If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le ragioni dell’instabilità e la maritime security nel terzo millennio di Andrea Mucedola

livello elementare
.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: Geopolitica, instabilità

 

Quali sono le cause di instabilità a livello internazionale? Perché il mare è elemento cardine della risoluzione delle crisi? Che cosa ci riserverà il futuro? Questo articolo vuole sintetizzare un mondo in continua trasformazione il cui futuro si giocherà ancora negli oceani.

il team ispettivo del  HMAS Toowoomba conduce un controllo  su un Boum Jelbut Dhow, durante l’operazione Manitou, nell’ambito della  campagna di sorveglianza marittima internazionale  contro il terrorismo, il contrabbando e la contraffazione in Medio Oriente, un’area di oltre due milioni di miglia quadrate, comprendente il Mar Rosso, il Golfo di Aden, il Golfo Persico, l’Arabia Saudita Mare, Oceano Indiano e il Golfo dell’Oman.

Dalla fine della guerra fredda l’impiego delle forze aeronavali per il controllo degli oceani non è diminuito. Se vogliamo la natura asimmetrica delle guerre moderne ha aggiunto una dimensione ai conflitti tradizionali che necessitano quindi di assetti diversi, dedicati, e distaccati per lunghi periodi in aree dove il supporto logistico non è sempre assicurato. Le operazioni di sicurezza marittima sono però attività estremamente costose e le moderne marine militari stanno cercando di soddisfare, anche se con gran fatica, il numero crescente di richieste politiche, ottimizzando sia l’impiego delle unità aeronavali che la cooperazione. Un compito non facile perché la coperta, alla fin fine, è sempre corta.

Ma come è cambiato l’impiego delle forze aeronavali nel III millennio? Dove un tempo regnavano le corazzate, strumenti statici di affermazione politica, oggi troviamo navi multi-ruolo, dotate di grandi capacità di comando e controllo, che gestiscono operazioni di polizia per preservare la sicurezza e la stabilità delle rotte marittime. Un compito non facile in quanto “fare molto con poco” è un’equazione complessa se non senza soluzioni, resa ancora più impervia dalle incertezze politiche che caratterizzano questo nuovo millennio.

Quale futuro?
Per prevedere cosa ci riserverà il prossimo futuro ci vorrebbe davvero una sfera di cristallo. Gli studiosi di geopolitica aggiornano continuamente le loro previsioni che sono basate sulle trasformazioni continue degli scenari mondiali; in realtà, al di là delle interpretazioni sulle “nuove” politiche delle superpotenze e sui ruoli dei Paesi emergenti, i fattori che entrano sempre più in gioco sono ben altri. Di fatto, tutti si rendono conto che la dinamicità del mondo in cui viviamo, combattuta tra globalismo e neo sovranità nazionali, apre delle riflessioni che vanno oltre gli aspetti puramente politici ma includono, in un gigantesco contenitore, elementi legati alla sopravvivenza della nostra specie. La situazione internazionale potrebbe quindi sfuggire di mano con conseguenze imprevedibili nel campo marittimo.

Allo stato attuale ogni ipotesi ha le sue valenze e possiamo solo cercare di stimare le tendenze politiche ed economiche che potrebbero influenzare solo in parte il futuro. In realtà, leggendo i lavori di molti gruppi di pensiero (come il saggio Multiple Future, prodotto dallo staff dell’Allied Command Transformation), ci accorgiamo che fattori considerati un tempo minimali assumeranno un peso sempre  maggiore e potrebbero soppiantare qualsiasi dottrina di affermazione politica basata sulla deterrenza.

