If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Stress e fatica nel subacqueo di Giorgio Caramanna

livello elementare 
.

ARGOMENTO: SUBACQUEA – DIDATTICA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: stress, fatica, didattica, Luca Cicali

diving-rescue-7-728


fattori che aumentano il rischio di incidenti

Il comportamento umano è influenzato da una serie di fattori che vengono definiti “stressori”; questi possono essere originati sia dallo stato psicofisico dell’individuo che dall’ambiente esterno. Nell’attività subacquea è importante capire come reagire allo stress in modo controllato così da garantire sicurezza ed efficienza nelle immersioni.

Impatto della fatica sui subacquei
Uno stato di fatica estrema ha diversi effetti negativi sulle condizioni mentali e fisiche dei subacquei:

stress 3Capacità cognitive: perdita di flessibilità nel prendere decisioni e ridotta adattabilità ai cambiamenti della situazione. Questo può rendere il subacqueo incapace di reagire prontamente ad una situazione di emergenza.
Attività motorie: perdita di coordinazione e di manualità può compromettere seriamente la capacità di gestire la propria attrezzatura subacquea.
Capacità di comunicazione: difficoltà nel parlare ed esprimere concetti complessi. Nella fase di briefing un subacqueo stanco potrebbe non comprendere parti rilevanti delle informazioni.
Socialità: tendenza ad isolarsi e frequente irritabilità. La struttura di coppia e/o gruppo ne risulta compromessa.
Impatto fisiologico: maggiore sensibilità a problemi decompressivi.

sleeping diver dormeUn evento isolato di fatica acuta, come ad esempio in conseguenza di perdita di sonno dopo un viaggio o attività fisica estrema, viene di solito risolto con un singolo periodo di riposo. Se invece lo stato di fatica si prolunga per più giorni (3 o 4) allora un singolo periodo di riposo non sarà più sufficiente ma occorrerà programmare un adeguato intervallo di recupero. Nelle operazioni subacquee perciò dei periodi di riposo devono essere inseriti come parte integrante della pianificazione.

Buona forma fisica, corrette tecniche di nuoto e riposo pre-immersione sono tutti elementi fondamentali per evitare di incorrere in livelli di fatica debilitanti; in ogni caso tutti abbiamo dei limiti ed è importante saperli riconoscere affinché l’attività subacquea rimanga sempre entro parametri di sicurezza.

Stress e panico
All’aumentare dello stress l’individuo tende a concentrarsi maggiormente su quelli che considera i compiti primari trascurando progressivamente le attività secondarie.

stress

Ad esempio, se un subacqueo si trova a dover navigare in condizioni di bassa visibilità la sua attenzione sarà concentrata sul mantenere la corretta direzione probabilmente trascurando altre attività non strettamente legate alla navigazione. Questo comportamento ha l’ovvio vantaggio di ottimizzare le risorse mentali per l’attività più importante. Quando però lo stress supera un certo livello critico il rendimento del subacqueo è compromesso; infatti se lo stress continua ad aumentare si sviluppa una sorta di “visione a tunnel” con perdita di contatto con la realtà circostante. Il subacqueo dell’esempio precedente potrebbe essere così preoccupato dal mantenere la corretta direzione di navigazione da trascurare altri importanti parametri dell’immersione come massima profondità e consumi di gas respiratorio.

d148c1112ae61c200d658ba2f08de879--scuba-diving-quotes-scuba-diving-gear

La reazione ad elevati livelli di stress è definita come “Sindrome adattativa generale di Seyle” ed è contraddistinta da quattro fasi consecutive:

Fase 1: un senso di shock e sorpresa rende l’individuo incapace di reagire; si è letteralmente “congelati dalla paura”.

Fase 2: l’individuo reagisce alla situazione anche grazie al rilascio di specifici ormoni.

Fase 3: le riserve di energia, sia fisica che mentale, iniziano a consumarsi.

Fase 4: in questa fase è probabile commettere errori e non si è in grado di nessuna ulteriore reazione; in pratica l’individuo è esausto.

In immersione le quattro fasi si susseguono in breve tempo, pochi minuti, ed un subacqueo esposto ad elevati carichi di stress diverrà presto incapace di ulteriori reazioni. Per questo motivo è necessario intervenire prontamente e questo è possibile solo con una preparazione adeguata, esperienza e ottimo controllo delle procedure di emergenza.

A5FHTF A diver blows bubble rings under the water in Sharm el Sheikh Egypt Photo Adam Butler

RELAX, a diver blows bubble rings under the water in Sharm el Sheikh Egypt Photo Adam Butler

In condizioni di stress estremo il subacqueo dovrebbe adottare una procedura composta dai seguenti punti:

  • Fermarsi: interrompere temporaneamente le proprie azioni.
  • Respirare: mantenere il controllo della respirazione sia per conservare la miscela respiratoria sia come tecnica di rilassamento.
  • Pensare: identificare razionalmente il problema e cercare una soluzione adeguata.
  • Agire: mettere in atto la soluzione identificata al punto precedente.

E’ importante concentrarsi sulla soluzione pratica del problema prima che sia troppo tardi, quasi tutte le situazioni possono essere risolte in acqua da soli o con l’aiuto del proprio compagno d’immersione se si mantiene sufficiente lucidità mentale.

panickeddiverontop_edited-1

Se lo stress non è controllato può degenerare in panico causando un’interruzione del pensiero logico; l’individuo non è in grado di agire razionalmente divenendo totalmente inattivo (panico passivo) oppure compiendo azioni incontrollate, irrazionali e spesso pericolose per se stesso e per gli altri (panico attivo).

Questa situazione è particolarmente pericolosa per un subacqueo con potenziali fatali risultati per due motivi principali:

  • il panico causa un aumento della respirazione che diviene anche inefficiente innescando ipercapnia (aumento della concentrazione di anidride carbonica nel sangue) ed una sensazione di “fame d’aria”. Come conseguenza spesso il subacqueo in panico rigetta l’erogatore e cerca di risalire in superficie in modo totalmente incontrollato.
  • L’iperattività del sistema nervoso simpatico determina una forte accelerazione del battito cardiaco, un marcato aumento degli zuccheri nel sangue e, in casi estremi, può causare un arresto cardiaco.

stress 2Fatica e stress sono quindi elementi da prendere in seria considerazione nel programmare la nostra attività subacquea perché il loro impatto sulle prestazioni, sia fisiche che mentali, è elevato e, se non adeguatamente controllato, può portare a situazioni di pericolo anche gravi.

 

caramannaDr. Giorgio Caramanna
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting
è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 434 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share