If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Lungo le sponde di un mare del Giurassico, il sentiero dei dinosauri di Tuba City di Andrea Mucedola

livello elementare 

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: 200 MILIONI DI ANNI FA
AREA: ARIZONA, USA
parole chiave: dinosauri, Tuba city

 

dinosaur-tracks-tuba-city

Chi lo avrebbe mai detto di trovare, nel bel mezzo del deserto dell’Arizona, un sentiero di dinosauri. Le tracce del loro passaggio furono lasciate molto tempo fa, nel periodo Giurassico ovvero circa 200 milioni di anni fa. All’epoca i deserti erano delle enormi paludi le cui rive erano abitate da una moltitudine di animali diversi.

Una scoperta casuale
Ero fermo ad una stazione di servizio, facendo rifornimento per recarmi al South Rim delle Montagne rocciose, quando fui colpito da un cartello abbastanza anonimo da non essere notato con facilità. Il cartello, di fatto un foglio di carta attaccato con delle puntine ad una vecchia tavola di legno, citava un sentiero lungo la strada, poche miglia fuori da Tuba City, Arizona. Sebbene riportato anche sul navigatore Garmin, il sito non è poi così facile da trovare, confondendosi con i diversi spiazzi lungo l’autostrada Route 160.  Se state guidando, in prossimità di Four Corners, vedrete un cartello che indica la direzione per il Dinosaur Tracks di Tuba City. Non aspettatevi qualcosa di altamente visibile, in realtà dovete cercare un piazzale con qualche pick up ed un paio di stand di fronte al … nulla.

DSC_0845rid

impronte di Eubrontes 

Il sito è gestito da indiani Navaho (la zona fa parte del Navaho state) che si offrono, dietro compenso volontario (ma sono gentili e vale la pena allungargli qualche dollaro), di accompagnarvi lungo il sentiero. Devo dire che senza il loro aiuto avrei perso molte delle tracce sul terreno, ma non solo. Il loro racconto è affascinante e colorito da qualche fantasia personale.

DSC_0860

la grande pianura, un tempo un mare con le sue sponde

Una scena di duecento milioni di anni fa
Immaginatevi questa scena. Una grande spiaggia che si affacciava su un  grande mare interno. Improvvisamente, una ventina di diversi dinosauri, forse di diverse specie e dimensioni ma tutti carnivori bipedi con tre dita, si incrociarono spasmodicamente sulla sponda di quel mare antico lasciando le tracce del loro passaggio disordinato in tutte le direzioni. Una scena di caccia o forse fuggivano da qualche evento naturale. Nel tempo le loro impronte furono ricoperte da uno strato di limo protettivo più fine della sabbia e restarono così protette per milioni di anni. L’erosione trasportò via il livello di siltite più fine, esponendo quindi lo strato di arenaria dura con le tracce originarie.

Nel 1940, un team guidato dal paleontologo Sam Welles del Museo di Paleontologia dell’University of California portò alla luce molte tracce e scavò un grande scheletro di un Dilophosaurus nelle vicinanze. Questi studi non sono stati apprezzati. I Navajo considerano ancora gli scavi di Welles una forma di vandalismo ed i fossili, poi portati al museo, dei beni rubati alla loro terra.

Il sentiero tra verità e fantasia
Durante la visita, la nostra guida indiana ci descrisse i diversi tipi di dinosauri, tutti carnivori, che secondo lui erano vissuti nella zona cacciando ai bordi del proto oceano. La descrizione, spesso colorita ci incuriosì per cui decidemmo in seguito di approfondire quanto appreso. In realtà, appurammo che le tracce fossili che fotografammo includevano quelle di due varietà di lucertoloni giurassici, gli Eubrontes ed i Grallator.

eubrontes_by_christopher252-d6ljw9t

eubrontes lungo le sponde in un enorme mare giurassico

Sulla base dell’età delle rocce e dei fossili di dinosauri carnivori ritrovati nella zona è possibile che le impronte testimoniassero anche i resti del passaggio di Coelophysis kayentakatae e del temibile Dilophosaurus wetherilli, un grosso carnivoro il cui nome significa lucertola con due creste. Entrambi questi dinosauri furono scoperti in una formazione geologica locale chiamata Kayenta.

dilophosaurus

ricostruzione di un dilophosaurus. Questi animali carnivori pesavano circa 1000 libbre ed arrivavano ad una lunghezza di sei metri

La guida ci raccontò che gli studiosi ritengono vi siano anche tracce di un altro dinosauro, originario della formazione Moenave, il Dixiesaurus, di St. George, Utah, che probabilmente viveva  anche nel territorio ora chiamato Arizona. L’escursione è semplice, su un terreno prevalentemente pianeggiante che si snoda intorno a diversi mucchi di pietra mostrando centinaia di tracce diverse. Come dicevo, prima di iniziare l’escursione è necessario affidarsi ad una guida e contrattare un prezzo per la visita (anche se non è obbligatorio prenderla e pagarla). Si va dai 5 ai 10 dollari ma ne vale la pena. Alcune delle guide sono stati al college, altri sono chiaramente dei cultori della materia che raccontano di aver raccolto le diverse informazioni sulle tracce dei dinosauri da professori e ricercatori universitari. Le notizie vanno comunque prese con le pinze.

DSC_0857

un falso uovo di dinosauro .. in realtà una concrezione ferrosa

Ad esempio, la guida ci portò a vedere un bellissimo fossile di dinosauro posato su un fianco, dichiarando che fosse quello di un Tirannosaurus rex. In seguito abbiamo scoperto che non poteva essere vero per un semplice motivo: il terribile T. rex (ricordate Jurassic park?) in realtà visse 65 milioni di anni fa mentre le tracce visibili furono lasciate ben 135 milioni di anni prima che il  T. rex avesse mai camminato sulla Terra. Le guide ci mostrarono anche delle “uova” e dei resti di coproliti; in realtà si tratta di concrezioni di ferro rotte a metà per mostrare un interno cavo o scolorito. In realtà le uova fossili vere non hanno un interno cavo o una colorazione dentro di loro ma un guscio molto sottile e finemente testurizzato con una matrice rocciosa, essendo di fatto uguali dentro e fuori.

DSC_0860

A prescindere dalla reale conoscenza scientifica delle nostre improvvisate guide, l’escursione in sé è comunque molto interessante, con panorami incantevoli della Hamblin Ridge, Tuba Butte, e le vaste Benchlands che si estendono a sud.

DSC_0668

resti del fondo di quel mare primordiale. Quello che osservate sono le ripples (onde) di sabbia formatesi sul fondale di milioni di anni fa.

Camminerete in quella grande pianura assolata, un tempo lontanissimo intervallata da paludi, circondate dai caratteristici e ripidi altopiani chiamati mesa. Con un pò di fantasia vedrete i dinosauri ai bordi di quel mare, lasciando sulla spiaggia le loro impronte, e sognare un mondo che non esiste più.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 370 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share