documentati residui di ittiosauri di quell’era geologica.

Una scoperta eccezionale
Durante una campagna condotta nel gennaio e febbraio del 2016 è stato finalmente scoperto uno scheletro di un ittiosauro parzialmente conservato nella Formazione Katrolica Superiore del Giurassico Superiore Kimmeridiano, a sud del villaggio di Lodai (N 23 ° 22,391 ‘, E 69 ° 54,690’ ), a circa 30 km a nord-est di Bhuj, nel distretto di Kachchh, nell’India occidentale (Fig. 1). Il fossile rappresenta il primo scheletro di ittiosauro giurassico articolato ritrovato nello strato mesozoico dell’India, uno dei pochi reperti ritrovati di questi rettili che vissero nei mari dell’antico continente Gondwana.

journal.pone.0185851.g001

Geological map of the Kachchh region (modified after Fürsich et al. [39]), B. Inset map of India showing the location of Kachchh. C. Location map of the ichthyosaur site. da journal.pone.018585

Il bacino di Kachchh è un bacino orientato verso la zona pericratonale orientale del margine occidentale dell’India, che si formò durante il tardo Triassico tra l’India e l’Africa. In questa regione le rocce giurassiche sono esposte in tre aree, il Kachchh sulla terraferma, l’isola Belt all’interno delle saline del Grande Rann di Kachchh, e il Wagad Uplift nella sua parte orientale. Le pietre basilari della Formazione di Katrolio sulla terraferma di Kachchh hanno anche prodotto delle ammoniti di età tardiva all’età di Kimmeridgian in un certo numero di località. L’ittiosauro è stato trovato proprio all’interno della formazione Katrol inferiore insieme ad un certo numero di ammoniti appartenenti a Katroliceras lerense, Spath, 1931 e Katroliceras sp.

journal.pone.0185851.g002

Katroliceras lerense Spath, 1931 (RUC2016IKH 01) in lateral view (A). Inner whorl of Katroliceras sp. (RUC2016IKH 02) (B1-B2) from the lower Katrol Formation (Upper Kimmeridgian) at the study site in lateral (B1) and ventral (B2) views. Scale bars equal 1 cm. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0185851.g002

Guntupalli_Prasad

Guntupalli VR Prasad

Il professor Guntupalli VR Prasad, che ha condotto la ricerca, ha dichiarato che quetso grande fossile, di 5,5  metri di lunghezza era praticamente completo ad eccezione delle ossa del cranio e della coda. Il team internazionale di ricerca ha confermato che l’ittiosauro potrebbe essere identificato con un membro degli Ophthalmosauridae, che vivevano negli oceani primordiali tra 165 e 90 milioni di anni fa. La scoperta è eccezionale perché evidenzia l’evoluzione e la diversità di questi grandi rettili nella regione Indo-Madagascana confermando una connessione biologica con l’India e con gli altri continenti del giurassico, aiutando a comprendere le connessioni marittime fra India e il Sud America di circa 150 milioni di anni fa. Un altro passo per comprendere la storia remota dei nostri mari e delle sue creature.

print
(Visited 123 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share