Una strada senza ritorno o qualcosa di già visto?
In realtà non c’è niente di nuovo e ogni giorno stiamo rileggendo pagine di un vecchio libro abbandonato in cantina ma sempre valido. Tutto è già accaduto negli ultimi ventimila anni e purtroppo accadrà ancora. L’instabilità regna da sempre sul pianeta solo che sfoga in tutta la sua pericolosità quando emerge una mancanza di visione politica. Questo può provocare il collasso dei Paesi dominanti (l’impero Romano) o una serie infinita, uno stillicidio, di piccoli conflitti che provocano emergenze sociali sempre più devastanti.

instabilita' sociali

Mappa dell’instabilità sociale attuale e delle tensioni interne di ogni singola nazione. La situazione andrà a peggiorare a causa della lotta per le risorse e per i cambiamenti climatici che genereranno aree invivibili a meno di interventi globali di sostegno  … Fonte articolo 

Instabilità politica e sociale
L’instabilità dipende da molti fattori che richiederebbero ognuno un’analisi approfondita. In estrema sintesi potremmo dire che essa deriva dall’effettiva incapacità di fornire alle persone ciò di cui hanno bisogno. Dall’era industriale, le Nazioni hanno cercato di colmare il calice amaro della povertà delle classi meno agiate con il progresso tecnologico. Apparentemente, nei paesi più sviluppati, viviamo meglio di come vivevano i nostri antenati, un centinaio di anni fa. Siamo in grado di comunicare e di  muoverci con facilità ed abbiamo strutture sanitarie che consentono di diagnosticare malattie e trattare disagi sociali un tempo senza speranza. Lo sviluppo delle scienze ci prospetta una vita migliore attraverso lo sviluppo di strumenti sempre più efficienti. Tuttavia, il progresso non è gratuito e richiede sempre più materie prime il cui flusso deve essere assicurato da un ambiente geopolitico ed economico assicurato, in termini di sicurezza globale. Una maggiore richiesta comporta la necessità di approvvigionare beni e trasferirli da zone diverse verso i siti di produzione. La maggior parte di questi beni primari sono però situati in zone dove il social divider è molto forte e dove esistono differenze sociali importanti.

Le popolazioni di quelle regioni combattono giorno per giorno con gravi conflitti interni, fame, malattie endemiche, disorganizzazione sociale sistemica e amministrazioni corrotte. Il fenomeno migratorio attuale è la logica conseguenza dell’insieme di queste drammatiche problematiche. Il fenomeno, da tempo messo in agenda dalle Nazioni Unite con il nome di “Environmental Peacekeeping” prevede una forza d’intervento sotto il controllo del Consiglio di Sicurezza, in grado di operare in situazioni di “conflitto ambientale”. A causa dei cambiamento climatici ci sarà un’esacerbazione delle situazioni di crisi e, probabilmente, più del 40% delle guerre saranno collegate alle risorse naturali essenziali come l’acqua, le risorse ittiche e la terra da coltivare. 

La globalizzazione ha esacerbato queste situazioni, aumentando la forbice sociale e vendendo, tramite i mass media, facili illusioni di benessere che portano quei disperati a migrare verso zone ritenute (erroneamente) più idonee per la loro sopravvivenza.

La storia ci insegna che questo fenomeno, sebbene comprensibile, sia foriero di seri problemi sociali. Gli Umani, da circa 70000 anni si sono sempre spostati verso aree più floride, invadendo altri popoli per acquisire maggiori risorse e ricchezze. Questi “spostamenti” furono evitati dai grandi imperi con rigide politiche di controllo delle frontiere che, quando vennero a meno, provocarono la caduta degli stessi.  Le interazioni forzate, vere e proprie invasioni, causarono guerre sanguinose, spesso giustificate con motivi religiosi, che furono risolte solo con la vittoria di una parte sull’altra. Oggigiorno, per facile ipocrisia,  spesso usiamo il termine “situazione di crisi” per non utilizzare la parola guerra, sinonimo di un fallimento delle politiche estere. Non importa che siano conflitti conclamati o di guerra fredda, gli effetti sulla stabilità sociale sono però  gli stessi. 

Un altro grande problema è la comprensione tra i popoli, un traguardo auspicabile ma molto difficile da raggiungere. Nonostante secoli di dissertazioni filosofiche abbiano permesso alla nostra società di diventare ciò che siamo, altri Paesi del mondo hanno avuto uno sviluppo sociale diverso, non sempre paragonabile con il nostro (nel male e nel bene). Queste ovvie differenze tra differenti civiltà sono spesso alla base dell’intolleranza che causa forti reazioni sociali, dall’estremismo al fondamentalismo.

