If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La flotta perduta di Kublai Khan

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: XIII SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Giappone, Cina, Marco Polo


Gli archeologi di una missione italo-nipponica hanno scoperto il relitto di una nave che faceva parte di una grande flotta inviata dall’imperatore Kublai Khan per invadere il Giappone nel XIII secolo. Questa nave, dopo molte ricerche, è stata localizzata  al largo del Giappone meridionale.

Apparteneva ad una flotta composta da più di 4.000 navi di supporto ad una forza d’invasione di 140.000 uomini che era stata inviata dall’imperatore Kublai Khan per conquistare l’ultimo paese dell’Oriente non ancora stato il suo dominio, il Giappone.

Starboard_bow_3362984b

Sebbene non fossero mai state trovate tracce della grande flotta, storicamente erano stati tramandati due tentativi di conquista del Nippon, vanificati da tifoni devastanti, chiamati dai Giapponesi “kamikaze“, ovvero venti divini. Come ricorderete il  termine kamikaze fu utilizzato per definire negli ultimi  giorni della seconda guerra mondiale, i  piloti che svolsero missioni suicide contro gli Alleati nel Pacifico nell’estremo tentativo di fermare la flotta alleata.

Una missione nippo-italiana ha fatto la differenza
La scoperta delle navi è dovuta ad una equipe di archeologi italiani che con moderne tecniche ha ritrovato, nei fondali al largo della piccola isola di Takashima, i relitti delle due navi facente parte della flotta dell’imperatore Kublai Khan, nipote del condottiero mongolo Gengis Khan. L’area di ritrovamento si trova a sud del Giappone, nell’isola del Kyushu nei pressi della baia di Hakata, che era stata per ben due volte prescelta dai Mongoli come base  per l’invasione del paese nipponico  in quanto sede del “Korokan” (il palazzo Imperiale). La nave è stata localizzata in una baia vicino alla città di Matsuura, sulla costa occidentale dell’isola di Kyushu, e gli archeologi ritengono che quando naufragò stava cercando riparo dalla terribile tempesta.

Un imperatore illuminato
Kublai Khan apparteneva ad una famiglia di condottieri, conquistatori e sovrani mongoli. Suo fratello Hülegü conquistò infatti la Persia, fondando l’Ilkhanato, e anche suo cugino Kaidu, figlio del secondo Gran Khan Ögödei, fu un importante condottiero mongolo. 

kublai khanAnche se fu per tutta la sua vita un acerrimo oppositore dello stesso Kublai Khan. In Europa, Kublai Khan era noto sin dal Medioevo, in quanto Marco Polo ne aveva decantato le doti di saggio e tollerante amministratore  del grande impero. Marco Polo visitò il Catai nel 1270 e servì alla sua corte per oltre diciassette anni, divenendo consigliere e successivamente suo ambasciatore. Nel Milione si racconta che: « Quando gli due fratelli e Marco giunsero alla gran città ov’era il Gran Cane, andarono al mastro palagio, ov’egli era con molti baroni, e inginocchiaronsi dinanzi da lui, cioè al Gran Cane, e molto si umigliarono a lui. Egli li fece levare suso, e molto mostrò grande allegrezza, e domandò loro chi era quello giovane ch’era con loro. Disse messer Nicolò: “Egli è vostro uomo e mio figliuolo”. Disse il Gran Cane: “Egli sia il ben venuto, e molto mi piace“. » estratto dal Il Milione di Marco Polo, Vol. I, p. 6, Firenze, 1827

khubilai-khan-fleet

Khublai Khan tentò due volte di invadere il ricco Giappone  ma entrambe le volte i samurai resistettero con fermezza e un tempo inclemente distrusse le sue flotte. La prima invasione ebbe luogo nel 1274, quando una flotta di un migliaio di navi e una forza di 45 000 uomini furono inviate verso il nord verso l’isola di Kyūshū allo scopo di tentarne la conquista. Ma un  violento tifone distrusse gran parte delle navi e la flotta fu costretta a tornare indietro. Il tentativo della seconda invasione avvenne nel 1281, con una flotta di più di 1.170 grosse giunche da guerra, ciascuna lunga oltre 70 metri. Sebbene i giapponesi si fossero preparati contro possibili invasioni costruendo possenti opere di muratura protetto da guerrieri addestrati, i famosi samurai, come vedremo, la spedizione avrebbe comunque potuto avere successo se non fossero intervenuti due eventi che di fatto resero vani i piani di Kublai Khan.

