If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le azioni che cambiarono la guerra navale – terza parte

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: X MAS

 

 

X MAS

170px-junio_valerio_borghese_anni_40

Il Comandante Junio Valerio Borghese

Già alla fine del 1941, dopo lo straordinario successo della missione ad Alessandria,  la Decima MAS era stata riordinata aggiungendo al Naviglio Subacqueo ed al Naviglio di Superficie, un Ufficio Operazioni ed Addestramento, un Servizio G.N., un Servizio Sanitario ed un Comandante al dettaglio.  Assumeva di fatto una configurazione di Reparto complesso a tutti gli effetti. Il Comandante Borghese cedette il comando dello Sciré al C.C. Bruno Zelich e venne pianificata una quarta operazione per colpire nuovamente Alessandria. Nel porto egiziano erano infatti rimaste alcune unità d’appoggio ai sommergibili che, se eliminate, avrebbero ridotto al minimo il potenziale bellico inglese in mare. Inoltre, l’HMS Valiant era ancora adagiata sul fondo e l’HMS Queen Elizabeth, seriamente danneggiata, stava per essere trasferita in un altro bacino per le necessarie riparazioni. Se il colpo fosse andato a segno, la Flotta inglese in Mediterraneo sarebbe stata messa in ginocchio per molto tempo, ma la fortuna non si ripetè.

G.A. 4 operazione Alessandria
La “G.A. 4” fu pianificata con modalità operative simili a quella del dicembre precedente e, il 14 maggio 1942, il regio sommergibile Ambra comandato dal Capitano di Corvetta Mario Arillo rilasciò tre Siluri a lenta corsa dinanzi alla base egiziana. 

scire4

archivio storico della marina militare italiana

I mezzi erano guidati dagli operatori G.M. Giovanni Magello e sottocapo Giuseppe Morbelli, il tenente del G.N. Luigi Feltrinelli con il  sottocapo Luciano Favale, ed il sottotenente medico Giorgio Spaccarelli con il sergente Armando Memoli. Gli operatori incominciarono l’avvicinamento ma seri problemi tecnici ai maiali, un errato posizionamento del sommergibile, scarrocciato a causa delle forti correnti, e la vigilanza britannica notevolmente intensificata dopo lo scacco di dicembre, portarono al totale fallimento della missione. Tutti gli operatori vennero catturati.

La campagna in Nord Africa
Successivamente, tra l’agosto ed il settembre 1942 il Comandante Forza organizzò l’autocolonna “Giobbe” per trasportare lungo la costa della Marmarica sino al El Daba, a 50 km da El Alamein, tre barchini siluranti destinati ad attaccare unità navali, in appoggio ad operazioni terrestri.

nave costanza

il peschereccio Costanza

Il Sottotenente di vascello Piero Carminati ed il sottocapo Cesare Sani, nella notte del 29 agosto, con un MTSM attaccarono quattro cacciatorpediniere inglesi e, nonostante il violento fuoco di sbarramento, danneggiarono il caccia Eridge (1.050 tonn.) successivamente colpito anche da aerei tedeschi che per errore mitragliarono anche l’MTSM incendiandolo. Le tre unità (Cefalo, Sogliola e Costanza), di fatto dei pescherecci modificati, parteciparono alle operazioni di agguato sulla rotta per Malta per attaccare le unità nemiche in avvicinamento, e specialmente le portaerei che periodicamente rifornivano l’isola di aerei. In quella zona esistevano campi minati dell’Asse per cui la flotta britannica, doveva rallentare e fare molte deviazioni rendendosi così più vulnerabile agli attacchi dei MAS. Il loro impiego si estese lungo alle coste della Spagna e delle Baleari e lungo le rotte per Tobruk, assediata dalle forze dell’Asse.

La Squadriglia dell’Orsa Maggiore
L’azione dei Nuotatori Gamma più rilevante dell’anno fu effettuata a Gibilterra il 14 luglio 1942.

gamma operatori

nuotatori guastatori Gamma

La necessità di tenere Gibilterra sotto pressione portò all’elaborazione di una diversa strategia di attacco. Si pensò di rinunciare per il momento alle operazioni tramite i S.L.C., considerati ancora tecnologicamente immaturi, che dovevano essere trasportati da sommergibili fino ai pressi degli obbiettivi. Nascevano gli uomini Gamma, dove G stava per guastatori (nuotatori guastatori), addestrati ad avvicinarsi in maniera occulta alle navi e portare a nuoto cariche esplosive da applicare alle navi alla fonda nella rada. Gli Uomini contro navi che scrissero la storia. Fu deciso di installare una base segreta in territorio spagnolo, nei pressi della città di Algeciras, località che si prestava particolarmente per attaccare Gibilterra.

