If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I ricci di mare … da milioni di anni nei mari del pianeta

livello elementare

ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: Echinodermi, asteroidei, crinoidei, echinoidei, ofiuridei, oloturoidei

 

Cryptogoleus chapmani, Verulam Formation, Gamebridge, Ontario, Canada (Ordovician) – 17 mm, each.

Cryptogoleus chapmani, Formazione Verulam, Gamebridge, Ontario, Canada (Ordoviciano) circa 450 milioni di anni …  ogni scheletro ha dimensioni di 17 mm

Passeggiando sulle spiagge è facile ritrovare resti di scheletri calcarei appartenenti ai ricci di mare. Questi straordinari animali apparvero sul nostro pianeta milioni di anni fa e, sopravvivendo a periodi drammatici di estinzioni di massa, sono arrivati ai nostri giorni. Possiamo dire, senza tanta retorica, che questi curiosi animali vengono da molto lontano. Le prime forme viventi di questi echinodermi si ritrovano copiosamente nei giacimenti fossiliferi di tutto il mondo ed appartengono alla parte superiore del periodo Ordoviciano (circa 450 milioni di anni).

Echinolampas gambierensis from the Miocene

Echinolampas gambierensis risalente al Miocene

Il loro raggruppamento di organismi è sopravvissuto fino ai giorni d’oggi diversificandosi nelle Ere geologiche in molte specie. Sebbene nei fossili si possono a volte intravedere le impronte fossili delle spine di solito sono visibili solo quelle dello scheletro globulare. Alcuni echinoidi (come il Tylocidaris clavigera del Cretaceo) possedevano grandi spine a forma di clava che erano di certo un ottimo deterrente per allontanare i famelici predatori di quei archeomari.

La maggior parte dei echinoidi fossili del Paleozoico sono incompleti, composti da spine isolate e piccoli gruppi di piastre sparse dei resti degli individui schiacciati.

sea-urchin-fossil-tylocidaris-two-column

il riccio Tylocidaris clavigera possedeva delle caratteristiche spine a forma di clave. Questo esemplare ha circa 80 milioni di anni (Cretaceo superiore) e fu ritrovato nelle formazioni gessose dell’Inghilterra meridionale – leggete anche

La maggior parte degli esemplari ritrovati appartengono al Devoniano ed al Carbonifero ma ne sono stati ritrovati di più antichi. I calcari dal Ordoviciano e Siluriano ritrovati in Estonia sono infatti famosi per la presenza di questi echinoidi.

esemplare di Miocidaris, Eotiaris verneuiliana, Permiano, UK

esemplare di Miocidaris, Eotiaris verneuiliana, Permiano, UK

Durante la parte superiore del periodo Carbonifero, si verificò un netto calo nella loro diversità e questa tendenza continuò anche nel periodo Permiano. Alla fine del Paleozoico il numero delle specie diminuì, arrivando quasi all’estinzione. Delle sei specie del Permiano rimaste ne sopravvissero solo due nel Triassico: il genere Miocidaris, che ha dato origine alla specie moderna degli Cidaroidae (ricci matita), ed all’antenato degli Euechinoidi. Nel Triassico superiore, il loro numero cominciò ad aumentare nuovamente ed è testimoniato da splendidi fossili. I Cidaroidi attuali non sono molto diversi da quelli che “pascolavano” sui fondi marini del tardo Triassico e sono oggi considerati dei fossili viventi.

Gli Echinodermi
Oggigiorno abbiamo cinque specie di Echinodermi: gli asteroidei, i crinoidei, gli echinoidei, gli ofiuridei e gli oloturoidei.

stella tropicale – photo credit andrea mucedola

Agli  Asteroidei, appartengono le stelle di mare, caratterizzate da un corpo piatto, da cui partono normalmente cinque braccia, e da una bocca rivolta verso il basso. Questi animali possiedono una simmetria raggiante, data dalla presenza delle piastrelle madreporiche, ed un’apertura dell’apparato acquifero posta in posizione eccentrica. Sebbene la maggior parte delle stelle marine abbia tipicamente cinque braccia, che si diramano da un disco centrale, esistono molte specie che presentano sei o più raggi.

Labidiaster annulatus

Molti gruppi Asteroidei, come le Solasteridae, hanno addirittura tra dieci e quindici braccia, mentre altre specie, come l’antartico Labidiaster annulatus, ne possono avere fino a cinquanta. Detto questo, non  è raro osservare in specie, che normalmente hanno 5 raggi, alcune con quattro o sei, a causa di difetti di sviluppo. A volte la mancanza di un braccio può derivare da un attacco con un predatore. Niente paura … perché una delle caratteristiche più interessanti delle stelle di mare è la loro capacità di rigenerare le parti asportate o amputate del loro corpo. Sono in corso alcuni studi su questa capacità, a noi negata, che potrebbe aprire nuovi orizzonti alla medicina.

crinoide – photo credit andrea mucedola

Al gruppo dei Crinoidei appartengono i gigli di mare che sono caratterizzati da diverse forme e colori vivaci. Vivono attaccati alle rocce ed hanno il corpo a forma di calice. Gli Echinoidei, invece, sono ricci di mare caratterizzati dalla presenza di aculei protettivi su tutto il corpo, contenenti un veleno che può creare gonfiore, bruciore ed arrossamento alla pelle (ne sa qualcosa chi lo ha sperimentato). Non ultimi gli Ofiuroidei, ovvero le stelle serpentine, caratterizzate dalla stessa struttura delle stelle marine ma con braccia molto sottili e fragili. Infine gli Oloturoidei, detti comunemente cetrioli di mare.