Il ritrovamento della flotta perduta
La storia merita di essere approfondita. Nel 2006, le teorie che la grande flotta di Kublai fosse composta completamente di barche fluviali furono messe in discussione dagli studiosi. Questo avvenne quando gli archeologi giapponesi scoprirono le prove della costruzione da parte dei mongoli di navi con chiglie tonde, progettate quindi per la navigazione in mare aperto. Quindi le ragioni della sconfitta della grande flotta, che si tramandava partita nel 1281 dalla Cina e dalla Corea alla conquista del Giappone, dovevano essere altre.  Le leggende nipponiche narravano che un’immensa flotta nemica fu distrutta e consegnata alle profondità del mare dai kamikaze, ovvero dai «venti divini» mandati in soccorso dell’imperatore del Sol Levante. In effetti, di venti impetuosi si trattò. A seguito delle ultime ricerche è emerso che un tremendo tifone immobilizzò la grande flotta in un cul de sac alla merce dei samurai giapponesi.

yuan shi

Yuan Shi

Sebbene la spedizione fosse documentata in un testo cinese del XIV secolo, lo Yuan shi (Cronache degli Yuan), che descriveva una grande spedizione di 4400 imbarcazioni, con a bordo 150 mila uomini del Gran Khan mongolo Kublai, fino ad oggi non erano state ritrovate evidenze archeologiche. Il mistero è stato finalmente risolto grazie ad una missione congiunta italo-giapponese.

In passato, Mozai Torao, un ingegnere, pioniere dell’archeologia di ricerca, basandosi sulle antiche fonti scritte, aveva identificato l’area del naufragio nella baia di Imari, nei pressi di Takashima. Era noto che ogni estate in quella fascia di mare si verificavano forti tempeste,  tifoni tropicali  chiamati dai nativi “Corrente nera” per via dei terribili effetti che spazzano le infrastrutture sulla costa con venti superiori ai 250 chilometri all’ora. Mozai Torao, parlando con la gente del posto, in particolare con i pescatori, aveva raccolto molte informazioni e potuto osservare anche frammenti di vasellame, occasionalmente trovati nelle reti da pesca, che però non erano ricollegabili all’epoca storica della flotta.

Durante una sua campagna di ricerca, un pescatore gli mostrò qualche cosa di diverso: un sigillo bronzeo che su una faccia recava strane iscrizioni che risultarono essere state incise in lingua pagh’sha, l’idioma artificiale (in realtà una specie di esperanto) creato da Kublai Khan nel 1276 nel tentativo di unificare linguisticamente il suo sconfinato impero multietnico; sul retro si riportava la data di fabbricazione, 1279.

japan_06

Daniele Petrella – Hayashida Kenzo – Sebastiano Tusa

Era stata trovata la prova che, in  archeologia, viene definita “terminus ante quem”, ovvero una data prima della quale un fatto non poteva essere accaduto. I ricercatori erano al corrente che i Mongoli avevano tentato di invadere il Giappone due volte, nel 1274, e nel 1281.

La prima volta avvenne a seguito del rifiuto da parte dello Shogun a firmare un contratto di sottomissione. La proposta (del 1268) fu ripetuta diverse volte fino a quando, nel 1274,  Kublai decise di invadere la regione a nord del Kyushu con una potente flotta di 900 navi e 33.000 soldati. Ma la notte dell’invasione un violento uragano danneggiò gravemente la flotta e l’armata, ridotta di circa un terzo, si ritiró in Corea. A questo punto doveva riferirsi alla seconda spedizione di Kublai.

Dopo il ritrovamento del sigillo, le ricerche di Mozai Torao proseguirono con scarsi fondi e senza successo fino al 1986, quando la ricerca passò al giovane archeologo Hayashida Kenzo, fondatore in seguito dell’Asian Research Institute for Underwater Archaelogy (ARIUA). Nonostante il maggiore budget a disposizione, le ricerche restavano infruttuose fino al 2006 quando arrivò un archeologo italiano dell’Università Orientale di Napoli, Daniele Petrella, grande esperto di storia e archeologia giapponese, presidente dell’International Research Institute for Archaelogy and Ethnology (IRIAE).

«Ai giapponesi mancava l’esperienza metodologica sviluppata nel Mediterraneo» racconta l’archeologo. «Così nel 2006 chiesi a Hayashida di ospitarmi a mie spese. Proposi una metodologia nuova, studiando le correnti e i fondali, e quindi un diverso posizionamento delle griglie d’indagine». I risultati non tardarono ed oggi la missione dell’IRIAE, sostenuta dal ministero degli Esteri Italiano, rappresenta l’unica collaborazione archeologica di un istituto occidentale con il Giappone. L’uso di moderni sistemi Scan Side Sonar fece la differenza e portò alla grande scoperta. Ma ritorniamo alla ricostruzione dell’evento storico.

