If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Caio Duilio (1876) “… la più potente nave da guerra che l’arte navale abbia mai espresso…” di Emiliano Beri

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Caio Duilio 

 

caio duilio 3

La nave da battaglia Caio Duilio, varata nel 1876 a Castellammare di Stabia e completata nel 1880, al suo apparire provocò forti reazioni nelle potenze navali europee e negli Stati Uniti. Voluta fortemente dal Ministro della Marina, ammiraglio Saint-Bon, e progettata da Benedetto Brin, era in quel momento, con la pari classe Enrico Dandolo (costruita nell’Arsenale della Spezia e varata nel 1878), la più potente nave da guerra del Mondo.

Cantiere-di-Castellammae-di-Stabia-1876-stampa-per-il-varo-della-regia-nave-Caio-Duilio-www.lavocedelmarinaio.com_

La Marina francese valutò che le due unità da sole erano in grado di tenere testa a tutta la squadra da battaglia del Mediterraneo. Per il governo statunitense il Duilio era l’esempio della strada che il programma di sviluppo della US Navy doveva seguire. La Gran Bretagna aveva già risposto a livello progettuale con la HMS Inflexible (molto simile al Duilio anche se meno innovativa), varata in quello stesso 1876. A causa del mutamento estremamente accelerato, che caratterizzò la tecnologia bellica negli ultimi decenni dell’Ottocento e nei primi anni del Novecento, le due unità navali divennero rapidamente obsolete, ma ciò nulla toglie al loro valore storico (ed al prestigioso valore di “manifesto” che, a livello internazionale, esse rappresentarono per la giovane Regia Marina – ancora scossa dalla sconfitta di Lissa – e per la moderna cantieristica navale italiane).

Lo scafo, costruito in ferro, annoverava, in prossimità del dritto di prora uno sperone, interamente sommerso, di oltre 4 metri. Le due corazzate risultavano molto basse sull’acqua (circa 3 metri sopra la linea di galleggiamento) e disponevano di un ponte di comando allocato alla base dell’albero maestro, utilizzato per compiti di segnalazione ed osservazione, posto tra i due fumaioli.

caio duilio 2

un disegno di Augusto Nani dove si comprendono le dimensioni del “bacino

A poppa si trovavano ubicate le sovrastrutture destinate agli ufficiali, mentre l’equipaggio veniva alloggiato sotto coperta. Nella estrema poppa della Caio Duilio venne ricavato un compartimento, cui si accedeva a mezzo di una porta stagna azionata a pressione idraulica, per l’alloggiamento di una piccola torpediniera in cui trovò asilo per breve tempo, nel corso del 1885, la torpediniera Clio imbarcata insieme alle siluranti Locusta e Cicala che, diversamente, trovarono sistemazione sul ponte di coperta.

torpediniera Clio 1876

modello che mostra come era “alloggiata” la torpediniera Clio


Impiego
La nave non fu mai impiegata in operazioni belliche ma svolse diverse crociere ed esercitazioni nel Mediterraneo sia centrale che orientale. In particolare, nel marzo del 1889 venne inviata in missione speciale nelle acque di Bengasi con compiti di supporto alle autorità consolari italiane e ciò al fine di ristabilire il prestigio dovuto alla nostra bandiera. Nell’ottobre del 1890, mentre si trovava impegnata in esercitazioni con la Squadra Navale, venne chiamata in soccorso della corazzata Ruggiero di Lauria colpita violentemente da un ciclone che causò nell’occasione la perdita della torpediniera 105 S.

Dal 1900 al 1906 fu impiegata come nave scuola timonieri e mozzi e come unità per la difesa locale di basi navali. Dopo essere stata posta in disarmo nel corso del 1906, con Regio Decreto del 27.06.1909, la Caio Duilio venne quindi radiata dal quadro del naviglio per essere successivamente iscritta, con Decreto Ministeriale del 15.07.1909, nel ruolo dei galleggianti venendo il suo scafo utilizzato per diversi anni come deposito combustibile.

caio duilio

Scheda tecnica

Cantiere: Castellammare di Stabia
Impostazione: 24.04.1873
Varo: 8.05.1876
Completamento: 6.01.1880
Radiazione: 27.06.1909
Equipaggio: 420 (26 Ufficiali – 394 marinai)
Dislocamento
Normale: 11.138 t
Pieno carico: 12.265 t
Dimensioni:
Lunghezza: 109,2 ( f.t.) – 103,5 ( pp.) m
Larghezza: 19,7 m
Immersione: 8,8 m
Apparato motore:
8 caldaie ovali
2 motrici verticali a doppia espansione
2 eliche
Potenza: 7.710 HP
Velocità: 15 nodi
Combustibile: 1.000 tonnellate di carbone
Autonomia: 2875 miglia a 13 nodi
Protezione:
Verticale (galleggiamento): max. 550 mm
Orizzontale: max. 50 mm + 30 mm
Artiglierie: torri g.c. max. 250 mm; barbette g.c. max. 450 mm
Ridotto: max. 400 mm
Torrione: max. 350 mm
Armamento:
4 pezzi da 450/20 mm.
3 pezzi da 120 mm
2 pezzi da 75 mm.
8 pezzi da 57 mm.
22 pezzi da 37 mm.
3 tubi lanciasiluri


Fonti:
http://www.marina.difesa.it/storiacultura/storia/almanacco/Pagine/ABCD/caio_duilio.aspx
http://files.balancer.ru/forums/attaches/2013/05/03-3137088-duilio-1880-1-2-.jpg

emiliano beriProf. Emiliano Beri
NavLab – Laboratorio di Storia marittima e navale
CEPOC – Centro interuniversitario di studi “Le Polizie e il Controllo del Territorio” 
DAFiSt – Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Università degli studi di Genova Via Balbi 6 – 16126 Genova – Emiliano.Beri@unige.it

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 2.751 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Aldo Antonicelli Aldo Antonicelli
    29/01/2018    

    Gent.le prof. Beri: scrivo per una precisazione relativa alle macchine del Duilio. Tutte le pubblicazioni esistenti su questa nave riportano, come anche Lei ha fatto, che le sue macchine erano del tipo a cilindri verticali. In realtà ciò non è esatto: solo il Dandolo aveva macchine di questo nuovo tipo; le macchine del Duilio erano invece ancora del tradizionale tipo orizzontale. Tale informazione si trova nell’articolo scritto dal sotto-ingegnere di 1° classe dell’Arsenale di Castellamare di Stabia intitolato “il Duilio”, pubblicato sul numero di Maggio 1876 della Rivista Marittima. Un altro riferimento si trova nel libro “Report of Chief Engineer J.W.King”, Washington, 1877, p. 161. Un”ulteriore testimonianza è costituita da una stampa tedesca dell’epoca conservata al Museo Navale di Venezia, che presenta la sezione longitudinale del Duilio nella quale si vedono chiaramente i due cilindri orizzontali di una delle due macchine del Duilio. La stampa è intitolata “R.N. DUILIO, 1872, Langenschnitt”; non l’ho vista personalmente ma una sua fotografia è reperibile in rete. Potrà trovare ulteriori informazioni su questo argomento nel mio articolo intitolato “I cannoni del Duilio e del Dandolo” pubblicato dal mensile Storia Militare nel numero 265 di Ottobre 2015. Distinti saluti

    • 29/01/2018    

      Grazie per la sua segnalazione .. per correttezza la scheda tecnica e’ stata redatta dalla nostra redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share