If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un nuovo allarme da Roatan, un paradiso tropicale attaccato dalla plastica

roatan

immagini da Roatan, Caraibi – Photo credit Caroline Power

Sempre più vaste aree sono soffocate dai rifiuti plastici. Sono di questi giorni le immagini provenienti da uno dei luoghi considerati fino a pochi anni fa un paradiso tropicale, l’isla di Roatan. Le immagini che stanno girando sui social parlano purtroppo da sole. La fotografa Caroline Power, che ha condiviso molte delle immagini on-line per sensibilizzare il grave problema ambientale, ha commentato: “Questo deve finire, pensate alla plastica che usate nella vostra vita quotidiana”.

458406AB00000578-5002084-image-a-26_1508527009573

John Hourston, della Blue Planet Society, che si occupa della protezione e conservazione degli oceani, ha dichiarato che è di fronte al peggior esempio di inquinamento plastico che abbia mai visto. In realtà, spettacoli simili li abbiamo spesso riproposti nelle pagine del nostro e-magazine Ocean4future, condannando la superficialità di molti che non si rendono conto  (o non si vogliono rendere conto) di quanto anche un gesto banale come buttare un mozzicone di sigarette per terra possa comportare nell’insieme un grave attacco all’ambiente. Ammassi di plastiche colorate, frutto della ignavia e cattiva educazione di noi umani, stanno galleggiando nelle acque tropicali dell’isola per poi spiaggiare su quelle che erano un tempo spiagge immacolate di sabbia bianca finissima. E’ inutile chiedersi da dove arrivano. Le piogge che stanno martellando le coste caraibiche fanno gonfiare i fiumi che trasportano poi i rifiuti in mare. Come spesso sottolineiamo tutto finisce in mare.

roatan 2

Bottiglie, piatti, forchette e contenitori di plastiche creano ammassi che si mescolano con le alghe marine. Le prime vittime sono gli uccelli marini e le tartarughe che scambiano la plastica (in particolare per queste ultime, le buste di plastica) per alimenti. Le macro e micro plastiche sono ingerite dai pesci ed entrano poi nella nostra catena alimentare.

Gli effetti sul nostro organismo sono ancora poco noti
Sono stati identificate due classi di componenti delle plastiche che rappresentano una possibile minaccia per la salute umana, il  bisfenolo-A o BPA e gli additivi usati nella sintesi della plastica, conosciuti come ftalati. Il BPA è un componente di base  della plastica dei policarbonati, usati per confezionare le bottiglie d’acqua e per il confezionamento degli alimenti. Nonostante questo tipo di plastica sia considerato normalmente innocuo, i suoi legami chimici possono rompersi a causa della temperatura esterna (esposizione al sole) e dei ripetuti lavaggi. In quel caso il BPA può essere ingerito (si pensi sempre alle bottiglie di acqua) ed interferire col sistema endocrino, alterando le normali funzioni ormonali. Oltre al BPA, forse ancora più pericolosi, di trovano i ftalati. Tra questi, uno tristemente noto, è il DEHP o di-etilesil ftalato. Questi additivi, usati per poter lavorare meglio le plastiche,  sono potenzialmente tossici e si ritrovano, oltre che nei contenitori alimentari, anche in quelli ad uso medicale come flebo e tubi. In individui particolarmente suscettibili come, malati,  neonati o nelle donne incinte queste esposizioni sono ad alto rischio per la salute. Non è cosa recente; già nel gennaio del 2010, la FDA, ente statunitense che esercita un controllo sui prodotti in commercio per la salute pubblica, si espresse circa i potenziali effetti del BPA sul cervello, sul comportamento e sulla prostata dei feti, dei neonati e dei bambini.

bottiglie di plastica

L’Università di Torino ha lanciato un allarme su uno dei componenti del PVC, la tribultina,  che agisce anche a livello fetale e le cui conseguenze si possono  manifestare anche dopo anni. Essa contiene una molecola che stimola l’accumulo di grassi agendo non solo sul tessuto adiposo, ma anche a livello cerebrale. La regolazione del cibo è infatti governata dal cervello ed in presenza di molecole in grado di alterare l’equilibrio metabolico, come nel caso di sostanze obesogene come la tribultina, lo stimolo della fame non ha più alcun freno.

Anche i batteri amano le plastiche
Non ultimo nei detriti plastici sono state riscontrate concentrazioni batteriche elevate che ne fanno dei possibili portatori di germi. In questo studio, i ricercatori hanno dimostrato che la sopravvivenza degli agenti patogeni è influenzata dai materiali superficiali con i quali vengono in contatto. Ad esempio i legni naturali hanno proprietà igieniche migliori rispetto alla plastica nelle cui porosità si possono annidare.

plastic beads

Per questo motivo, il contatto a mani nude con dei rifiuti plastici lungo le spiagge non è consigliato. Nella raccolta delle plastiche impiegate sempre guanti. I batteri patogeni possono infatti causare serie malattie. Alcuni ceppi del batterio Escherichia coli (E.coli) gram negativi sono le principali cause di gravi crampi addominali e diarrea sanguinosa nei bambini. Alcuni batteri opportunisti patogeni Gram negativi, come Pseudomona aeruginosa (P. aeruginosa), possono causare infezioni alle vie respiratorie, urinarie ed alle orecchie. I batteri gram-positivi patogeni come Staphylococcus auereus (S. auree) possono causare una gamma di malattie, da infezioni cutanee minori a potenziali malattie fatali come la polmonite e la meningite.  Non va dimenticato che la porosità dei residui plastici le rende simili a delle spugne e facilita l’accumulo di tossine e veleni. L’ingestione da parte dei pesci fa da tramite per l‘ingresso nella nostra catena alimentare con conseguenze che ancora devono essere comprese ma potrebbero essere anche gravi.

In sintesi
Quello che sta accadendo a Roatan è purtroppo un deja vu. In molte aree marine del pianeta la concentrazione delle plastiche sta aumentando oltrepassando la quantità di plancton nello stesso volume. Bisogna quindi agire a livello profondo a livello governativo, limitandone l’uso, favorendo politiche di riciclo dei materiali e, soprattutto, agendo alla radice, con una educazione continua ed obbligatoria in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Non stiamo parlando di mandare l’Uomo su Marte, basta poco per assicurare un futuro alla nostra specie.

 

print
(Visited 106 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share