If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I giardini di Nemo, una speranza per la nostra sopravvivenza

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: culture subacquee

 

Proviamo ad immaginare un mondo in cui le coltivazioni delle verdure necessarie alla nostra sopravvivenza avvenga nelle profondità del mare. Le aveva immaginate  Jules Verne nel suo libro Ventimila leghe sotto i mari ma questo sogno sembra essere diventato ormai una realtà.

A circa dieci metri sott’acqua, nella meravigliosa costa italiana del Mar Ligure, immergendoci potremmo osservare sul fondo delle strane meduse giganti frutto dell’ingegno e della applicazione di Sergio Gamberini, un noto imprenditore della subacquea che ha ideato queste suggestive strutture. Come sappiamo, l’agricoltura tradizionale, effettuata sulla terra ferma,  ha un notevole costo a livello ambientale a causa dell’utilizzo di numerose sostanze tossiche (pesticidi) e, fattore spesso non considerato, da un notevole uso di acqua necessaria per l’annaffiamento. Questa soluzione subacquea vuole essere un’alternativa alle coltivazioni tradizionali per dare una risposta dal mare alle esigenze di sopravvivenza del futuro.

L’emergenza acqua
La disponibilità dell’acqua è un oggetto di importanza cruciale per capire le dinamiche del prossimo futuro. La vera emergenza che le prossime generazioni dovranno affrontare  non sarà energetica ma l’acqua. Senza acqua non potremo coltivare i nostri campi e nutrire il mondo. Vanno ricercate nuove soluzioni … ed il mare ci potrebbe aiutare.

Acqua-nel-2040-sarà-un-problema-per-170-Stati-del-mondo

E’ per questo che dovremmo ricercare soluzioni alternative da applicare nelle zone di siccità costiere colpite dal cambiamento climatico in cui si scateneranno in futuro fenomeni di assoluta invivibilità. In un rapporto del World Resources Institute, entro il 2040, 33 Stati avranno un calo delle risorse idriche estremo che causerà nuovi fenomeni migratori di massa. Popoli la cui economia è tradizionalmente basata su agricoltura e pastorizia, sarano costretti a lasciare le loro terre per trasferirsi in zone più accoglienti dal punto di vista ambientale. Per quanto può sembrare improbabile, anche in Europa la scarsità di risorse idriche, si avvertirà in Estonia, così come in Namibia e Botswana.
425310631-42750

L’impatto sulle attività agricole e industriali sarà notevole anche in paesi come gli Stati Uniti, l’India, l’Australia e la Cina dove il livello di stress idrico, pur rimanendo costante a livello nazionale, potrebbe aumentare tra il 40% e il 70% in alcune aree, come nel sudovest degli Stati Uniti o nella provincia cinese di Ningxia. Si potrebbe andare verso un collasso economico ed ecologico che provocherebbe migrazioni di massa da far impallidire quelle attuali. In tutto il mondo si stanno analizzando soluzioni alternative per poter fornire alimenti sufficienti alla popolazione mondiale future. Perché non ricercarle in fondo al mare?

Un cammino ancora lungo ma promettente
sergio gamberiniTutto cominciò quando Sergio Gamberini, si rese conto che sott’acqua si potevano ottenere condizioni favorevoli per avviare un’agricoltura idroponica  ovvero tecniche di coltivazioni extra suolo dove la terra viene sostituita da un substrato inerte (argilla espansa, fibra di cocco, ecc. La tecnica è forse più nota con il termine di idrocoltura. Le piante vengono irrigate con una soluzione nutritiva composta dall’acqua e dai composti necessari ad apportare tutti gli elementi indispensabili alla normale nutrizione minerale. Essa consente produzioni controllate sia dal punto di vista qualitativo sia igienico-sanitario durante tutto l’anno). Il fattore innovativo dell’idea di Gasperini è che viene applicata sotto il mare e non ha bisogno di sistemi di regolazione della temperatura o di illuminazione a LED che sono normalmente impiegati nelle culture in serra terrestri. Il calore e l’umidità all’interno delle biosfere sono infatti ideali e non richiedono nessuna sorgente di energia in quanto le piante coltivate al loro interno hanno tutto ciò di cui hanno bisogno: dalla luce che filtra dalla superficie del mare ed alle temperature fornite dall’oceano circostante. Sfruttando la differenza di temperatura tra l’aria contenuta all’interno della biosfera e l’acqua esterna il sistema non ha nemmeno bisogno di acqua dolce, perché essa viene prodotta grazie all’evaporazione che si forma all’interno delle sfere.

