If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

TARAS – TARENTUM: la storia antica della città fra i due mari

livello elementare
.
ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Taranto

Quando si parla di mare non si può non parlare di una grande città dell’antichità, Taranto, un’antica città nel Sud dell’Italia chiamata la città fra i due mari. L’antica Taranto fu fondata nel 706 a.C. da coloni doriani i cui fondatori erano Partheniae, figli di donne spartane e Perioeci (uomini liberi, ma non cittadini di Sparta); questi ultimi furono accettati a Sparta per aumentare il numero di soldati (solo i cittadini di Sparta potevano in origine diventare soldati) durante le sanguinose guerre Messeniane.

In seguito, il diritto di cittadinanza gli fu negato ed i figli furono costretti a partire verso altri lidi. Secondo la leggenda, Phalanthus, il leader dei Parteniani, si recò a Delphi per consultare l’oracolo e ricevette uno strano responso,  avrebbe dovuto trovare una città dove cadeva pioggia da un cielo limpido. 255px-Moneta_TarantoDopo tanti tentativi di trovare un luogo adatto per fondare la colonia,  convinto che l’oracolo gli aveva auspicato qualcosa di impossibile, tornò dalla moglie e, per cercare consolazione, posò la testa sul grembo di lei. Quando Phalanthus sentì le lacrime cadere sulla sua fronte, finalmente afferrò il significato dell’oracolo, perché il nome di sua moglie significava cielo limpido. L’approdo del porto naturale di  Taranto era vicino e Phalantus decise che quella sarebbe stata la nuova casa per gli esuli. Fondò la città, denominandola Taras con il nome del figlio del dio del mare greco, Poseidone, e di una ninfa locale, Satyrion. Taras a cavallo di un delfino fu adottato quindi come simbolo della città greca. Nel tempo, Taranto aumentò il suo potere, diventando un potenza commerciale sovrana della Magna Grecia, e governando molte delle colonie greche del sud dell’Italia.

delfini-di-taras-833x321

i delfini simbolo di Taranto

Nel suo inizio, Taranto era una monarchia, probabilmente modellata su quella di Sparta; secondo Erodoto, intorno al 492 a.C. il re Aristofilides governò con sagacia la città. Sebbene la sua potenza si espresse verso le città costiere, la sua espansione verso l’interno era limitata dalla resistenza delle potenti popolazioni indigene della Puglia interna. Nel 472 a.C., Taranto firmò un’alleanza con Rhegion, per contrastare le tribù Iapigie dei Messapiani, dei Peucasiani e dei Lucani, appoggiati da Atene, ma non bastò. Gli eserciti congiunti tarantini e reggiani furono sconfitti, nei pressi di Kailia, in una terribile battaglia. Secondo Erodoto, fu il massacro più grande dei Greci nella penisola italica, con oltre 3000 guerrieri uccisi. Nel 466 a.C., Taranto fu nuovamente sconfitto dagli Iapigi; secondo Aristotele, a seguito della morte di tanti aristocratici, il partito democratico poté ottenere il potere e far cadere la monarchia, inaugurando la democrazia. Tuttavia, l’ascesa del partito democratico non indebolì i legami di Taranto con la sua città madre Sparta. Infatti, Taranto sostenne la parte del Peloponneso contro Atene nella guerra del Peloponneso, rifiutando l’ancoraggio e l’acqua ad Atene nel 415 a.C., ed inviando navi per aiutare i Peloponnesi.

Nel 432 a.C., dopo diversi anni di guerra, Taranto firmò un trattato di pace con la colonia greca di Thurii; entrambe le città contribuirono alla fondazione della colonia di Heraclea, che cadde poi sotto il controllo assoluto di Taranto. La sua ascesa militare non fu ignorata. Nel 367 a.C. Cartagine e gli Etruschi firmarono un patto per contrastare il potere di Taranto nell’Italia meridionale. Sotto il grande statista, stratego e comandante dell’esercito, nonché filosofo e matematico Archytas, Taranto raggiunse il suo massimo potere e ricchezza; divenne la città più importante della Magna Grecia, il principale porto commerciale dell’Italia meridionale, produttore ed esportatore di merci per la Grecia. Inoltre, costituì  un grande esercito supportato dalla flotta maggiore dell’Italia meridionale. Tuttavia, con la morte di Archytas nel 347 a.C.,  iniziò un declino lento ma ineluttabile; i Tarantini preferirono utilizzare la grande ricchezza accumulata per assumere mercenari piuttosto che lasciare i loro commerci.

