If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Incredibile scoperta dimostra contatti tra il continente europeo e l’Isola di Wight nel 6 millennio a.C.

divers

photo credit : The Maritime Trust, Roland Brookes

Una ricerca, condotta da scienziati delle università di Bradford, Birmingham e Warwick, ha rivelato che un grano, probabilmente già macinato in farina, veniva utilizzato all’isola di Wight, in un sito del Mesolitico, intorno al 6000 a.C. La scoperta, pubblicata nella rivista accademica, Science, va a riscrivere molte delle convinzioni precedenti su ciò che avveniva in quelle parti dell’Europa occidentale, nei periodi precedenti il Neolitico.  Dalle analisi biochimiche si tratta dei resti del Triticum monococcum, chiamato comunemente piccolo farro o Einkorn (in lingua tedesca), una pianta della famiglia delle graminacee che è ritenuta uno dei  primi cereali utilizzati dall’Uomo intorno al 7500 a.C., in Medio Oriente.

The_Maritime_Trust_Roland_Brookes3

I resti di questo grano domestico sono stati identificati dagli archeologi dell’Università di Warwick, utilizzando l’analisi del DNA dei reperti organici ritrovati sotto il sedimento del mare. In particolare, sebbene non sia stato trovato alcun seme è stata rilevata una piccola quantità di DNA che ha permesso l’identificazione  di questa qualità di graminacee nei campioni trovati nel sedimento e recuperati dagli archeologi subacquei al Bouldnor Cliff, al largo della costa dell’Isola di Wight. Il sito fa parte dell’area speciale di conservazione marittima di Solent e si trova a 250 metri dal villaggio di Bouldnor sull’isola di Wight, alla profondità di 11 metri sott’acqua. È una situazione particolarmente favorevole perché sotto il mare i materiali si sono mantenuti per millenni in un ambiente a temperatura costante di 4° C, perfetto per conservarli.

Tutto iniziò alla fine della glaciazione
Chiudiamo ora gli occhi e facciamo un passo indietro. Circa 8.000 anni fa, esisteva un unico territorio che attraversava la Francia, la Gran Bretagna  ed i Paesi Bassi e il sito che è stato ritrovato sotto l’acqua era in realtà un villaggio alla valle di un fiume. I mari erano più bassi e le coste del continente più vicine. Nulla di più facile di immaginarsi contatti fra i popoli indigeni delle due sponde ,,, ma c’e’ qualcosa che non torna. In questo sito affascinante sono stati ritrovati manufatti con una sofisticazione tecnica che si riteneva fosse apparsa in quell’area del mondo ben 2000 anni dopo. La domanda che gli archeologi si pongono è se a questo punto bisogna mettere l’orologio indietro di duemila anni?

Solent big mapUn nuovo mistero
Molti di questi manufatti suggeriscono che gli abitanti locali dovevano essere in contatto con gruppi o popolazioni “tecnologicamente” più avanzate, provenienti presumibilmente dalle regioni dell’Europa meridionale, con i quali avevano scambiato merci ed appreso tecnologia. Ma quali popoli avevano queste capacità nautiche duemila anni prima?

Navigatori ma anche costruttori
A Bouldnor Cliff è stata scoperta un’attività di costruzione di barche che precede di almeno 2000 anni infrastrutture simili che erano state ritrovate precedentemente nella Gran Bretagna continentale. Era forse una base logistica per i commerci nelle latitudini settentrionali? Gli archeologi subacquei hanno trovato un’ampia gamma di utensili tra cui alcuni attrezzi in pietra bianca con uno stile tipicamente del neolitico. Le prime risposte vengono dalle analisi dei reperti organici. Le biomolecole antiche del DNA sono sopravvissute sotto il mare, quando in terra ferma sarebbero state normalmente distrutte dal passare degli anni con il variare degli eventi meteorologici. Si sa che 6000 anni fa l’area era sulla terra ferma in seguito ricoperta dal mare in un periodo stimato di circa 100 anni (ma potrebbe essere di solo 30 anni), probabilmente a causa della fusione dei ghiacciai alla fine dell’era glaciale. L’ubicazione subacquea del sito è potenzialmente molto significativa perché non esistono altre indicazioni di influenza neolitica nell’Europa nord-occidentale fino al 5300 a.C. ed il più recente in Gran Bretagna era ritenuto intorno al 4100 a.C.

