If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il governo degli Oceani sotto Trump di Andrea Mucedola

 

trump

La vittoria elettorale di Donald Trump ha scombussolato l’America radical chic che dava per scontato una conferma dei Democratici. Primi a restare sconvolti di questa vittoria sono stati gli ambientalisti che, dopo una lunga serie di battaglie e di vittorie ottenute a duro prezzo per la salvaguardia del clima, avevano incominciato a raccogliere i primi risultati. Qualcuno ha parlato di una vittoria di Pirro, pagata a duro prezzo dai Democratici, in realtà mai digerita nell’establishment americano. Il presidente Obama aveva lanciato nel 2010 una più stretta cooperazione tra le agenzie federali ed un migliore coordinamento negli spazi oceanici: facile a dirsi ma molto complicato a realizzarsi essendo presenti innumerevoli problemi pratici, mai affrontati con la dovuta profondità. Forse il più sensibile il riconoscimento internazionale delle fasce di mare previste da UNCLOS. Trump in campagna elettorale aveva parlato chiaro, attaccando la ratifica in corso della legge della Convenzione dei mari (UNCLOS), il trattato delle Nazioni Unite con la quale la maggior parte delle nazioni del mondo sono d’accordo sulle questioni relative alla navigazione, l’esplorazione scientifica e rivendicazioni territoriali sopra e sotto l’oceano. Hillary Clinton si era impegnata a portare a termine questa tela di Penelope, ma Trump aveva da subito giudicato affrettato l’approccio di Obama e dei suoi successori, ritenuti dannosi per gli interessi americani e aveva giocato la sua carta sui bisogni primari della classe media americana, messa a perdere da una governance democratica poco credibile e consistente.

FILE - This file 2008 photo provided by NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center shows debris in Hanauma Bay, Hawaii. A new study estimates nearly 270,000 tons of plastic is floating in the world's oceans. That's enough to fill more than 38,500 garbage trucks if each truck carries 7 tons of plastic. The figure appears in a study published, Wednesday, Dec. 10, 2014, in the scientific journal PLOS ONE. Researchers say the plastic is broken up into more than 5 trillion pieces. (AP Photo/NOAA Pacific Islands Fisheries Science Center, File)

NOAA Pacific Islands – detriti in Hanauma Bay, Hawaii. Un nuovo studio ha stimato che  circa 270.000 tonnellate di plastica galleggiano negli oceani del mondo. Questo è sufficiente per riempire più di 38.500 camion della nettezza urbana (se ogni camion trasportasse 7 tonnellate di plastica). fonte PLoS One. 

Sull’ambiente, voglio ricordare l’addio di Trump al Piano Clean Power lanciato da Obama. L’EPA (Environment Protection Agency) era stata un terreno di scontri sanguinosi tra i Democratici, talvolta poco convincenti, e il pubblico americano che sebbene sostenesse il governo a prendere  misure per ridurre le emissioni di anidride carbonica (ritenute co-ree di causare il riscaldamento globale) non risultò poi cosi convinto di accettare delle restrizioni all’American Way of Life. D’altronde non tutti sanno che EPA non gestisce tutti i problemi ambientali delegando alcuni problemi alle autorità federali, tribali, statali o anche ad agenzie locali. Molti programmi ambientali sono stati delegati agli Stati che di fatto ne hanno ancora la responsabilità. Un garbuglio che spiega tanti insuccessi  e la corsa a mettere “pezze a colore” da parte dei Democratici sempre alla ricerca di responsabili.

melting ocean

Altro fattore interessante in campagna elettorale è stato il rigetto di Trump sul consenso scientifico sui cambiamenti climatici, sottolineando che si trattava di una “bufala” promossa dalla Cina. Trump inspiegabilmente rigetta l’evidenza di una decade di studi scientifici, rigenerando vecchie teorie sull’impiego delle risorse fossili (carbone e petrolio) ed aprendo allo sfruttamento on-shore ed al leasing in mare aperto. L’impressione è che il riorientamento delle politiche ambientali potrebbe essere foriero di più posti di lavoro per gli Americani, in questo momento forse più desiderosi di soddisfare dei legittimi desideri primari che la salvaguardia dell’ambiente. D’altronde gli aspetti fisici e chimici delle acque non sembrano turbare più di tanto il ceto medio la cui educazione generale, in molti Stati, fa acqua da molte parti. La querelle ambientale non è però finita: l’innalzamento delle temperature dei mari, l’acidificazione degli oceani e altri impatti dalla combustione di combustibili fossili, e la minaccia di nuovi disastri ambientali vedranno gli attivisti americani (Repubblicani e Democratici) mobilitarsi con una forte resistenza, specialmente da parte delle comunità costiere e delle imprese turistiche, a qualsiasi nuova perforazione in mare aperto per evitare versamenti e conseguenti danni ambientali ed economici sulla costa (turismo e pesca).