Nei secoli, nel mondo occidentale siamo sanguinosamente passati attraverso lotte di religione e guerre sanguinose che spesso hanno coinvolto tutto il mondo conosciuto ma le lezioni apprese non sembrano essere state comprese. Esistono tuttora situazioni non risolte che ci affliggono, favorendo sentimenti xenofobi irrazionali che derivano principalmente dall’ignoranza delle masse. Esse sono state nel tempo diseducate, svuotandole della loro cultura e riempiendo il vuoto della loro ormai limitata capacità analitica con programmi demenziali e talk show. Un fenomeno comune che si riscontra nei Paesi occidentalizzati è l’abbassamento culturale medio. Nonostante la maggiore disponibilità dei mezzi di comunicazione il livello medio di educazione è preoccupante. Un terreno fertile per fake news, utili strumenti per la  manipolazione della verità oggettiva.

instabilita' 3Una domanda che spesso sorge spontanea è se ci siamo veramente evoluti in questi ultimi duemila anni?
Ascoltando le notizie di tutti i giorni ci si rende conto che in realtà non siamo ancora usciti dalla foresta. Le notizie mostrano una società occidentale indebolita, in continuo affanno,  che sta perdendo la propria identità e le proprie radici. Ma la cosa ancor più grave è che questa opinione è condivisa dalle altre civiltà.

La tanto solennizzata globalizzazione, universalmente benedetta come strumento di comune benessere, alla fine ha rivelato un suo lato oscuro distruggendo rapporti sociali, di fatto creando spesso le basi di maggiore instabilità.

Il ceto medio è stato cancellato e le identità nazionali sono state indebolite sotto l’illusione di un “comune” benessere economico. Di fatto la globalizzazione ha comportato un pericoloso indebolimento delle sovranità nazionali giustificandolo come un avvicinamento (o forse dovrei dire un appiattimento) tra i popoli. 

Può esistere una pan-cultura o dobbiamo guardare al futuro come un insieme di differenti culture unite solo dall’interesse comune?
Le esperienze del XX secolo ci hanno fatto comprendere che la ricerca di un livellamento sociale, economico e culturale mondiale, chiamato globalizzazione, è fallimentare. Nel III millennio non possiamo pensare di cambiare il modo di pensare degli altri. La trasformazione sociale è un processo lento che dovrebbe essere digerito attraverso secoli di discussioni interne. Il nostro “arrogante” pensiero di essere in grado di cambiare il modo di vivere con la tecnologia è puramente un utopia e sta iniettando il seme della ribellione nelle generazioni più giovani che spesso sembrano aver perso il senso della realtà, incantati dai nuovi mezzi disponibili. Sempre più spesso la percezione del mondo si allontana dalla realtà. Ad esempio, è emerso che l’Italia si colloca al decimo posto nel modo per “ignoranza”. Siamo ‘ignoranti’, voce del verbo ignorare, in quanto spesso ignoriamo dati e fatti fondamentali su temi importanti che dovrebbero pilotare le nostre scelte. Ma siamo in buona compagnia; in molti paesi occidentali la “cultura” è patrimonio di pochi. Per cui stiamo diventando tutti diversamente in-colti.

huntingtonIn una situazione come questa non c’è da meravigliarci se altre culture siano viste come un pericolo, portando ad un inevitabile scontro di civiltà come scrisse Samuel P. Huntington nel “The Clash of civilizations and the remaking of World Order“. Questa visione può sembrare molto riduttiva e pericolosa in quanto vede i Paesi occidentali (Europa occidentale, Stati Uniti e Canada) e apparentemente simili fra loro, contrapporsi ad altre civiltà. L’utopia di una civiltà universale, basata sul rispetto della democrazia e dei diritti umani, si scontra con una realtà che vede altre civiltà crescere sia dal punto di vista demografico che tecnologico, di fatto senza sentire nessun desiderio di allinearsi con la nostra.