Italia

Nel 343 a.C. Taranto si appellò per aiuti alla città madre Sparta, di fronte all’aggressione della Lega italica e, nel 342 a.C., Archidamus III, re di Sparta, arrivò in Italia con un esercito e una flotta per combattere i Lucani ed i loro alleati. Nel 338 a.C., durante la Battaglia di Manduria, gli eserciti Spartani e Tarantini furono sconfitti davanti alle mura di Manduria e Archidamo fu ucciso. Nel 333 a.C., ancora attaccati dai loro vicini italici, i Tarantini chiesero aiuto al re dell’Epiro Alexander Molossus per combattere Bruttii, Sanniti e Lucani, che nel  331 a.C. fu sconfitto e ucciso nella battaglia di Pandosia (vicino a Cosenza). Nel 320 a.C., un trattato di pace fu firmato tra Taranto ed i Sanniti. Nel 304 a.C., Taranto fu nuovamente attaccato dai Lucani e chiese l’aiuto del tiranno Agathocles di Siracusa, re di Sicilia. Agathocles arrivò nell’Italia meridionale e prese il controllo di Bruttium. Nel 303-302 a.C. Cleonymus di Sparta stabilì una nuova alleanza con Taranto contro i Lucani.

Primi scontri con Roma
sanniti2All’inizio del III secolo a.C. il potere crescente di Roma cominciò a spaventare Taranto, soprattutto in termini di padronanza del mare e di controllo delle colonie greche in Magna Grecia. Dopo la resa dei Sanniti nel 290 aC, i Romani fondarono molte colonie in Puglia e Lucania. Inoltre, alcune città stato della Magna Grecia, come Rhegion, Kroton e Locri, chiesero a Roma aiuto militare a causa delle guerre che avevano con i loro vicini. Inoltre, Thurii chiese aiuto a Roma nel 282 a.C., dopo essere stato attaccato dai Lucani.

Questa situazione portò inevitabilmente a un conflitto tra Taranto e Roma, dal momento che Taranto sentiva che Roma interferiva negli affari delle colonie greche dell’Italia meridionale che i Tarentini consideravano sotto il loro dominio. Taranto aveva la forza navale più potente in Italia e si affrettò ad accordarsi con Roma, chiedendo che le navi romane non entrassero nel Golfo di Taranto. Nel 282 a.C., Roma mandò una flotta al comando di Lucius Valerius, con truppe in soccorso di  Thurii, ma dieci delle navi a causa di un fortunale si rifugiarono di fronte al porto di Taranto, mentre era in corso  una festa sacra (la festa di Dioniso). Questo fu considerato dai Tarantini un atto ostile aperto in conflitto con il patto che proibiva l’ingresso del golfo di Taranto alle navi romane e rispose attaccando la flotta romana. La flotta tarantina affondò quattro navi romane e ne catturò una quinta. Secondo alcuni storici, i comandanti romani Publius Cornelius e Lucius Valerius chiesero agli aristocratici di Taranto di arrestare i democratici ed i loro seguaci che avevano ordinato di attaccare le navi romane. Ciò avrebbe consentito  agli Aristocratici di riprendere il potere e di firmare un’alleanza con Roma, ma i democratici esiliarono gli aristocratici e l’esercito e la flotta di Taranto attaccarono Thurii.

Guerra pirrica
Roma mandò dei diplomatici a Taranto, ma i colloqui furono interrotti dai Tarantini: l’ambasciatore romano Postumius fu insultato e deriso da Philonides, membro del partito popolare. Il Senato romano dichiarò quindi guerra a Taranto, ed i Tarantini chiesero aiuto a Pirro, re dell’Epiro.

pirro-246x300Nel 281 a.C., le legioni romane, sotto il comando di Lucius Aemilius Barbula, entrarono in Taranto e la saccheggiarono. Taranto, sebbene con rinforzi sannitici e salentini, perse la battaglia contro i Romani. Dopo la battaglia, i Greci firmarono una tregua ed avviare colloqui diplomatici. Questi colloqui furono  interrotti quando trecento soldati dell’Epiro sotto il comando di Cineas entrarono in città. Il console romano si ritirò ma subì perdite dagli attacchi delle navi greche. Pyrrhus decise di aiutare Taranto perché precedentemente lo aiutato a conquistare l’isola di Corcyra. Sapeva anche che poteva contare sull’aiuto dei Sanniti, dei Lucani, dei Bruttii e di alcune tribù illiriche. Il suo obiettivo era quello di conquistare la Macedonia ma non aveva abbastanza soldi per reclutare soldati. Aveva intenzione di aiutare Taranto, poi andare in Sicilia ed attaccare Cartagine. Qualora avesse vinto  la guerra contro la ricca città  avrebbe avuto abbastanza fondi per organizzare un potente esercito e catturare la Macedonia.

