If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Marine Citizen Science per monitorare gli effetti di Fukushima … l’esempio canadese.

jay cullen

Dr. Jay Cullen

 Recentemente, tracce di cesio 134, la cosiddetta “impronta digitale di Fukushima,” sono state rilevate per la prima volta dai ricercatori del Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) sulle coste degli Stati Uniti. WHOI sta portando avanti un progetto di campionamento di scienza marina finanziato da privati attraverso il crow-funding al fine di tenere sotto controllo gli effetti della radioattività che avanza nel Oceano Pacifico minacciando la costa occidentale degli Stati Uniti provenendo  dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi nel Giappone orientale.

I campioni di acqua di mare sono stati prelevati lungo le rive del Tillamook Bay e Gold Beach, da gennaio 2016, e testati periodicamente nel corso dell’anno passato. Particolarmente impegnata in questa ricerca è l’Università di Vittoria dove il dottor Jay Cullen, studioso di Oceanografia Chimica, sta creando una rete di monitoraggio della radioattività marina che impegnerà scienziati canadesi e statunitensi  ma non solo.  Si sono unite in questa progetto organizzazioni non governative e volontari, che seguono le regole della Citizen Science, lungo la costa della British Columbia. L’Integrated Fukushima Ocean Radionuclids Monitoring  Network è stato finanziato con 630,000 dollari nel corso degli ultimi tre anni da parte del MEOPAR che si occupa di osservazioni osservazioni ambientali marine.

Seal

gli effetti delle ferite da radiazione stanno comparendo anche su animali maggiori come le foche e le otarie

Dallo tsunami del 2011 e il seguente disastro nucleare di Fukushima-Daiichi in Giappone, c’è stata una diffusa preoccupazione lungo la costa del Nord America occidentale circa il pericolo potenziale rappresentato dall’aumento del livello di radioattività che attraversa l’Oceano Pacifico.
C’è grande richiesta del pubblico per informazioni circa l’impatto del disastro di Fukushima sull’ecosistema marino e sulla salute dei colombiani britannici“, dice Cullen. “Il nostro obiettivo è quello di fornire al pubblico le migliori informazioni possibili sui rischi per l’ambiente e la loro salute.”
Partner in questa ricerca della rete sono il Woods Hole Oceanographic Institution del Massachusetts; Health Canada; l’Università di Ottawa; la University of British Columbia; e Pesca e degli Oceani Canada (DFO).
jay cullen oceanoI modelli noti della circolazione oceanica non sono d’accordo sui tempi e le concentrazioni di elementi radioattivi attesi lungo le coste della British Columbia. Gli effetti radioattivi sulle acque del mare arrivarono lungo le coste canadesi nel giugno 2013 ma i livelli rilevati finora non rappresentano un rischio per la salute. “Nei prossimi anni, con l’arrivo di  più alte concentrazioni radiazioni, abbiamo bisogno di conoscere le concentrazioni  e che tipo di rischi comportano“, afferma Cullen. Il MIT (Massachusetts Institute of Technology) ha valutato che acqua di mare con il massimo della radioattività potrebbe iniziare colpire la costa occidentale del Pacifico (le coste Nord americane) entro 5 anni.

La rete coinvolgerà le ONG come il Clayoquot Biosfera Trust, Georgia Stretto Alliance, la Raincoast Education Society, il Living Oceans Society e la David Suzuki Foundation, che contribuiranno alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, al corretto trasferimento di informazioni e la formazione di “cittadini scienziati”.
Il piano è quello di istituire 10 a 15 siti di comunità lungo la costa della British Columbia lungo la quale i cittadini scienziati raccoglieranno su base volontaria campioni di acqua e frutti di mare su base mensile per l’analisi dei livelli di radioattività. Quei campioni integreranno le misure già in corso in mare aperto da DFO e una rete di marine citizen science già attiva, coordinata dal Woods Hole, che si estende dallo Stretto di Bering a San Diego. “Il coinvolgimento degli utenti finali è un pilastro fondamentale di questa rete“, dice Cullen. “Impegnandosi direttamente con il pubblico, stiamo invitando coloro che hanno interesse per la valutazione del rischio per l’ambiente marino di essere coinvolti.
I risultati saranno diffusi on-line e attraverso incontri nelle comunità costiere. Sono previsti siti web di informazione, ed risultati saranno pubblicati anche sul sito web www.ourradioactiveocean.org, gestito da Woods Hole.

meopar

MEOPAR è composto da un team di ricercatori canadesi nel campo delle scienze naturali e sociali che stanno cercando di comprendere meglio e prevedere l’impatto dei rischi marini sulle attività umane e gli ecosistemi. E’ gestito dalla Dalhousie University in Nuova Scozia e finanziato dalle reti federali del Centro di eccellenza del programma.
Per ulteriori informazioni su questa rete, visitate www.FukushimaInform.ca e su Facebook, potete seguire @FukushimainFORM oppure contattare Jay Cullen a jcullen@uvic.ca.

Contatti per la stampa:
Dr. Jay Cullen (Facoltà di Scienze della Terra e dell’Oceano) al 250-472-4353 o jcullen@uvic.ca
Suzanne Ahearne (Università Communications + Marketing) presso 250-721-6139 o sahearne@uvic.ca

 

print
(Visited 63 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share