If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Breve storia del Woods Hole Oceanographic Institution di Giorgio Caramanna

Woods_Hole_Oceanographic_Institution_(emblem)Il Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), sito nell’omonimo villaggio lungo la costa del Massachusetts, è oggi uno dei centri di ricerca oceanografici tra i più avanzati al mondo annoverando uno staff di oltre 950 persone tra ricercatori, tecnici e personale amministrativo. Con un budget annuo di circa 215 milioni di dollari, la maggioranza proveniente da fondi federali ma con un importante contributo di donazioni private, sviluppa ricerche in geologia, biologia, ecologia ed ingegneria con oltre 500 progetti attivi in contemporanea.

6.Una veduta del porto del WHOI negli anni 1960

Una veduta del porto del WHOI negli anni ’60

L’Istituzione è organizzata in sei dipartimenti, l’Istituto Cooperativo per il Clima e l’Oceanismo e un centro di politica marina. Le sue strutture a terra sono situate nel villaggio di Woods Hole, Massachusetts, Stati Uniti e un chilometro e mezzo dal Quissett Campus. La maggior parte dei finanziamenti dell’Istituzione deriva da sovvenzioni e contratti della National Science Foundation e altre agenzie governative, amplificate da fondazioni e donazioni private. Gli scienziati, gli ingegneri e gli studenti di WHOI collaborano per sviluppare teorie, idee di prova, costruire strumenti di navigazione e raccogliere dati in ambienti marini diversi. Lavorando in tutti gli oceani del mondo, la loro agenda di ricerca comprende: attività geologica profonda, vita vegetale, animale e microbica e le loro interazioni nell’oceano, erosione costiera, circolazione oceanica, inquinamento oceanico e naturalmente gli effetti del cambiamento climatico globale.

Le attività del WHOI sono ospitate in 65 diversi edifici incluso un campus universitario di 190 ettari. Un porto privato garantisce l’attracco per le navi da ricerca ed è anche la sede di un esclusivo centro di addestramento subacqueo i cui istruttori hanno collaborato in parte dell’addestramento per gli astronauti della NASA e nel testare nuove attrezzature come la “Exo Suit” descritta in un precedente articolo. Il WHOI sin dal 1968 ha stabilito una proficua collaborazione con il prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) sviluppando un programma formativo che involve circa 950 studenti post-laurea e dottorandi.  Studenti universitari possono inoltre partecipare ad uno stage estivo di 12 settimane durante le quali hanno l’opportunità di lavorare al fianco di ricercatori in una vasta serie di ricerche multidisciplinari. Un nutrito staff di tecnici ed ingegneri garantisce supporto e logistica per le molteplici attività del WHOI inclusa la gestione e manutenzione del sottomarino da ricerca profonda Alvin del quale abbiamo parlato in un articolo precedente.

7.Un campionatore di gas manovrato dall’Alvin (C. German –WHOI)

Un campionatore di gas manovrato dall’Alvin (C. German –WHOI)

La storia del WHOI parte da lontano quando nel 1871 Spencer Baird, allora Commissario per la Pesca degli Stati Uniti, decise di fondare un primo laboratorio temporaneo nel piccolo villaggio di Woods Hole attratto dalle sue acque incontaminate e dalla buona profondità degli approdi che consentivano un facile ormeggio a vascelli anche di grandi dimensioni. Il nome Woods Hole deriva infatti dalla presenza di uno stretto che collega Buzzards Bay con il Vineyard Sound originando forti correnti e vortici durante il cambio di marea, un “buco nell’acqua”, che mantengono le acque sempre pulite. Verso la fine degli anni 1920 l’Accademia Nazionale delle Scienze raccomandò la creazione di un laboratorio oceanografico lungo la costa orientale degli Stati Uniti e Woods Hole fu prescelta come la località più opportuna per installarvi un centro di ricerca marina.