Solent_Arrow_1loGli archeologi subacquei si domandano come il grano Einkorn sia arrivato all’Isola di Wight. L’area più vicina, conosciuta per esserne stata produttrice era più a sud, ed era compresa tra l’Italia, la Francia meridionale e la Spagna orientale, in un periodo presumibilmente fissato intorno al 5900 a.C.

La domanda che ci si pone è se il seme del grano fu portato dal mare da uno di quei territori per poter essere utilizzato proprio sull’Isola di Wight o se fosse stato coltivato vicino all’Isola di Wight, dopo che i semi precedenti erano stati portati da quelle regioni. Questa scoperta suggerisce nuove possibilità sulla capacità marittima nel periodo mesolitico che consentiva di collegare culture tecnologicamente più sviluppate residenti nel continente all’Isola di Wight.

einkorn-wheat1-e1351782668239-680x387

il piccolo farro, Einkorn, si sviluppo’ naturalmente  selvaggiamente sulle colline  nella parte settentrionale dell’Anatolia ed ella mezzaluna fertile (mesopotomia), estendendosi poi nei Balcani e a sud verso la Giordania vicino al Mar Morto. È una piccola varietà di frumento selvatico, di solito inferiore ai 70 centimetri (28 “) e non è molto produttivo di semi commestibili. Divenne uno die grani maggiormente usati nell’antichita’

Il DNA del grano Einkorn è stato recuperato dagli archeologi da uno strato di sedimento che era stato sepolto a diversi metri sotto il fondale. Il materiale associato (principalmente frammenti di legno) è stato datato grazie alle tecniche di datazione “Bayesiane” del carbonio radioattivo. Gli archeologi dicono che il sito potrebbe essere stato un accampamento mesolitico di pescatori dove venivano costruite quelle antiche imbarcazioni, attualmente forse il più antico sito del genere scoperto nel mondo. Vi hanno trovato prove della lavorazione del legno, la cottura e produzione di utensili da impiegare sul fuoco. Sono stati scoperti anche pezzi di corda mesolitica, l’osso del tallone di un Uro (un antico bovide), il DNA di un canide (forse un lupo) e di bestiame. Queste scoperte fanno di questo sito un punto di riferimento dove lavoravano pescatori, marinai, ma anche allevatori e contadini.

L’uso o l’introduzione di cereali in Gran Bretagna sembra essere stato un processo molto più lungo e più complesso di quanto abbiamo già immaginato“, ha dichiarato il professor Vince Gaffney, archeologo dell’Università di Bradford. Di fatto l’analisi del materiale genetico trovato nei sedimenti marini antichi sepolti aprirà un capitolo totalmente nuovo nello studio della preistoria britannica ed europea.

È un metodo unico per esplorare e capire quello che stava avvenendo nelle enormi fasce di territorio preistorico perse durante l’aumento del livello del mare dopo la fine dell’ultima età glaciale“, ha aggiunto il professor Gaffney

Garry Momber, Direttore del Fondo Marche Archeologico, ha detto all’Independent che si tratta di  “una delle collezioni più ricche di legname lavorato pre-neolitico mai trovata in Gran Bretagna o altrove in Europa. Al momento possiamo solo esaminare una percentuale minima del materiale sottomarino che costantemente erosa – ma speriamo che, se riusciremo ad ottenere maggiori finanziamenti, saremo in grado di recuperare e analizzare molto di più questo sito unico“. Insomma il mare ci rivela ancora nuove sorprese sul nostro passato.

print
(Visited 61 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share