La seconda spedizione del gran Khan 
Nel XIII secolo, Kublai Khan, monarca colto e tollerante, era  a capo di un enorme impero che si estendeva dalla Persia alla coste settentrionali della Cina e per affermare il suo totale potere regionale gli restava solo la conquista del Giappone. I tentativi di ottenere una sottomissione erano falliti come la prima spedizione. La conquista del Giappone  per Kublai non era solo una aspirazione militare ma anche politica; di fatto una mossa per ricompattare il morale del suo immenso impero in un periodo di numerose crisi interne. Poiché il suo popolo era composto da cavalieri delle steppe e non di marinai, attaccare le isole del Sol Levante apparve da subito un impresa non facile da effettuare. Bisognava attraversare il mare per oltre 700 miglia nautiche e portare il suo esercito su un nuovo territorio;  la soluzione fu quella di ricorrere principalmente a barche commerciali sequestrate dai sudditi cinesi; si trattava per lo più di giunche fluviali che si rivelarono poco adatte ad effettuare un tragitto di ben 1400 chilometri in un mare aperto caratterizzato da bassi fondali e battuto spesso da venti violenti. Inizialmente la navigazione proseguì senza problemi fino in vista della città di Hakata (oggi Fukuoka), quartier generale del governo nel Sud del Giappone. Qui si sarebbero dovuti ricongiungere i due gruppi navali della flotta, partiti l’uno da Quanzhou, nella Cina meridionale, e l’altro da Happo, in Corea. Ma questo incontro non avvenne mai.

samurai boards khan fleeet

Mentre una parte della flotta proveniente dalla Corea veniva affrontata e respinta dai samurai, l’altra, partita dalla Cina, subì un rallentamento a seguito della morte di un ammiraglio. Le comunicazioni non funzionarono e, ignara della sconfitta del primo gruppo navale, si diresse verso Takashima dove fu investita da un terribile tifone in prossimità della piccola baia di Imari. Questa baia, di piccole dimensioni e con molti scogli affioranti, si rivelò insufficiente ad ospitare quel migliaio di navi mercantili che trasportavano forse quarantamila uomini stipati sui bastimenti. Non poteva essere fatta una scelta peggiore. Le imbarcazioni, con evidenti difficoltà di manovra,  entrarono in collisione sbattendo fra di loro e finirono sugli affilati scogli vulcanici.

samurai boarding jkhan fleet Non tutte le navi però colarono a picco. Quelle che si salvarono furono attaccate dai samurai. Si racconta che salirono a bordo come diavoli infuriati. I poveri marinai e soldati, ancora provati dal tifone, vennero decapitati, dai guerrieri nipponici, tra l’altro invogliati dalla promessa dello Shogun di ricevere tanta terra per quante teste avessero mozzate. Questo era narrato nei testi antichi ma, come avevamo anticipato, di questi vascelli non si era più trovata traccia, tanto da mettere in dubbio la veridicità dell’evento. Lo studio meticoloso e professionale degli archeologi ha portato all’incredibile scoperta resa possibile dall’impiego delle moderne tecniche di ricerca acustica.

kublai khan wrecks.
L’eccezionale  stato di conservazione dei relitti sotto il sedimento si è rivelato eccezionale:
«Le sabbie fangose, continuamente rimestate dalle correnti, hanno agito come una coperta, salvando il fasciame dalla corrosione. Un miracolo», dice Daniele Petrella. Uno dopo l’altro sono così emersi dal mare migliaia di reperti lignei, trasportati nel Museo Storico ed Etnografico di Takashima, dove sono ora conservati in grandi vasche di acqua di mare e settimanalmente trattati con un polimero per preservarli dai parassiti. Dal numero delle ancore ritrovate è stato possibile stimare la presenza di almeno 260 imbarcazioni. Tra i tanti reperti recuperati mortai, forni, vasellame, elmi, specchi, perfino un’armatura di cuoio con le giunture di rame, perfettamente conservata in uno scrigno sigillato con il mastice. Ma il ritrovamento più inatteso fu quello di micidiali bombe da lancio di terracotta riempite con polvere da sparo e schegge di ferro, un’arma che si credeva fosse stata creata in Occidente due secoli dopo.

Daniele-Petrella-insieme-agli-archeologi-giapponesi-300x200L’archeologo Kenzo Hayashida, a capo della spedizione italo-nipponica che ha scoperto i relitti della flotta della seconda invasione al largo della costa occidentale di Takashima, ritiene che Kublai Khan procedette con troppa fretta. Il Khan mongolo, per conquistare in breve tempo il Giappone, cercò di approntare la sua gigantesca flotta in un solo anno (a fronte  dei cinque richiesti); tra i tanti errori, costrinse i Cinesi a usare tutte le navi disponibili, comprese le imbarcazioni fluviali, del tutto inadatte ad affrontare l’attraversamento dell’alto mare. Di fatto, queste disastrose sconfitte distrussero in tutta l’Asia il mito dell’invincibilità dei mongoli.


In sintesi, questa scoperta svela un mistero di quasi otto secoli, nascosto tra le sabbie di quel mare lontano. Probabilmente non si troveranno tesori, in termini di oro e gioielli, ma la soddisfazione a seguito di queste scoperte non ha prezzo.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 617 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share