1.Il veliero da ricerca Atlantis (WHOI)

Il veliero da ricerca Atlantis (WHOI)

Nel 1930, grazie alla donazione da parte della Fondazione Rockefeller di tre milioni di dollari (equivalenti a circa 43 milioni di dollari al valore odierno), venne ufficialmente fondato il Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI). L’Istituto con questa ingente somma acquisí  anche la sua prima nave da ricerca, l’“Atlantis”, un ketch di 143 piedi. Fu l’inizio di una lunga serie di unità navali impiegate per ricerca oceanografica che si susseguiranno nel tempo. Nel 1958 la “Chain”, un’ex nave militare per recuperi marittimi della lunghezza di 213 piedi, rappresentò la prima nave oceanografica di grandi dimensioni a disposizione del WHOI. Il sommergibile Alvin si unì alla flotta nel 1968 con una specie di pontone catamarano “Lulu’” nel ruolo di nave appoggio. Nel 1970 la R/V Knorr entrò in servizio; dotata di un potente e sofisticato sistema sonar verrà in seguito impiegata anche nella localizzazione del relitto del Titanic nel 1985.

2.Atlantis II, la nuova nave appoggio dell’Alvin (C. Knight –WHOI)

Atlantis II, la nuova nave appoggio dell’Alvin (C. Knight – WHOI)

Nel 1975 la “Chain” venne dismessa e sostituita dalla più moderna “Oceanus” che rimarrà in servizio al WHOI fino al 2012; in seguito venne trasferita all’Università dell’Oregon. Nel 1997 la R/V Atlantis II diventa la nuova nave appoggio per l’Alvin consentendo estesi periodi di ricerca in mare con crociere scientifiche che possono durare fino a 60 giorni. Ma il Centro non smette di operare e e, l’ultimo acquisto, è la nave da ricerca R/V Neil Armstrong, commissionata nel 2015 in sostituzione della R/V Knorr.

La nave da oltre 47 milioni di dollari, porta il nome dell’astronauta americano il cui “piccolo passo” sulla Luna aprì all’Umanità una nuova prospettiva. Così questa nave continuerà la sua eredità di esplorazione negli oceani del mondo. Il R/V Neil Armstrong soddisfa i requisiti tecnici per supportare la ricerca oceanografica avanzata in oceani tropicali e temperati di tutto il mondo.  Il ruolo fondamentale che il Nord Atlantico e gli Oceani Artici svolgono nel clima della Terra ha portato concentrare gli sforzi scientifici per osservare queste aree e per studiare gli ecosistemi del Nord Atlantico e la loro sostenibilità.

3.La nave da ricerca N. Armstrong attraccata al molo del WHOI (K. Kostel – WHOI)

La nave da ricerca N. Armstrong attraccata al molo del WHOI (K. Kostel – WHOI)

Le navi impiegate dal WHOI appartengono alla US Navy e fanno parte della Flotta Accademica degli Stati Uniti ospitando ricercatori provenienti da ogni parte del mondo.

5.Un subacqueo risale sul Tioga (S. Whelan – WHOI)

Un ricercatore subacqueo risale sul Tioga (S. Whelan – WHOI)

Alle unità maggiori si uniscono alcune imbarcazioni per uso costiero come la “Tioga” ideata per veloci spostamenti (20 nodi di velocità) con autonomia fino a 350 miglia nautiche.

4.Alvin con la sua prima nave appoggio Lulu (C. Hinton –WHOI)

Alvin con la sua prima nave appoggio, la Lulu (C. Hinton –WHOI)

Gli ingegneri ed i tecnici impiegati al WHOI hanno anche sviluppato una nutrita flotta di veicoli subacquei e di superficie robotizzati in grado di navigare autonomamente raccogliendo una varietà di dati sull’ambiente marino. Non è inusuale vedere uno di questi “robot”navigare da solo nelle acque antistanti Woods Hole durante uno dei numerosi test.

Immersione nell’oceano (L. Madin – WHOI)

Immersione nell’oceano (L. Madin – WHOI)

Il WHOI è sempre alla ricerca di nuovi talenti e di nuove idee per continuare la sua missione di esplorazione e ricerca nei mari del pianeta. Siete interessati? Per chi volesse lavorare con questo prestigioso istituto, seguite questo link  oppure chiamate il (508) 289-2253 chiedendo di parlare con l’ Employment Services Specialists.

caramanna-giorgioDr. Giorgio Caramanna

GeoAqua Consulting

print
(Visited 146 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share