Uno scontro inevitabile?
Storicamente le civiltà socialmente più forti hanno sempre avuto la meglio su quelle più deboli. A mio avviso, l’errore è quello di non difendere, entro i nostri limiti di estensione, la nostra identità ed i nostri valori. Dobbiamo accettare il concetto che i modelli degli uni non potranno essere universalmente condivisi. Accettare le altre culture come arricchimento culturale ma senza rinunciare alla nostra. La rinuncia della nostra identità millenaria è un indebolimento morale e sociale che, in caso di scontro, non potrà essere supportato da nessuna tecnologia.

Rapporto differenze culturali ed instabilità sociale
La relazione tra differenze culturali ed instabilità è quindi intimamente legata. Gli esseri umani si definiscono animali “intelligenti” che hanno sviluppato comportamenti sociali in base alla necessità di mantenere la nostra specie. Fondamentalmente noi avremmo bisogno solo di cibo per nutrirci e riprodurci. A causa della nostra capacità di elaborare abbiamo reso la nostra vita animale decisamente più gradevole e fantasiosa, siamo stati in grado di sviluppare dei modelli sociali e società sempre più complesse sulla base di relazioni e scambi interpersonali.

scontro guerrieri

L’istinto iniziale di sopravvivenza del gruppo ci ha portato alla competizione da cui la necessità di rapportarci agli altri e, in alcuni casi, di combatterci. Quando l’intelligenza ha avuto la meglio sull’istinto, si è arrivati agli scambi reciprochi ed al commercio fino a quando gli interessi sono andati oltre … il lecito.

Non ho intenzione di descrivere processi che tutti voi conoscete molto bene, ma quello che sto sottolineando è che ciò che avviene ogni giorno non è che la logica conseguenza dell’evoluzione della nostra specie.

Il problema è che la domanda di un futuro sempre migliore per tutti si scontra con le diverse realtà. Gli esseri umani stanno crescendo in numero e, a causa dell’allungamento della vita, ci aspettiamo di avere una popolazione composta al 50% da adulti prima del 2050. Un numero numero di persone che richiederanno sempre più cibo e beni per sopravvivere. La lotta per le risorse sarà sempre più aspra, poco importa se mascherata da dissidi sociali o religiosi, la causa sarà la stessa, il predominio sulle risorse, e si combatterà ancora una volta sul mare.

Raffigurazione-della-Battaglia-di-Ramses-III-contro-i-Popoli-del-Mare-sulle-pareti-del-tempio-di-Medinet-Habu-1-1030x510

Raffigurazione della battaglia di Ramses III contro i Popoli del Mare. Gli Egizi riuscirono a sconfiggerli e fermare la loro minaccia nel Delta del Nilo ma numerose città dell’Anatolia e del Levante vennero distrutte e fu la fine dell’impero Ittita e l’arretramento dell’Egitto dalle coste orientali del Mediterraneo. Questo sconvolgimento nella storia del Mediterraneo segna il passaggio tra l’Età del Bronzo e l’Età del Ferro, l’inizio del nuovo millennio prima di Cristo,. In seguito, i pirati greci, fenici ed etruschi divennero i protagonisti più importanti della storia del Mediterraneo, fino all’arrivo di Roma.

Premesso quanto sopra, riassumiamo i fattori che influenzano la stabilità mondiale:

Mancanza di un sistema comune di ricchezza e sanità
La ricchezza comune è un’utopia a causa del concetto stesso semantico di ricchezza. Ciò che è un livello di ricchezza per un Europeo è diverso per un Americano, figurarsi per un Africano o un Orientale. La differenza cresce quando siamo di fronte a popolazioni di altri continenti in cui le diversità ed i rapporti sociali sono ancora più evidenti.  Tali diversità sono ancora maggiori nel campo della sanità. I sistemi sanitari sono molto diversi e nei Paesi più poveri esistono ancora persone che muoiono per una normale influenza. Il costo dei farmaci è troppo alto per la maggior parte dei paesi africani ed il livello di mortalità infantile è inaccettabile. L’attuale pandemia di COVID 19 sta portando alla luce come anche nei Paesi occidentali esistano differenze notevoli sulla gestione della sanità.

