If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Uno squalo inconfondibile, il martello

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: OCEANI
parole chiave: squalo martello

 

E’ tra gli squali più interessanti e curiosi. Affascinante e misterioso, lo squalo martello è un temibile predatore che rischia l’estinzione a causa della stupidità umana. 

smooth hammerhead vizl

smooth hammerhead photo credit Christian Vizl McGregor

Lo squalo martello (hammerhead) è un animale molto particolare, con una morfologia caratteristica che lo discosta da quella degli altri squali e con alcuni comportamenti che sono decisamente particolari che costituiscono ancora oggi un mistero irrisolto. Questo squalo straordinario, era conosciuto già nei primi secoli dopo Cristo e considerato una vera e propria belva, da temere ed evitare. L’incontro in mare con lo squalo martello era considerato causa di grande sfortuna e la sua particolare morfologia fece nascere numerose leggende che, come vedremo, sono tutte da rivedere.

Tassonomia

vizl 2

Smooth hammerhead (Sphyrna zygaena) uno squalo che può raggiungere i 4 metri di lunghezza – photo credit Chris Vizl Mc Gregor

Lo squalo di martello è il nome generico di una delle dieci specie che compongono la famiglia degli Sphyrnidae. Questa famiglia di squali appartiene all’ordine dei Carcharhiniformes ed ha solo due generi: gli Eusphyra ed i Sphyrna, il primo composto da una sola specie, l’Eusphyra blochii, ed il secondo con i restanti nove.

.

Eusphyra blochii

La struttura corporea della Eusphyra blochii è inconfondibile perché la tipica forma del capo espanso, con due larghe estensioni laterali, piatte e pronunciate, con gli occhi posti all’estremità, è molto più accentuata rispetto agli altri appartenenti al genere Sphyrna. La testa di questo squalo martello può raggiungere  un’ampiezza complessiva pari al 40-50% della lunghezza totale del suo corpo.

Per quanto concerne gli Sphyrna le specie più popolari sono il grande squalo martello (Sphyrna mokarran), lo squalo martello minore (Sphyrna corona), lo squalo martello comune o liscio (Sphyrna zygaena) e lo Squalo martello smerlato (Sphyrna lewini).

Sphyrna_corona_table

Sphyrna corona

Susannah H. Snowden-Smith's Photo

Sphyrna mokkaran … il piu grande

.
Un pesce dalla forma strana

Lo squalo martello deve il suo nome alla particolare forma della testa, appiattita ed allungata ai lati, che forma due espansioni laterali, sostenute da importanti modifiche dello scheletro interno.  La forma e la lunghezza del martello cambiano in base alle diverse specie e non è ancora completamente chiara la funzione di questa particolare morfologia della testa. Il posizionamento degli occhi dello squalo, su ogni estremità della sua larga testa, consente di eseguire la scansione di più aree più rapidamente degli altri squali. Si pensa che consenta un miglioramento sia a livello idrodinamico sia ad un potenziamento dal punto di vista sensoriale. Infatti il “martello”, essendo appiattito, aumenta la superficie della parte anteriore dello squalo e contrasta la spinta del corpo verso il basso durante il nuoto.  Non a caso lo squalo martello è forse il più agile e rapido predatore.
.

steve hinczynski - great hammerhead 20130203 0384

photo credit steve hinczynski incontro con il great hammerhead

Lo squalo caccia da solo e può trovare razze che si nascondono sotto la sabbia del fondo marino. Gli hammerhead si nutrono anche di pesci, granchi, calamari, aragoste ed altre creature del mare. I lati superiori di questi pesci hanno colore grigio-marrone o verde-oliva e hanno una pancia bianca. Sono dotati di denti triangolari, molto impressionanti, come il bordo di una lama di una sega.  La bocca dei martello si trova sul lato inferiore della loro testa. La presenza del martello aumenterebbe inoltre la percezione sensoriale: l’olfatto, la vista, la percezione delle onde di pressione e dei campi elettro-magnetici che risulterebbero più efficienti e funzionali.