Essi hanno un corpo cilindrico e la bocca è circondata da una corona di tentacoli. Non sono una gran bellezza e sono avidamente predati, specialmente nei mari orientali ma anche nel mar Mediterraneo, per presunte e fantasiose proprietà. Le 377 specie di oloturie sono importanti filtratori ed hanno un ruolo fondamentale nel riciclo di sostanze nutritive che possono, a loro volta, alimentare alghe e coralli. La loro depredazione è quindi un pericolo che mette a rischio la biodiversità marina. 

Conosciamo ora meglio i ricci di mare
Questi echinodermi sono una classe di invertebrati caratterizzata dalla presenza di uno scheletro formato da placche calcaree spinose.

Il loro nome significa “derma provvisto di spine”. Essi sono dotati di un sistema acquifero con una serie di canali per la circolazione dell’acqua. Questo sistema ha una triplice funzione: ambulatoria, respiratoria e nutritiva. Le spine hanno funzione protettiva contro i predatori. Il loro guscio, come abbiamo accennato, è rotondo e spinoso, ed hanno una dimensione tra i 3 ai 10 cm (da 1,2 a 3,9 in) di diametro. I colori più comuni includono varie tonalità di verde, marrone, viola, blu e rosso, fino al nero. I ricci di mare si muovono lentamente sul fondo e sulle rocce nutrendosi prevalentemente di alghe.

 

La loro dieta è infatti molto varia; anch’essi sono dei predatori e vanno a caccia di piccoli molluschi e pesciolini non disdegnando le particelle organiche disciolte nell’acqua ed alcune alghe. I ricci sono presenti in oltre 950 specie in tutti gli oceani del mondo e si ritrovano dalla fascia intertidale (ovvero  la zona compresa tra la bassa e alta marea) fino a circa a 5.000 metri di profondità. 

uova di riccio

uova di riccio, unica parte edibile dell’animale. Le loro uova sono una prelibatezza in molte cucine ma la pesca indiscriminata e spesso abusiva sta causando l’estinzione di alcune specie. Sono in corso studi per poter ottimizzare l’allevamento dei ricci ma la crescita molto lenta dell’animale richiede una regolamentazione rigida della sua pesca.  

In natura sono predati da molti animali come le stelle marine, i pesci ed altri predatori tra cui il più pericoloso è senza dubbio l’Uomo. Le loro uova sono infatti una prelibatezza in molte cucine.

Attenzione la loro pesca è regolamentata in applicazione di alcuni aspetti della vigente normativa comunitaria, e le aree di presenza sono sottoposte a fermo biologico in alcuni periodi. La raccolta dei ricci di mare è infatti configurata come una produzione primaria, soggetta pertanto alle disposizioni contenute nel Reg. (CE) n. 852/2004. In particolare, il D.M. 12 gennaio 1995 disciplina la pesca del riccio di mare (Gazz. Uff. 25 gennaio 1995, n. 20) a causa del fatto che questo organismo vivente marino viene sottoposto spesso ad un prelievo indiscriminato. Ad esempio, nella regione Puglia la raccolta è regolamentata con decreto che ne disciplina i tempi e le modalità di raccolta da parte dei pescatori professionali e di quelli sportivi, vietandone la pesca col fermo biologico dal 30 Aprile al 30 Giugno. Il riccio pescato è il Paracentrotus lividus, erroneamente chiamato riccio femmina, a fronte di un’altra specie, l’Arbacia lixula, caratterizzata da un colore nero e da spine più lunghe (chiamata comunemente riccio maschio). In realtà il termine maschio o femmina non ha significato e parliamo di due specie differenti.

i-ricci-di-mare

Un altro bell’esemplare di riccio, molto comune nelle praterie di Posidonia oceanica, è il riccio di prateria, ben  presente in tutto il Mar Mediterraneo e in Atlantico Orientale.

Sphaerechinus granularis – photo credit andrea mucedola

Il suo nome scientifico è Sphaerechinus granularis e presenta un guscio calcareo a simmetria pentaraggiata che può raggiungere dodici centimetri di diametro, con aculei fitti e corti, violacei alla base e con la punta bianca; a volte sono completamente bianchi, bruni o rossicci. Per loro fortuna non sono commestibili.

Tassonomia
Dal punto di vista tassonomico, come abbiamo accennato, i ricci di mare sono membri del phylum Echinodermata. Questi animali hanno una simmetria a cinque assi (chiamato pentamerismo) e si spostano sul fondo e sulle rocce tramite centinaia di minuscoli “piedi ” trasparenti. La loro simmetria non è evidente nell’animale vivo ma è facilmente visibile nei loro scheletri. In particolare, il termine “ricci di mare” si riferisce agli echinoidi di forma regolare, che hanno forme simmetriche e globulari, e comprende diversi gruppi tassonomici differenti, tra cui due sottoclassi: gli Euechinoidea (ricci di mare) e i Cidaroidea ricci dotati di spine smussate e di grandi dimensioni (come il riccio matita, Heterocentrotus mamillatus).

riccio matuta

Heterocentrotus mamillatus, riccio matita 

Esistono ricci di mare “irregolari”, una infra-classe all’interno del Euechinoidea, che comprende i super ordini dei Atelostomata e dei Neognathostomata. Fra di essi troviamo gli Echinoidi, ovvero i cosiddetti dollari di sabbia (Dendraster excentricus). Questi ultimi, insieme ai cetrioli di mare (Holothuridea), costituiscono il sub phylum Echinozoa che è caratterizzato da animali che possiedono una forma globoidale senza raggi sporgenti. Anche se molti cetrioli di mare presentano delle protuberanze circostanti le loro aperture orali, queste non hanno nessuna relazione con le braccia dei Crinoidi, delle stelle marine, e con gli Ophiuroidea, volgarmente chiamati stelle serpentine. Ma di essi parleremo un’altra volta. 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.406 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share