Tecnologia e comunicazione
Il recente pensiero occidentale vede la tecnologia come panacea futura di tutti i problemi. La tecnologia può fornire un effetto catalizzante più veloce ed economico nel campo dell’istruzione ed è in grado di permettere una vita migliore e sviluppando la qualità dei servizi e riducendo i costi sociali. Tuttavia, richiede materiali che sono sempre più scarsi e crea la necessità di approvvigionarsi in zone dove questi sono ancora disponibili. La maggior parte di questi paesi sono socialmente instabili, dove esistono differenze sociali abissali tra una élite che garantisce i rapporti tra i Paesi più evoluti e la maggior parte del cosiddetto terzo mondo. Potremmo forzatamente parlare di una neo colonizzazione da parte dei paesi del mondo più sviluppati ma molti se ne risentirebbero. Di fatto ciò avviene, basti pensare alla cinesizzazione dell’Africa che di fatto sta mutando gli equilibri politici attuali.

globalizzazione

comunicazioni in un mondo globale

Globalizzazione
Nata come un sistema globale di benessere basato sull’allargamento delle relazioni economiche, di fatto ha mostrato un lato oscuro.  La globalizzazione ha portato la televisione satellitare in villaggi la cui economia si basava da millenni sull’agricoltura e la pastorizia, ha contribuito a creare falsi miti che sono stati rapidamente acquisiti dai giovani tramite i mass media. Questo ha causato dissidi interni tra le generazioni e lo sviluppo di sentimenti ostili verso i Paesi occidentali visti come schiavi del male, corruttori di valori secolari e sfruttatori delle riserve locali, sfociati nel terrorismo o nella  pirateria. La globalizzazione non solo ha arricchito le fasce alte del mondo, rendendo le altre sempre più povere ma ha contribuito a creare nuove instabilità locali, generando la migrazione di grandi masse di disperati verso lidi ritenuti migliori e seminando radici di odio contro il nostro modo di vivere.

Risorse naturali
Quello delle risorse naturali è un fattore di instabilità molto sensibile e spesso frainteso. Quando parlo di risorse naturali non mi riferisco solo al petrolio. La maggior parte delle persone è ossessionata perché dipendiamo dai combustibili fossili per le esigenze di base come il riscaldamento, la produzione di materiali plastici, il trasporto delle merci prime industriali. In realtà di petrolio ne esiste ancora moltissimo, potremmo dire che ci sono ancora risorse per secoli.  E’ più probabile che sia invece l’acqua ad esaurirsi prima dell’oro nero.

mappa-mondo-totale-risorse-idriche-rinnovabili-per-paese

mappa mondo totale risorse idriche rinnovabili per paese

Riuscite a immaginare un mondo senza acqua? La mancanza di acqua significherebbe nessun cibo, nessuna pulizia, nessuna trasformazione industriale, la fine di tutto. Per assurdo la maggior parte delle condutture idriche europee sono obsolete e stiamo perdendo miliardi di tonnellate di acqua ogni giorno. Inoltre, l’inquinamento antropico sta minando le falde acquifere e la più grande riserva del pianeta, il mare.

Cambiamenti climatici
Il cambiamento climatico causa effetti visibili in tutto il pianeta.  Nel 2016  la temperatura dell’acqua del mar Mediterraneo è stata superiore di 4 gradi rispetto alla media.  E’ un dato di fatto che il clima stia cambiando molto velocemente in tutto il pianeta. Quale è la causa? La risposta più facile è l’enorme e crescente rilascio di CO2 in atmosfera post industrializzazione. In realtà ci sono una serie di fattori concomitanti che dobbiamo ancora comprendere pienamente. Ad esempio, dalle analisi dei carotaggi profondi dei ghiacciai si è scoperto che l’aumento delle temperature non è sempre stato legato all’azione antropica. Certo dall’era industriale l’Uomo ha contribuito al suo aumento ma gli scienziati sanno che nelle Ere passate, quando la specie umana non esisteva ancora, avvennero variazioni altrettanto significative, se non maggiori, dei livelli di CO2 in atmosfera e che, in certi casi, portarono ad estinzioni di massa. 

