If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Conosciamo il mondo delle cipree mediterranee

livello elementare
.
ARGOMENTO: MALACOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Cipree

.

cipree

Conoscete le Cipree (Cowries, Porcelaines), animali marini le cui conchiglie sono forse tra le più apprezzate dai collezionisti per la loro bellezza dovuta alla forma morbida? Sono sicuro di si. Si notano rispetto alle altre conchiglie per la loro lucida finitura dovuta al fatto che il loro mantello si protende all’esterno, proteggendo il guscio dall’alto verso il basso a differenza della maggior parte delle altre conchiglie in cui viene secreto dall’interno.

Descrizione

tiger_cowrie_Page_2_Image_0001

Smithsonian National Museum of Natural Sciences For additional information on cowries: http://www.flmnh.ufl.edu/cowries/radulae.html http://www.flmnh.ufl.edu/cowries/microstructure.html http://animals.nationalgeographic.com/animals/invertebrates/golden-cowrie.html

Le cipree dal punto di vista descrittivo, sono animali strutturalmente molto semplici. Non si può però dire sempre la stessa cosa in merito  al preciso riconoscimento della specie di appartenenza che,  come vedremo, è spesso piuttosto complesso. Da un punto di vista descrittivo le cipree sono composte da :
un mantello, di solito ornato con delle papille che hanno la funzione di proteggere l’animale dai predatori (camouflage)  e di aiutarne la respirazione. Il colore del mantello corrisponde talvolta a quello delle  spugne con cui si alimenta. Questo fattore fa comprendere che, nonostante il colore e il pattern siano ben riconoscibili, non sempre garantiscono il riconoscimento dell’animale. Questa parte morbida del corpo secerne proteine e carbonato di calcio per costruire, riparare e ingrandire la conchiglia e, in alcuni casi, può essere usato come meccanismo di difesa per produrre sostanze acide. Ad esempio il mantello della Cypraea clandestina secerne acido solforico quando l’animale è disturbato. Il mantello consiste in due lobi carnosi che si incontrano a circa la metà del dorso.  Esso è ricoperto di organi sensoriali tattili, chimici e ottici. Questi sensori sono situati come proiezioni esterne del mantello e sono chiamate papille. La forma della papilla dipende dalla temperatura e la percentuale di ossigeno nell’acqua.

Il piede  può avere colorazione differente del mantello. Il piede di alcune specie di cipree  ha la possibilità di frammentarsi per attirare l’attenzione dei predatori.  Alcune cipree espellono parte del piede in modo che i predatori si dirigano verso il boccone, lasciandogli quindi la possibilità di sfuggire. Altre espellono molto muco che le rende scivolose e difficili da essere afferrate dal predatore.

Il sifone per mezzo del quale inalano l’acqua. La sua struttura non è indipendente e deriva da quella del mantello.

Piccoli tentacoli, presenti in forme dimensioni diverse nelle varie specie, che nel movimento dell’animale forniscono un controllo esplorativo tattile del terreno.

La proboscide, un tubo formato da muscoli che  fa muovere la radula, strumento che permette alle conchiglie di nutrirsi grattando spugne ed alghe. La radula è forse l’elemento più distintivo per poter catalogare le cipree. Essa può raggiungere i due terzi della lunghezza dell’animale e consiste in 50 fino a 100 file di dentini, di forme differenti rispetto alla loro posizione, necessari per il raspamento.

Nella parte interna troviamo la maggior parte degli organi in un sacco dei visceri, in posizione dorsale rispetto al piede muscoloso, che contiene gli apparati principali (digerente, circolatorio , genitale ed escretorio). Come in tutti i molluschi la respirazione è attraverso delle branchie (gill) per via della conchiglia, a causa della poca superficie cutanea a contatto dell’atmosfera e quindi non sufficiente per una respirazione affidata a degli scambi gassosi attraverso il derma.

mollusc_anatomy

Abitudini
Le cipree di solito rimangono nascoste nelle cavità durante il giorno e fuoriescono di notte per nutrirsi di alghe e di spugne. A volte si possono osservare le femmine  aggrappate strettamente ad una massa di uova. Una volta che le larve fuoriescono (veliger) galleggiano nel volume e trascorrono nel plancton da poche ore fino a parecchi giorni, prima dell’insediamento sul fondo.