Questa valutazione si basa sulla posizione delle narici, poste alle estremità della testa appiattita, che  hanno dimensioni maggiori e più distanti tra loro rispetto a quelle di altre specie di squalo e darebbero una capacità olfattiva nettamente superiore.  Anche gli occhi si trovano alle estremità del martello e questa maggiore distanza favorirebbe la vista stereoscopica, con una capacità superiore di determinare distanze e posizioni in acqua.

squali percezioneDal punto di vista sensoriale, la linea laterale, l’organo con il quale gli squali ed i pesci ossei percepiscono le onde di pressione, che corre lungo i fianchi dell’animale, nello squalo martello si prolunga nella regione della testa fornendogli maggiori capacità discriminative.  Infine la capacità  di percepire il campo elettro-magnetico degli organismi viventi, risulterebbe potenziato in quanto queste cellule sensoriali, le ampolle di Lorenzini, sono diffuse proprio nell’area della testa e quindi maggiormente presenti in questo pesce. Insomma una macchina da guerra altamente capacitiva che lo rende un potenziale pericolo per molti animali marini. La loro dentatura varia da specie a specie .

Riproduzione
A differenza di molti pesci, gli squalo martello non depongono uova ma sono vivipari. Questi squali si riproducono una volta all’anno dalla fecondazione interna e il numero di prole che una femmina trasporta ha un rapporto diretto con le sue dimensioni. Maggiore è il loro peso e lunghezza, più cuccioli vengono messi al mondo. Per riprodursi, il maschio seleziona una femmina e poi introduce il suo pene nell’ovidotto per trasferire il proprio sperma. Una volta incinta, la femmina porta internamente le uova per 8-10 mesi che si alimentano attraverso il sacco vitellino. Successivamente, nascono 12 fino a 50 squaletti con una lunghezza di 18 centimetri e una testa morbida e arrotondata. I cuccioli non ricevono la cura dei genitori, ma si riuniscono in acque calde, dove possono difendersi. Nonostante vengano spesso additati come mangiatori di uomini, in realtà  sono stati registrati pochi attacchi ad esseri umani. Date le sue grandi dimensioni e i suoi denti molto affilati, è comunque in grado di infliggere ferite mortali ad un essere umano e bisogna pertanto prestare attenzione ad avvicinarsi con cautela. Diversi subacquei hanno riferito che i pesci martello maggiori tendono ad essere timidi e poco reattivi con gli esseri umani. A partire dal 2009, l’International Shark Attack File ha elencato in totale trentaquattro attacchi attribuibili agli squali martello del genere Sphyrna di cui undici attacchi provocati, diciassette non provocati, uno avvenuto dopo un incidente aereo e cinque per altre cause. Fra questi, solo un attacco è risultato mortale.

Habitat

comportamento-sociale-squali

Un gruppo di un centinaio di squali martello smerlati che attraversano il Golfo di California

Le diverse specie di martello abitano in acque temperate e tropicali in tutto il mondo, principalmente lungo le linee costiere e le piattaforme continentali. Si ritrovano nella zona mesopelagica fino ad ottanta metri di profondità. Pur essendo dei solitari, a volte si riuniscono in gruppi per riprodursi o migrare. Ma il loro habitat più comune sono le scogliere in acque poco profonde, dove arrivano a nuotare anche in fondali bassissimi. Occasionalmente visitano le acque salmastre limitrofe al mare. Lo squalo martello è presente anche nel Mare Mediterraneo, diversi esemplari sarebbero stati segnalati nel Mediterraneo occidentale, vicino alle coste spagnole, marocchine ed algerine (Sphyrna lewini, Sphyrna mokarran, Sphyrna zygaena).  In Italia ci sono stati avvistamenti nelle acque del Mar Ligure ed in Sicilia (Sphyrna mokarran, Sphyrna zygaena). E’ comunque un animale raro da incontrarsi a rischio di estinzione in molte aree del pianeta. Gli squali martello, che di recente hanno avuto nuove protezioni dall’UN Convention on the Conservation of Migratory Species of Wild Animals, sono infatti in forte diminuzione, che arriva a oltre il 90% in molte parti del mondo. Il pericolo maggiore sono le reti da pesca in cui spesso restano imprigionati. Nell’oceano Pacifico vengono pescati assieme ad altri squali per la crudele pratica del finning, il taglio della pinna dorsale per usi culinari dal più feroce e stupido dei predatori: l’Uomo.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 430 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share