If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Speleo-subacquea e ricerca geologica … si ma con prudenza di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: Speleologia

 

Una delle attività subacquee più stimolanti, ma anche tra le più difficili e rischiose, è l’immersione in grotta. 

Il subacqueo si trova isolato dalla superficie e la sua unica via di uscita è di tornare sui suoi passi verso il punto d’entrata.  La visibilità si può azzerare improvvisamente, e passaggi stretti, assenza di luce naturale e possibilità di forti correnti improvvise contribuiscono all’aumento della pericolosità dell’ambiente. La dipendenza dall’attrezzatura e da una rigorosa gestione delle riserve di gas respiratorio è assoluta come assoluta è la necessità di mantenersi calmi e concentrati. Tentare immersioni in grotta senza una adeguata preparazione, esperienza e corretta attrezzatura è da suicidi.

cave 3

Non esistono grotte “facili” e chi non ha un specifica qualifica speleo-subacquea non dovrebbe mai entrare in grotta neanche se accompagnato da qualche “esperto”. L’ambiente ipogeo è anche molto delicato e chi ha il privilegio di poterlo visitare deve farlo con la massima attenzione limitando il più possibile l’impatto su questo complesso e fragile ecosistema.

cave 6La maggioranza delle grotte si formano  a seguito della dissoluzione chimica della roccia calcarea da parte dell’acqua che, in periodi di tempo in generale dell’ordine delle migliaia di anni, rimuove progressivamente enormi volumi di materiale lasciando cavità di dimensioni variabili e talvolta esplorabili. In molti casi la grotta ospita una sorgente oppure ora si trova al di sotto del livello del mare e l’unico modo per entravi è immergersi. Le grotte costituiscono una sorta di “casseforti naturali” isolate dall’ambiente esterno custodendo tracce del passato del pianeta uniche e di considerevole valore scientifico. E’ per questo motivo che, nonostante la difficoltà dell’attività speleo-subacquea, le grotte sommerse sono di grande importanza per la ricerca scientifica in campo biologico, archeologico e geologico.

cave 2

I ricercatori impegnati nello studio delle grotte sommerse devono essere in grado di gestire elevati carichi di lavoro dovendo al medesimo tempo monitorare tutti i parametri di un’immersione complessa come quella speleo-subacquea e concentrarsi sul lavoro scientifico che stanno eseguendo senza perdere cognizione dell’ambiente circostante.

cave 1

Un’attenta pianificazione e’fondamentale come pure rispettare scrupolosamente il programma d’immersione ed aver ben chiare le procedure necessarie per attivare un piano di contingenza.

In ultimo, ma non meno importante, bisogna considerare oggettivamente i propri limiti evitando di spingersi in situazioni che non si e’in grado di controllare. Fare ricerca scientifica in grotta e’anche un lavoro di gruppo che richiede una varietà di competenze e grande fiducia reciproca nei componenti del team subacqueo che devono condividere obbiettivi e motivazioni ed essere in grado di agire in modo coordinato ed efficiente così da ottimizzare il necessariamente limitato tempo a disposizione. Quando una grotta intercetta la falda basale diviene una “finestra” di inestimabile valore per studiare direttamente l’acquifero profondo. In questi casi e’ possibile prelevare campioni d’acqua per successive analisi chimiche, installare strumenti per il monitoraggio del livello di falda ed acquisire fondamentali informazioni sull’idrogeologia della zona.

cave 4

Un esempio di tale studio è il “Pozzo del Merro”, una profonda cavità sub-verticale che si spinge per quasi 400 metri di profondità nell’acquifero basale dei Monti Cornicolani a est di Roma. Dallo studio dei parametri fisico-chimici delle sue acque e’ stato possibile delineare un quadro dettagliato dei complessi fenomeni di interazione tra la falda basale e la risalita di fluidi geotermici profondi che interessano la zona e che sono all’origine degli imponenti depositi di travertino di Tivoli usati fin da epoca Romana.  In questo caso lo studio si è avvalso sia di ricercatori subacquei che di sistemi robotizzati per la parte più profonda grazie alla sinergica collaborazione tra università ed il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che ha provveduto un imponente supporto logistico e messo a disposizione esperienza ed attrezzatura specifica. In un altro caso il comportamento particolare di una sorgente (Capo d’acqua di Amaseno,  Lazio), caratterizzata da improvvisi aumenti di portata, è stato spiegato solo grazie alla sua esplorazione speleo-subacquea che ha permesso ai ricercatori di scoprire un lago ipogeo le cui variazioni di livello innescano un “effetto sifone” con deflussi di elevato volume.

cave argentarola

grotta dell’Argentarola, Grosseto

Le grotte custodiscono anche importanti testimonianze delle variazioni climatiche del passato. La grotta sottomarina di Argentarola (Toscana) è passata attraverso una lunga serie di fasi di emersione ed allagamento legate alla variazione del livello del mare. Ricercatori subacquei ne hanno campionato alcune stalagmiti e, dallo studio delle quali, è stato possibile ricostruire con estremo dettaglio la sequenza temporale delle variazioni del livello marino. Questi studi non sono fini a stessi ma hanno importanti ricadute sulla capacità di prevedere come i cambiamenti climatici possano influenzare il futuro livello del mare ed il suo impatto sulle zone costiere. Questi sono solo alcuni esempi che illustrano le potenzialità dell’immersione speleo-subacquea come strumento scientifico. La diffusione di nuove tecnologie, come l’uso sempre più diffuso dei rebreather, sta progressivamente estendendo la capacità operativa in ambiente speleo-subacqueo aprendo  nuovi orizzonti di esplorazione e studio per le future generazioni di ricercatori.

Quale che sia la motivazione per immergersi in grotta, ricerca, esplorazione o puro desiderio di visitare un ambiente nuovo, è fondamentale avere un addestramento specifico ed adeguata esperienza in modo da affrontare il rischio associato con questa attività in modo consapevole e razionale.

 

caramannaDr. Giorgio Caramanna
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting

è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 309 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share