010ciprea

foto di Luria lurida (credito M. Lanini/Panda Photo) la Luria lurida è una delle 4 specie di Cipree mediterranee. Vive a basse profondità, generalmente entro i 60 metri, sotto le pietre o nelle grotte semi oscure (ambienti sciafili) e fra i rizomi di Posidonia oceanica. E’ a rischio di estinzione a causa del prelievo in vita degli esemplari. Attenzione, questa specie è inserita nell’allegato II del Protocollo SPA/BIO della Convenzione di Barcellona e dall’allegato II della Convenzione di Berna.

Quelle che hanno stadio larvale più prolungato hanno ampie distribuzioni geografiche e limitata variabilità morfologica da un luogo all’altro (come nel caso della bellissima Monetaria caputserpentis o della grande Mauritia arabica). Alcuni generi (Zoila, Umbilia, Cypraeovula, Notocypraea) mancano di uno stadio larvale e lo sviluppo è locale. Gli esemplari più giovani hanno la forma di piccoli gusci sottili di carta, che nel tempo si  avvolgono mentre crescono fino alla maturità. Quando il labbro esterno si curva verso l’interno, forma i denti e la conchiglia evolverà con un nuovo modello di colore fino alla maturità. L’altezza di una ciprea adulta non cambia ma la conchiglia si inspessirà mentre l’interno verrà sciolto per creare più spazio al suo interno. Tutte le specie sono a sessi separati e depongono numerose uova in anfratti, all’interno di conchiglie vuote o sotto i sassi. La femmina staziona sulle uova per lungo tempo, ricoprendole con il piede per proteggerle. Le abitudini alimentari spaziano da un nutrimento  solo spongivoro, come nel caso della Zoila o della Luria lurida ad una dieta mista di alghe, spugne e antozoi. 

Sistematica
Le cipree appartengono al Philum dei Molluschi, alla classe dei Gasteropodi ed alla sottoclasse dei Prosobranchi, ovvero di quei gasteropodi muniti di conchiglia a forma di spirale o di cono più o meno appiattito, che possiedono un apparato respiratorio in posizione avanzata del corpo. 

ipsa childreni

Ipsa childreni

Come gli appassionati malacologi sanno, di cipree ne esistono oltre 200 specie che vivono da pochi metri fino a 600 metri di profondità. Senza entrare troppo nella loro tassonomia, che come dicevo è piuttosto complessa, la famiglia dei Cipreidae può essere suddivisa in quattro sottofamiglie (seguendo la suddivisione di Schilder) di cui si riportano solo alcuni dei geni principali, senza alcuna pretesa di rigore scientifico.

Per una più completa suddivisione sistematica si consiglia di riferirsi all’eccellente ed essenziale testo “A Guide to Worldwide Cowries” di Lorenz e Hubert,  uno dei compendi più completi sulle cypraee.

download

Cypraea tigris

Le tavole a colori su carta lucida contenute nel testo aiutano moltissimo per il riconoscimento delle specie.  Ho trovato particolarmente utile anche un metodo step by step, che, partendo dalla zona di scoperta, dalla presenza di macchie, strisce, forma, e dimensioni dei denti, consente di arrivare ad identificare le specie. Ma torniamo alle quattro sotto famiglie che furono identificate da Schindler: le Bernaynae, le Cypraeinae, l’Erosariinae e le Cypraeovulinae.

