If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I Fenici a Tharros, una panoramica degli insediamenti nel Mediterraneo – Phoenicians in the Med Sea: Tharros site

Guida-di-Tharros-37-1140x530

Intorno al IX secolo a.C. il Mediterraneo era già interessato da intensi scambi commerciali. Tra i protagonisti vi erano le popolazioni che provenivano da alcune città-stato dell’attuale Libano: i Fenici.

La presenza dei Fenici a Tharros è attestata da alcuni importanti ritrovamenti. Non molti in realtà, ma di sicuro di grande interesse. Ci riferiamo soprattutto al tofet, santuario a cielo aperto, la cui area avremo modo di visitare insieme. Sorto sui resti delle capanne nuragiche della collina di Su Murru Mannu, il santuario ospitava circa 5000 pentole contenenti i corpi dei defunti cremati, e il loro corredo. Allo stesso periodo, intorno al 650/625 a.C., appartengono anche le prime sepolture delle due aree cimiteriali fenicio-puniche messe in luce a Torre Vecchia (a sud) e a Santu Marcu-San Giovanni di Sinis (a nord).

Tipi_tombali_e_pratiche_funerarie_nella-9-768x507

La necropoli di San Giovanni (Fonte: Del Vais e Fariselli 2010: 11)

I Fenici nella Penisola del Sinis
Ma alcuni ritrovamenti fatti in diversi punti della Penisola del Sinis lasciano supporre che le relazioni tra le popolazioni nuragiche e i fenici siano iniziate ancora prima rispetto alla datazione delle necropoli. La natura dei contatti e la collocazione dei primi insediamenti fenici sono ancora al vaglio degli studiosi. Di certo sappiamo che i mercanti semiti trovarono nel Sinis un ambiente a loro congeniale: una penisola affacciata su due mari (uno aperto “biu“, e uno più riparato “mortu“) con possibili punti di approdo su entrambi i lati.

DSCN5367-1-768x576

Tharros e la Penisola del Sinis: a destra il Golfo di Oristano e a sinistra il mare aperto.

I più importanti centri fenici nel Mediterraneo

fenici

Esempi di centri fenici costruiti su penisole, isolotti o comunque zone caratterizzate da punti di facile attracco sono presenti in tutto il Mediterraneo. Non possiamo non citare Sulky a Sant’Antioco, Bithia a Chia, Nora a Pula (in Sardegna), Mozia a Marsala (Sicilia), Cartagine a Tunisi (Tunisia) e Cadice (Spagna). Si tratta di modelli insediativi, ovvero probabili consuetudini abitative che ritroviamo anche nel loro principale territorio di provenienza, l’attuale Libano, in particolare a Tiro.

claudia sannaClaudia Sanna
Archeologa e guida turistica, appassionata del suo lavoro, attiva nella comunicazione e promozione del patrimonio culturale.

Principale


info@marecalmo.org
articolo pubblicato su www.marecalmo.org

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Courtesy English translation by OCEAN4FUTURE

tharros

Around the 9th century BC,  Mediterranean Sea was already interested by intense trades Among the protagonists were  populations coming from some of the city-states of present-day Lebanon: the Phoenicians. The presence of the Phoenicians at Tharros is attested by some important finds. Not many, but certainly of great interest. We refer mainly to the tofet, an open-air sanctuary, whose area we will visit together. Located on the remains of Nuragic huts in the hill of Su Murru Mannu, the sanctuary hosted about 5000 pots containing bodies of cremated deceased and their funeral offerings. At the same time, around 650/625 BC, there are also the first burials of the two Phoenician-Punic  cemetery areas founded in Torre Vecchia (South) and Santu Marcu-San Giovanni di Sinis (North).

tharros-fenicio-punico-22-necropoli-settentr-1However some finds at different locations in the Sinis Peninsula suggest that relationships between nuragic populations and Phoenicians were started earlier than the dating of the necropolis. The nature of the contacts and the location of the early Phoenician settlements are still under scrutiny. Certainly we know that Semitic merchants found a congenial environment in Sinis: a peninsula overlooking two seas (one open “biu”, and one more sheltered “mortu”) with possible landing sites on both sides.

The most important Phoenician centers in the Mediterranean

129199-004-7C458BB3

Examples of Phoenician centers built on peninsulas, islets, or areas characterized by easy landing sites,  are present throughout the Mediterranean. We should mention Sulky at Sant’Antioco, Bithia at Chia, Nora at Pula (in Sardinia), Mozia at Marsala (Sicily), Carthage in Tunis (Tunisia) and Cadiz (Spain). These are settlement patterns, or probable common living customs  founded in their main territory of origin, the present Lebanon, particularly in Tire.

claudia sannaClaudia Sanna 
Archeology and tourist guide, passionate about his work, active in communication and promotion of cultural heritage.

Principale


info@marecalmo.org
post previously published at www.marecalmo.org

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 167 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share