CO2 livelli nelle ere

Ad esempio, i livelli di CO2 furono maggiori quando il primo animale uscì dal mare e strisciando raggiunse la terra ferma. Premesso questo, la domanda che ci dovremmo porre è come affrontare efficacemente i cambiamenti climatici. Una domanda attualmente senza una soluzione unica. Se poco possiamo fare per mitigare il loro effetto, possiamo però agire sulla salvaguardia dell’ambiente con un approccio coerente, sostenibile e consapevole.

FILE - This file 2008 photo provided by NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center shows debris in Hanauma Bay, Hawaii. A new study estimates nearly 270,000 tons of plastic is floating in the world's oceans. That's enough to fill more than 38,500 garbage trucks if each truck carries 7 tons of plastic. The figure appears in a study published, Wednesday, Dec. 10, 2014, in the scientific journal PLOS ONE. Researchers say the plastic is broken up into more than 5 trillion pieces. (AP Photo/NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center, File)

La foto del NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center mostra rifiuti galleggianti nella baia di Hanauma Bay, Hawaii. Si ritiene che circa 270,000 tons di plastiche stanno galleggiando negli  oceani del mondo.  La foto  è stata pubblicata il  10 12 2014, sulla rivista scientifica PLOS ONE.  (AP Photo/NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center)

Tutti questi fattori troveranno un teatro di scontro negli oceani, storicamente vie di sviluppo e diffusione per il benessere del pianeta. Da qui la necessità di preservare il mare per evitare che diventi lui stesso un fattore di instabilità, subendo un attacco continuo e avventato da parte dell’Uomo. Va compreso che se il mare morirà, soffocato dalle plastiche e dagli effetti degli inquinanti, si trasformerà presto in una enorme pozza maleodorante e non assolverà più ad una sua fondamentale funzione, il controllo del clima del pianeta. Se sfruttato eccessivamente, in maniera non sostenibile, le popolazioni costiere non troveranno più sostentamento, come è avvenuto in Somalia generando la recrudescenza della pirateria. Ciò comporterà enormi migrazioni di massa che nessun muro potrà mai fermare, si svilupperanno fenomeni criminali antichi e mai completamente sopiti  come la pirateria che mineranno le economie marittime degli Stati. Le nazioni si combatteranno nuovamente per il controllo delle rotte a discapito della libertà del mare e sarà l’inizio della fine della nostra specie.

Che cosa possiamo fare?
Abbiamo descritto le cause dell’instabilità, che portano a guerre e conflitti. Le soluzioni sono molteplici che richiederebbero da parte di tutti una visione globale di come risolverle. ma questo sappiamo che, per ragioni di interessi diversi, non è purtroppo possibile. Vediamo solo brevemente alcune azioni che coinvolgono la sicurezza marittima. Sarà necessario ridurre le immissioni in mare di inquinanti (dalle plastiche ai prodotti di scarto delle lavorazioni) per evitare fenomeni di alterazione chimico fisica degli oceani. Nel contempo regolare le attività di pesca combattendo l’overfishing e le manifestazioni criminali in mare. Compiti semplici da citare ma complessi da attuare viste le dimensioni degli oceani e la disponibilità di mezzi di controllo. In estrema sintesi dovremo mantenere, nel rispetto del diritto internazionale, la sicurezza delle rotte. E quest’ultimo aspetto, nel III millennio, potrà essere ottenuto solo mantenendo delle forze aeronavali credibili e cooperanti fra di loro. Ma di questo parleremo più approfonditamente in un altro articolo.

Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 276 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share