If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Breve storia dell’autorespiratore a ossigeno – seconda parte – di Fabio Vitale

livello elementare 
..
ARGOMENTO: STORIA DELLA SUBACQUEA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: ITALIA
parole chiave: a.r.o.
.

Ritorniamo oggi alla storia dell’autorespiratore ad ossigeno (A.R.O.) raccontata sempre con dovizia di particolari e curiosità dal nostro storico della subacquea Fabio Vitale.

1

Autorespiratore Davis nella configurazione di apparecchio di salvataggio per sommergibilisti. Sarà il punto di partenza per lo sviluppo dell’autorespiratore a ossigeno utilizzato dai sommozzatori della Marina (Archivio Fabio Vitale)

E’ innegabile che l’ARO abbia avuto in Italia un insolito sviluppo. Il manuale tecnico per gli ufficiali medici della Regia Marina italiana del 1938 tratta in un capitolo, forse per la prima volta, la figura del sommozzatore. A questa nuova figura professionale vengono dedicate ben undici facciate e si comincia a percepire che, seppur non paragonabile al palombaro, anche il sommozzatore può essere un utile alleato nelle ispezioni e nei lavori a bassa profondità. Il sommozzatore può immergersi, così dice il manuale, con l’ausilio di un autorespiratore ad ossigeno (A.R.O.), un apparecchio estremamente pratico e poco ingombrante che però limita la profondità d’immersione a 10-15 metri. La particolarità di questo autorespiratore sta nel suo utilizzo in circuito chiuso, quindi senza emissione di bolle verso l’esterno.

ARO

parti costituente un apparecchiatura A.R.O.

I sommozzatori italiani usarono come primi autorespiratori ad ossigeno le apparecchiature inglesi Davis (concepite per la fuoriuscita d’emergenza dai sommergibili) anche se modificate e adattate alle nostre esigenze. Questi respiratori erano costruiti in Italia su licenza della ditta inglese Siebe & Gorman di cui la ditta Italo Zannoni era agente generale per l’Italia. Nei primi modelli l’autonomia non era particolarmente elevata e mantenevano tutta una serie di difetti (ad esempio la facilità ad allagarsi quando usati in profondità) che li rendevano ancora poco adatti ad un impiego veramente subacqueo. La svolta arrivò dalla ricerca per l’adozione di un respiratore subacqueo che potesse rispondere alle richieste imposte dallo sviluppo di un famoso mezzo d’assalto.

2

Uno dei primi prototipi del Siluro a Lenta Corsa di Tesei e Toschi. La sua realizzazione definitiva vedrà ancora diverse modifiche (Archivio Ufficio Storico Marina Militare)

Fu nel 1935 che iniziò la sperimentazione del Siluro a Lenta Corsa (S.L.C. il cosiddetto “maiale”) ideato da Teseo Tesei ed Elios Toschi, due capitani del Genio Navale della Regia Marina italiana. L’idea del S.L.C. derivava da un mezzo (chiamato Mignatta) già utilizzato nel 1918 da due altri ufficiali italiani, Raffaele Rossetti e Raffaele Paolucci.

Tesei e Toschi rielaborarono il concetto operativo che stava alla base della Mignatta e progettarono il Siluro a Lenta Corsa (S.L.C.), un siluro modificato in modo tale da renderlo simile ad un minisommergibile. Due uomini a cavalcioni di esso e muniti di un A.R.O. potevano navigare a pelo d’acqua e, all’occorrenza, immergersi e procedere sott’acqua per tratti anche lunghi. Il Siluro a Lenta Corsa aveva scopi offensivi e utilizzava una carica esplosiva che poteva essere posizionata al di sotto della chiglia della nave appesa a un cavo steso da un aletta antirollio all’altra. Si comprese immediatamente che quello che necessitava di una sostanziale messa a punto era proprio l’autorespiratore in dotazione ai due piloti del “maiale”. L’apparecchio ad ossigeno avrebbe dovuto assicurare la respirazione, sia nelle fasi di navigazione subacquea che nella fase finale d’attacco, ovvero quando bisognava fissare la carica esplosiva allo scafo.

Interessante notare che il respiratore ad ossigeno, illustrato dal Dorello nel suo manuale del 1938, fu quello “ufficialmente” adottato dalla Regia Marina. Una versione diversa da quella degli operatori dei mezzi d’assalto (probabilmente per coprire il segreto di un’attrezzatura considerata giustamente strategica). Per cercare la migliore soluzione possibile fu creata un’apposita commissione composta, oltre che dal Maggiore Medico Ferdinando Dorello, anche dal Capitano di Fregata Catalano Gonzaga di Cirella e dal Comandante Mario Moschini.

3

Due sommozzatori Gamma in addestramento muniti di autorespiratore IAC a grande autonomia e maschera gran facciale a due oculari, Livorno

Questa commissione, insediatasi nel gennaio del 1935, lavorò per trovare una soluzione efficace e, dopo aver dettato i punti fondamentali cui si sarebbero dovute attenere le ditte interpellate nella realizzazione dell’autorespiratore, ottenne nei primi mesi del 1936 un primo modello abbastanza perfezionato. Era realizzato dalla I.A.C. (Industria Articoli Caoutchouc), un’azienda di Tivoli produttrice di maschere antigas che aveva creato un apposito reparto per la produzione di attrezzature subacquee con a capo il noto Comandante Angelo Belloni, stravagante e geniale inventore di apparecchiature subacquee. Questo autorespiratore, che ricalcava la sua struttura portante dal Davis, era stato concepito per essere utilizzato in accoppiamento ad una maschera in gomma anatomica a due oculari, divenuta poi famosa come emblema dei nostri operatori.

4

Guastatore (Gamma) equipaggiato con Aro a piccola autonomia

Era il modello 49 e venne prodotto in circa trenta esemplari ed utilizzato nella fase iniziale degli addestramenti degli operatori degli S.L.C.. Dopo ulteriori modifiche ne venne prodotto uno più perfezionato, il 49/bis e questo fu l’autorespiratore adottato comunemente degli operatori della X^ Flottiglia Mas e dai sommozzatori della Marina.

Fu quindi eliminata la valvola di sovrappressione laterale (il sommozzatore poteva scaricare eventuale ossigeno in eccesso allentando semplicemente le labbra dal boccaglio) e l’autonomia venne portata a cinque ore. Oltre a questo autorespiratore a grande autonomia ne veniva fabbricato un modello a piccola autonomia ed a minor ingombro. Nel prosieguo della guerra vennero poi prodotti dalla Pirelli e dalla Salvas altri tipi di autorespiratori sia per gli operatori dei mezzi d’assalto sia per gli uomini Gamma.

Gli A.R.O. furono l’attrezzatura portante dei sommozzatori della Marina, sia durante la guerra che negli anni immediatamente successivi, quando ci fu la necessità di coadiuvare i palombari in tantissimi lavori a bassa profondità nei porti e nei fiumi.

.

vitale fabioFabio Vitale
Storico della subacquea

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.145 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share