Famiglia dei CYPRAEIDAE, Gray,1824

BERNAYNAE BERNAJA
  BARYCYPREA
  SIPHOCYPREA
  ZOILA
   
 CYPRAEINAE TRONA
  MACROCYPREA
  CHELICYPREA
  MAURITIA
  LEPORICYPRAEA
  CYPREA
  LYNCINA
  TALPARIA
   
EROSARIINAE EROSARIA
  STAPHYLAEA
  PROADUSTA
  PUSTULARIA
  ANNEPONA
  IPSA
  NARIA
   
CYPRAEOVULINAE AUSTROCYPRAEA
  CHIMAERIA
  CYPRAEOVULA
  NOTOCYPRAEA
  UMBILIA
  SCHILDERIA
  NESIOCYPRAEA
  ZONARIA
  NEOBERNAYA
  ERRONEA
  PURPURADUSTA
  PALMADUSTA
  BLASICRURA
  BISTOLIDA
  CRIBARULA
  NOTADUSTA

In Mediterraneo, oltre alla Luria lurida, vivono:

Erosaria_spurca_01Erosaria spurca (L., 1758)
presenta una caratteristica forma di uovo, liscio e lucido, con parte dorsale con un tono di colore sul giallastro oppure biancastro, interamente macchiato da toni di arancione tendenti al marrone e, in alcuni esemplari verso un giallo variegato. La base è biancastra o color panna e, qualche volta, può presentare toni d’ombra sull’arancione e punti scuri vicino all’orlo. I denti, assai visibili e evidenti al tatto, sono di solito grandi, bianchi, intervallati regolarmente. La lunghezza media della conchiglia è di circa 2-3,5 cm. Vive nel Mediterraneo centrale e meridionale e nell’Italia del sud, Creta e Malta, fino all’Isola di Lampedusa.

Cypraeidae_-_Zonaria_pyrum_-_Sicily-1

Zonaria pyrum (Gmelin, 1791)
Superficie liscia e lucente con un colore arancio marrone con punti marroni, e due o tre bande trasversali. Le dimensioni medie vanno dai 32 ai 38 millimetri fino ad un massimo di 52 mm. Si ritrova nel Mar Mediterraneo meridionale lungo le coste italiane ed africane. Dorsalmente il colore di fondo è beige chiaro, più o meno chiazzato di marrone anche scuro. Sul dorso sono più o meno visibili anche due o tre bande biancastre trasversali, talvolta appena accennate o molto irregolari. È spesso presente anche una banda longitudinale, più chiara o più scura del fondo ed abbastanza evidente, ma molto irregolare. Il colore di base del bordo e della parte ventrale è l’arancione, con tonalità addirittura rossastre negli esemplari di alcune zone geografiche. Questa ciprea ha una forma ovale in senso longitudinale con un’estremità maggiormente affusolata.  


schilderia achatideaSchilderia achatidea
(Gray in Sowerby G.B.II, 1837)
Ciprea macchiettata o bandata di scuro che mostra numerose varietà di forma e colore. Le sue dimensioni vanno dai  35 ai 42 mm. Le differenze più rilevanti esistono sostanzialmente tra due sottospecie riconosciute: la varietà “achatidea” e la varietà “inopinata”. Dorsalmente la conchiglia mostra un colore di fondo chiaro, più o meno chiazzato di marrone anche scuro. Qualche volta sul dorso sono più o meno visibili anche due o tre bande biancastre trasversali, ma quando compaiono sono appena accennate e molto irregolari. Il colore di base del bordo è l’arancione. Questa ciprea ha una forma ovale in senso longitudinale, con un’estremità maggiormente affusolata, ma meno della Zonaria pyrum. Gli estremi del bordo nel senso della lunghezza sono un po’ dilatati e anch’essi di colore arancione. La parte ventrale del guscio è bianca ed appiattita in maniera asimmetrica. Da un lato è più arrotondata e piriforme. L’apertura è piuttosto larga e mostra dentelli poco evidenti anche perché dello stesso colore del fondo. L’animale è di colore grigio-verde chiaro. Il mantello è di colore chiaro e semitrasparente, mentre le papille sono relativamente scure, ben evidenti, distanziate o anche a piccoli gruppi irregolari. Le antenne sono di color arancio. La Schilderia si ritrova nel Mar Mediterraneo occidentale e centrale ed è considerata poco comune

Negli ultimi anni sono stati trovati esemplari provenienti dal Mar Rosso e non si escludono nuovi ingressi in futuro.

cowrie


Molte informazioni su questi straordinari molluschi e le loro conchiglie le potrete trovare anche su:

 

       


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.589 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share