In pratica, l’evaporazione crea un “ciclo chiuso” di idratazione, eliminando la necessità di ogni tipo di irrigazione. “Stiamo crescendo pomodori, fagioli e lattuga, tutto senza bisogno di acqua dolce” ha riferito Gamberini ad una nota rivista, “… il nostro giardino è un sistema autosufficiente. Infatti, una volta che il sistema di coltura è stato attivato tramite la desalinizzazione dell’acqua di mare, continua a sostenerla senza alcun sostegno esterno. Stiamo crescendo pomodori, fagioli e lattuga, tutto senza bisogno di acqua dolce … ” afferma Gamberini. … “l’agricoltura tradizionale usa il 70% dell’acqua dolce a livello mondiale e la scarsezza dell’acqua aumenta, rendendo l’agricoltura tra i settori più vulnerabili agli impatti del cambiamento climatico“.

Perché sotto il mare?
La risposta è semplice: in mare la temperatura è pressoché costante, l’umidità sufficientemente alta, insetti e parassiti non possono raggiungere germogli e piantine, e dunque si può evitare l’uso dei pesticidi.
La sfida maggiore è stata quella di costruire le biosfere, strutture in plastica trasparente ancorate al fondale e contenenti aria, dove impiantare le coltivazioni. Gamberini si rende conto che questa soluzione geniale dovrà ancora superare molte difficoltà tecniche che aggiungono costi, tempi e complessità per uno sviluppo commerciale delle biosfere. Sta quindi sperimentando la dimensione ottimale, la forma delle biosfere e la profondità dove posizionarle per ridurre i rischi dovuti agli effetti di cattive condizioni meteorologiche che, in passato, le hanno qualche volta danneggiate, distruggendo i raccolti e costringendo i ricercatori a ridisegnare  il sistema utilizzato per fissarle al fondo marino.

le biosfere ancorate al fondo

Di fatto, i dati raccolti sembrano suggerire che le piante, sottoposte a pressioni maggiori di quelle atmosferiche (circa 2 atmosfere) possono accelerare la loro crescita. “Le evidenze preliminari ci hanno dimostrato che le condizioni di pressione più elevate influenzano la crescita delle piante in modo positivo, che significa sostanzialmente una germinazione più rapida“, spiega Gamberini. “I limiti di ciò che può essere coltivato devono ancora essere definiti. Ulteriori ricerche saranno affrontate per comprendere i tipi di verdure adatte all’agricoltura subacquea … l’obiettivo del progetto è quello di creare un sistema alternativo di agricoltura, specialmente dedicato a quelle aree del mondo dove le risorse naturali e le condizioni dure diventano difficili“.

basilico di nemoDopo un paio di anni di sperimentazione, l’Orto di Nemo ha oggi attive cinque biosfere che garantiscono una temperatura costante intorno ai ventisei gradi centigradi, un tasso di umidità dell’83% ed alte concentrazioni di anidride carbonica, che favoriscono la crescita delle piante.

Giunto al suo quarto anno di vita, produce un raccolto ad uso personale, e da brava ligure,  la signora Gamberini utilizza il basilico prodotto per preparare il suo pesto che garantisce profumato e di alta qualità.  Andiamole a visitare insieme.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

 

print
(Visited 283 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share