polllution

Nonostante alcuni uomini d’affari statunitensi siano in sintonia con i vantaggi economici di un oceano sano appare  difficile prevedere le azioni del futuro Segretario del Commercio, il miliardario Wilbur Ross, che dovrà affrontare in campo marittimo un insidioso campo minato. Da una parte un establishment scientifico consapevole delle emergenze ambientali troppo spesso sottovalutate per superficialità o per debolezza analitica dai predecessori, e dall’altra le nuove priorità economiche di Trump.  Curiosamente il nuovo lavoro di Ross, tra le tante incombenze, comprenderà anche la supervisione del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOOA). Difficile prevedere come potrà gestire la situazione. Speriamo che la politica commerciale di Ross non faccia fare alla già debole struttura industriale di piccolo-medio livello la fine della International Coal Group, che fu da lui creata fondendo molte compagnie minerarie del carbone. Il Gruppo finì in bancarotta e fu poi rivenduto per oltre 3 miliardi di dollari lasciando molte vittime. Fu una buona speculazione per lui e la lobby che rappresentava, molto meno per i lavoratori che avevano sperato in una ricrescita del settore.

In questo caleidoscopio d’oltreoceano, ci sono tuttavia diverse aree di azione che hanno una storia bi-partisan di sostegno, e che potrebbe vedere, secondo la stampa americana, qualche lieve progresso, almeno decisionale, anche sotto la Presidenza Trump. In campo marittimo,  un buon esempio è la lotta contro la pesca illegale pirata in alto mare (overfishing) che ha creato in molte aree de mondo situazioni di instabilità sociale a causa dell’impoverimento economico di aree di per se già molto depresse. Questa lotta è stata notevolmente rafforzata da un bi-partisan Enforcement Act sulla pesca approvato dal Congresso e trasformato in legge nel 2015 con il sostegno dei pescatori statunitensi. Similmente voglio ricordare la lotta alla pirateria che ha sempre visto un approccio comune in Senato. Ciò comporterà la riscrittura del concetto operativo da parte del generale James Matthis che dovrà rivedere l’attuale architettura della Difesa per adattarla meglio ai nuovi teatri orientali, ma di questo parlerò più ampiamente in un prossimo articolo.

the-surprising-change-the-us-navy-is-making-to-its-entire-fleet

Tornando in campo ambientale marino, un’altra importante collaborazione bi-partisan fattibile potrebbe essere la riduzione delle plastic beads, generate negli ocean vortexes, a causa dell’abbandono criminale delle materie plastiche in mare. Nel 2015 il Congresso decise rapidamente di vietare le “micro-pearl Free Water Act”, piccole sfere di plastica che vengono utilizzati come abrasivo in molti prodotti cosmetici e per la salute. Queste sostanze passano attraverso gli impianti di trattamento delle acque reflue diventando dei concentratori di sostanze chimiche nocive nella catena alimentare del mare. Molti Stati hanno emanato leggi protettive che potrebbero fornire un modello collaborativo per affrontare non solo il problema delle plastiche in mare ma anche altre sfide marine come l’inquinamento chimico causato dai residui derivanti dall’uso dei carburanti classici e delle loro emissioni in atmosfera. Ad esempio, ormai in tutto il mondo, sono in atto investimenti sostanziosi nella ricerca per lo sviluppo di biocarburanti.

algae-emergency-florida (1)

Trump dovrà affrontare anche il problema, spesso ingenuamente gestito dai Governatori locali, del ripristino delle acque interne come i laghi, i fiumi e le paludi costiere, affrontando seriamente le fioriture algali nocive tristemente emerse alla cronaca in Louisiana e in Florida per gran parte dell’anno. Queste fioriture, oltre a minacciare la fauna marina e la salute umana, minacciano anche anche l’industria turistica con perdite a a nove zero, allontanando di fatto i turisti da questi luoghi di villeggiatura. Che il business possa essere un veicolo di “comprensione” per attuare in futuro politiche maggiormente eco compatibili? Allo stato attuale possiamo solo dire che Trump sta mantenendo quanto promesso in campagna elettorale cavalcando la promessa di cambiare per far muovere l’economia del Paese e ridare dignità al ceto medio. Si spera per l’America, e per il resto del mondo, che tali cambiamenti siano sufficientemente valutati per evitare di creare nuove situazioni poco gestibili.

Andrea Mucedola

print

(Visited 65 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share