Guerre_di_Pirro_in_italia_(versione_in_latino_corretta)

Prima di lasciare l’Epiro, prese in prestito alcune falangi  e chiese navi e soldi dal re siriano Antioco e da Antigono II Gonatas. Il re egiziano aveva  anche promesso di mandare 9000 soldati e 50 elefanti di guerra. Queste forze dovevano difendere l’Epiro mentre Pirro era impegnato sul fronte meridionale. Nella primavera del 280 a.C., Pirro arrivò sulla penisola italica con 20.000 soldati fanteria, 2.000 arcieri, 3.000 cavalieri dalla Tessaglia e 20 elefanti di guerra. Dopo l’arrivo di Pirro in Italia, i romani mobilitarono otto legioni con ausiliari, per un totale di circa 80 000 soldati e divisi in quattro eserciti. Valerius Levinus marcio’ su Taranto, con un esercito di 30.000 legionari. Pyrrhus si trasferì da Taranto per incontrare i suoi alleati, ma si scontrò con l’esercito romano ad Heraclea. La battaglia di Heraclea fu vinta da Pirro, ma le vittime furono molto alte. Al suo arrivo in Italia, Pirro pensava che l’esercito romano sarebbe stato facilmente sconfitto dalla falange macedoni ma le legioni romane si rivelarono più forti del previsto. Inoltre, Roma era riuscita a sollevare un gran numero di legioni, mentre Pirro era lontano da casa e aveva solo una manciata di veterani. Pirro si trasferì verso Roma con l’intento di riunire i popoli governati dai Romani e conquistare la città, ma non ebbe successo e fu costretto a tornare in Puglia.

Nel 279 a.C. Pirro sconfisse un altro esercito romano nella battaglia di Asculum (Ascoli Satriano, Foggia), di nuovo con molte vittime. Pirro si ritrovò con pochi ufficiali e amici, un esercito decimato e alleati inaffidabili. I Romani, d’altra parte, sostituirono rapidamente le loro perdite con uomini freschi determinati a vincere. Nello stesso tempo, Pirro ricevette una proposta dalle colonie greche siciliane di Siracusa, Leontini e Agrigento, a guidarle in una guerra contro i Cartaginesi, lasciando l’Italia per la Sicilia, sospendendo la guerra contro Roma e lasciando una guarnigione a Taranto. I Tarantini richiamarono Pirro nel 276 a.C.. La guerra contro Roma era ricominciata stata rinnovata e Pirro fu sconfitto dai Romani nella battaglia di Benevento (275 a.C,) e  scelse di rinunciare alla sua campagna italiana.Dopo sei anni, Pirro tornò in Epiro, con soli 8.500 uomini lasciando una guarnigione a Taranto, sotto il comando del suo vice comandante Milone. I Romani conquistarono la città nel 272 a.C., anche per il tradimento di alcuni soldati greci che demolirono le mura difensive della città. Trentamila degli abitanti greci furono venduti come schiavi e molte opere d’arte furono portate a Roma. Durante la Seconda Guerra Punica, i Romani presiedettero la città per paura che passasse ad Annibale. Due membri della fazione a favore di Cartagine permisero ad Annibale di entrare nella città nel 212 a.C.. La città sostenne la sua guerra contro Roma, e nel 209 a.C., il comandante di una forza Bruttiana tradì  aprendo ai Romani. Trentamila degli abitanti greci vennero venduti come schiavi ed i  tesori d’arte di Tarentum, tra cui la statua di Nikè (Vittoria) furono portati a Roma.

Repubblica romana e l’impero
Taranto, anche nell’antichità era famosa per il suo clima. In epoca antica i suoi poeti Apollodorus e Clinias, il suo pittore Zeuxis e il suo matematico Archytas erano rinomati in tutta la Magna Grecia. Nel 122 a.C. nacque una colonia romana accanto a Taranto, secondo la legge proposta da Gaius Sempronius Gracchus. La colonia venne nominata Neptunia, dal dio romano Nettuno, adorato dai Tarentini. La parte romana era separata dalla città greca e popolata dai coloni romani, ma fu più tardi unificata con il centro principale quando Taranto divenne un municipio, nel 89 a.C.. Nel 37 a.C. Marco Antonio, Ottaviano e Lepido firmarono il Trattato di Tarentum, estendendo il secondo triumvirato fino al 33 a.C.

F/W VER:503184

La città aveva una legge comunale, Lex municipii Tarenti, di cui una copia parziale, inscritta su lastre di bronzo, è stata scoperta nel 1894 da Luigi Viola ed è ora conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Durante la tarda Repubblica Romana e tutto l’Impero Romano, Taranto fu una città provinciale.

L’imperatore Traiano cercò inutilmente di contrastare la riduzione della popolazione assegnando ai veterani i terreni tarentini ma questa iniziativa non ebbe successo. La storia di Taranto seguì  la storia della penisola italica durante il tardo impero, subendo gli attacchi dei Visigoti e la seguente dominazione ostrogotica. La sua storia non si ferma qui e fino ai giorni nostri Taranto ha scritto pagine importanti non solo per il città ma per l’Italia.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 351 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Costanza ADDABBO Costanza ADDABBO
    07/10/2018    

    Millenaria, splendida e gloriosa la storia della mia città Taras- Tarentum – Taranto.

    • 07/10/2018    

      Una città millenaria e meravigliosa che merita di rinascere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share