If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Una mummia nel Pacifico: la triste storia di un marinaio, Manfred Fritz Bajorat di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: CRONACA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: naufragio

 

mummi1.630x360

Nel marzo del 2016, al largo delle Filippine, avvenne una misteriosa scoperta. Su uno yacht abbandonato alla deriva fu trovato il corpo mummificato di un uomo che risultò essere uno skipper tedesco, Manfred Fritz Bajorat, di cui si erano perse le tracce mentre era impegnato in un viaggio in solitaria in giro per il mondo. Di lui si sapeva che aveva 59 anni ed era conosciuto come un esperto navigatore solitario che aveva solcato tutti i mari del pianeta. L’ultima volta di cui si erano avvenute sue notizie era stato nel 2010, poco dopo il divorzio con la moglie.

ritrovamneto bajorat

La nave presentava l’albero di maestra spezzato e gran parte della cabina era sott’acqua. Manfred era un velista molto esperto, per cui l’ipotesi che si fosse trovato in una tempesta appare molto strana. Il ritrovamento è avvenuto per caso. Un’altra imbarcazione a vela, impegnata in una regata attorno al mondo, la LMAX, incontrò al largo delle coste di Guam, nell’Oceano Pacifico, una piccola imbarcazione di 12 metri (40 piedi) a vela alla deriva e con l’albero spezzato. Per il sacro principio del soccorso, la LMAX ha abbordato la nave alla deriva per verificare se a bordo ci fosse ancora qualcuno. Immaginate la sorpresa del 23enne Christopher Rivas quando, salito a bordo i soccorritori ritrovò  sottocoperta hanno i resti di un corpo umano completamente mummificato.

manfred bajoratIl corpo dello sventurato era adagiato ad un tavolino, vicino alla radiotrasmittente di bordo, con la testa reclinata su un braccio destro. Forse al momento della morte aveva tentato di chiamare aiuto via radio ma la morte non glielo aveva permesso. A bordo non vi erano altri componenti dell’equipaggio e tutto era in ordine. Dall’analisi dei documenti personali la polizia filippina risalì all’identità del navigatore solitario diffondendo in rete la sua foto per cercare informazioni sugli ultimi movimenti.  L’autopsia seguente determinò che la causa della morte fu causata da un infarto del miocardio.

La domanda che la polizia si pose fu come aveva fatto il corpo a mummificarsi in così poco tempo?  I medici sanno che un corpo può venire mummificato dalla sabbia del deserto, grazie al sale cristallizzato che lega i liquidi  e impedisce la proliferazione dei batteri. Lo stesso può accadere in zone desertiche, sia fredde che calde, grazie al vento e all’aria secca che sottraggono i liquidi a un organismo morto, oppure nelle caverne grazie alla temperatura costante ed all’umidità dell’aria ma il fatto che sia avvenuto in mare è quanto meno bizzarro. La natura può favorire la mummificazione anche in ambienti artificiali come cantine, solai e cripte, dove la conservazione è causata da un insieme di fattori quali correnti d’aria e temperature stabili. Le condizioni atmosferiche avrebbero quindi rapidamente asciugato il corpo dall’esterno, trasformando la pelle in una barriera protettiva di pelle contro batteri ed insetti. Ma sotto il grasso e il muscolo, i batteri nell’intestino potrebbero aver cominciato a decomporre il corpo dello sventurato dall’interno.

la-barca-manfred-fritz-bajorat-770079_tn

L’aria, l’alta temperatura e la salsedine del mare sono tutti elementi molto favorevoli alla mummificazione“, ha dichiarato al The Guardian il dottor Peter Vanezis, professore di patologia forense presso la Barts e la London School di Medicina e Odontoiatria. Inoltre, secondo una dichiarazione rilasciata al Bild dal dottor Frank Wehner, patologo forense presso l’Università di Tübingen, la settimana dopo la morte, la sua pelle potrebbe essere diventare gialla, accartocciata su se stessa, raggiungendo una vera e propria mummificazione solo dopo diverse settimane. Egli ritiene che quel leggero rivestimento grigio che copre il corpo mummificato sia in realtà una muffa. Tra il materiale trovato sullo yacht dagli investigatori vi era una lettera di Bajorat alla sua ex moglie, Claudia, che morì di malattia nel 2010. Una triste storia di mare ed un tributo a quest’uomo che aveva dedicato la sua vita al mare.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.959 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

26 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share