If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Tutti Capitan Achab per osservare le Moby Dick liguri con Gianni Busè, Alberto Balbi e la Cooperativa Costa Balenae

santuario_pelagosI grandi mammiferi del mare Mediterraneo e degli oceani hanno scelto di vivere nel Mar Ligure, ed esattamente in quell’area marina protetta chiamata “Santuario dei mammiferi marini Pelagos”, che si estende tra Italia, Corsica, Francia e Principato di Monaco per 87.500 kmq.  Qui sono di casa tursiopi, grampi, stenelle striate (oltre 38.000), zifi (circa 100), capodogli (circa 100), globicefali e esemplari di balenottera comune (circa 400), lunga fino a 22 m e pesante fino a 70 t., che qui vivono tutto l’anno e si riproducono.

ok-santuario-pelagos1

Emozioni assicurate. Infatti, muniti di binocolo e pazienza, li si avvista abbastanza facilmente, con una percentuale fino al 98%, se ci si affida a persone esperte come gli amici del Mola Mola Diving Team  e della Cooperativa Costa Balenae. Nel porticciolo turistico di Alassio ci si imbarca su una delle confortevoli barche del Mola Mola Dive Team (punto di contatto Gianni Busè presso Porto Luca Ferrari 4, Alassio (SV), Molo H posto 1, cell. 3288454299 – 3336965090, www.molamoladiveteam.com) e spingersi al largo, oltre l’Isola Gallinara che appartiene alla Riserva Naturale Regionale omonima.

477-Gianni-Buse-comandante-del-MolaMola-e-Alberto-Balbi

Nella foto, da sinistra, Alberto Balbi, noto fotografo professionista subacqueo, e Gianni Busè, comandante del Mola Mola

Gallinara_1-500x359L’isola di Gallinara, ricoperta da una odorosa macchia mediterranea, è una delle più grandi colonie di nidificazione di gabbiani reali del Mar Ligure. Possono essere osservati anche esemplari di cormorani e sule. Furono i Romani a chiamarla così, perché vi trovarono numerosi esemplari di galline selvatiche. Nei suoi fondali si ritrovano molti relitti e manufatti risalenti al V secolo a.C., probabilmente provenienti dalla zona di Marsiglia. Svariati reperti sono esposti al Museo Navale della vicina Albenga, presso il Palazzo Peloso Cepolla, tra cui anfore di epoca Romana dal periodo repubblicano fino al VII secolo. Molti ricorderanno che Nino Lamboglia, un precursore della archeologia subacquea,  effettuò qui il primo recupero subacqueo della storia nel 1950. Purtroppo, o per fortuna, si può solo fare la circumnavigazione dell’isola, ma non sbarcarvi. Da tempo appartiene a privati, ma è disabitata in quanto mancano acqua, luce elettrica e rete fognaria. Si prosegue oltre l’Isola Gallinara e ci si spinge così al largo nelle acque profonde del “Santuario dei mammiferi marini Pelagos”. A condurre la confortevole barca del Mola Mola Dive Team è il capitano Gianni Buse, coadiuvato dal noto fotografo Alberto Balbi. A bordo troviamo anche la biologa marina Barbara Nani ed i suoi collaboratori della Cooperativa Costa Balenae, Davide Ascheri e Elena Fontanesi, che ci spiegano dettagliatamente la vita dei grandi cetacei che popolano queste acque.

barbara

Barbara Nani Classe 1965 laureata in scienze naturali, guida ambientale escursionistica, eclettica, vulcanica, oltre alla passione per il mare e la cetologia che l’hanno portata nel 1996 a fondare il primo whalewatch in Italia, si occupa di educazione ambientale e formazione. E’ socia fondatrice e Presidente della Costa Balenae, una cooperativa ideata pensando al futuro di Zoe (sua figlia) e di tutti i bimbi che un domani dovranno vivere sulla Pianeta Terra e che oggi dovrebbero imparare ad amarlo a rispettarlo.

La Cooperativa Costa Balenae è stata creata da me e da altri biologi marini e naturalisti”, spiega Barbara Nani, “nel 2014 a Imperia. Il nostro è un nuovo tipo di whale watching, in quanto vogliamo usare imbarcazioni piccole e soprattutto eco sostenibili non inquinanti, che possono accogliere un numero massimo di 50 persone. Si tratta di un progetto che ha bisogno di essere diffuso e conosciuto, per raccogliere i fondi necessari. Tutto questo nel rispetto degli animali e del loro habitat. Occorre prudenza e  molta attenzione nell’avvicinarli. Soprattutto quando si tratta delle balene comuni, che qui vivono tutto l’anno e si riproducono. In particolare quando allattano e allevano i loro piccoli, capaci di crescere di ben 100 kg il giorno. Si nutrono di krill, sorta di gamberetto che qui si trova in grande abbondanza, di cui sono ghiottissime. I capodogli mangiano grossi calamari che trovano fino a 1000 m di profondità”. Emozionante risulta il loro avvistamento. In particolare degli esemplari di balenottera comune, che quando emerge lancia in aria uno spruzzo alto d’acqua simile a geyser. Salta e si inabissa. Dopo 8 minuti riemerge.

La sua schiena lucida riflette bagliori iridescenti sotto i raggi del sole. Ancora un colpo di coda. Tethys_Flukes_02Si vede perfettamente la sua pinna dorsale. Infine si immerge per l’ultima volta nella profondità del mare e scompare lasciando in superficie una sorta di impronta azzurra dove il mare si fa liscio come una tavola. “Tutto questo costituisce un patrimonio naturalistico inestimabile, che dobbiamo preservare e saper condividere senza provocare danni all’ambiente e agli animali. Rumori, ultrasuoni, inquinamento ambientale e acustico sono i peggiori nemici dei cetacei”, conclude Barbara Nani.

Un ringraziamento ad Alberto Balbi che ci ha autorizzato alla pubblicazione parziale dell’articolo di Pietro Tarallo – Foto di Massimo Bisceglie e alii che può essere letto seguendo questo link.

print
(Visited 91 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Aaronne Colagrossi Aaronne Colagrossi
    11/07/2017    

    Bello!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share