Antonio Ramognino e Conchita

Antonio Ramognino e Conchita

Nella primavera del 1942, un sottufficiale della Decima Flottiglia MAS, Antonio Ramognino, un ex tecnico della Piaggio, fu inviato con compiti di osservatore in Spagna, per osservare i movimenti del naviglio nemico nella baia di Algeciras. Ramognino era accompagnato dalla moglie Conchita, di nazionalità spagnola, ed affittò una casa, Villa Carmela, nei pressi di punta Maiorga a circa 4.000 metri in linea d’aria dalla roccia di Gibilterra. La villa consentiva di poter osservare la base inglese, comprendere i movimenti delle navi e pianificare eventuali attacchi, visto che la rada poteva essere agevolmente raggiunta a nuoto dai nuotatori gamma.

Utilizzando vari sotterfugi, il gruppo degli operatori giunse a Cádiz ed si imbarcò sul mercantile cisterna Fulgor. L’11 e il 12 luglio il gruppo fu trasferito sull’Olterra ad Algeciras. Durante la missione svolta nella primavera del 1942, Antonio Ramognino aveva notato che la nave cisterna italiana Olterra di 4.995 tonnellate, di proprietà dell’armatore genovese Zanchi, era stata portata dal comandante Amoretti di Imperia, sui bassi fondali delle adiacenti acque territoriali spagnole e lì erano state aperte le valvole Kingston, per impedire che gli Inglesi si impadronissero della nave.

olterra 0

L’Olterra

Il piroscafo era attraccato alla banchina orientale del porto di Algeciras, proprio di fronte a Gibilterra. Algeciras era il posto ideale per osservare Gibilterra, ma dal posto d’ormeggio dell’Olterra tutto era ancora più visibile. Al rientro di Ramognino in Italia propose di sfruttare la petroliera italiana per farvi partire i mezzi d’assalto. Così il comando dei mezzi d’assalto iniziò subito le trattative con l’armatore dell’Olterra, stabilendo che una ditta spagnola di recuperi marittimi fosse incaricata di riportare a galla il piroscafo. L’armatore della nave si prestò subito a collaborare e fece le regolari pratiche con le Autorità spagnole, spiegando di voler mettere la nave in efficienza. Con regolari permessi iniziarono i lavori di trasformazione; fu effettuata la graduale sostituzione dell’equipaggio mercantile rimasto sull’Olterra incaricato di modificare lo scafo per consentire l’uscita occulta dallo scafo. Arrivarono tecnici militari e civili da La Spezia, alcuni erano operai delle officine di San Bartolomeo alla Spezia.

Olterra, la base segreta

olterra spaccato 2

Sezione dell’Olterra che mostra il complicato percorso per arrivare all’officina di montaggio dei maiali

L’officina di montaggio dei maiali si poteva raggiungere solo dal ponte di coperta attraverso un contorto percorso interno. A missione compiuta, il foro superiore della stiva sarebbe stato rinchiuso con una lamiera, nascondendo il rifugio e sarebbe stato riaperto per il prossimo montaggio. Un’altra lamiera chiudeva anche l’ingresso della piscina, attraverso il quale erano messi in acqua, uno alla volta, i S.L.C. che, da quell’apertura sotto la prora potevano entrare in acqua. I “maiali”, dopo l’assalto agli obiettivi, rientravano sotto la nave e potevano essere riagganciati agli argani sopra la piscina, in attesa di essere approntati con una nuova testa esplosiva.

Nell’estate del 1942 furono quindi effettuate le modifiche allo scafo e si preparò la nave per l’attacco a Gibilterra. Nel frattempo, considerando i ricorrenti problemi tecnici dei S.L.C., si pensò di effettuare un attacco con i Gamma patendo dalla costa.  Il libro “ Eroismo Italiano Sotto i Mari” di R.B. Nelli, Editore De Vecchi del 1968, racconta l’azione di quel pugno di eroi.

La spedizione è ostacolata da innumerevoli difficoltà. Però gli italiani ci riescono e ai primi di luglio, uomini e cose sono riuniti a Cadice. Gli operatori entrano in territorio spagnolo divisi in due gruppi; il primo viene spedito alla base sommergibili di Bordeaux, poi da San Jean de Luz prosegue a piedi per sentieri montani attraverso i Pirenei aiutati da agenti della marina italiana; il secondo raggiunge Barcellona a bordo del piroscafo Mauro Croce e gli operatori sbarcano come marittimi disertori. Poi tutti insieme, a gruppi di tre, vengono condotti a Cadice e alloggiati a bordo della cisterna Fulgor. Nei giorni 11 e 12 arrivano a Algeciras e salgono sulla Olterra ancora semi affondata. Per giustificare la presenza di tanta gente su quella nave l’equipaggio inizia finti lavori di manutenzione e di raddobbo.   Alla spicciolata, gli uomini dei mezzi d’assalto salgono a villa Carmela all’alba del 13 luglio: Ramognino ha già preparato tutto, accoglie gli 11 uomini e li nasconde alla vista della polizia spagnola e degli agenti britannici. Dall’osservatorio della villa, nascosto con una gabbia di pappagalli, gli operatori possono studiare i bersagli e il tratto di spiaggia dal quale muoveranno all’attacco dei piroscafi.  Gli operatori portano tre “mignatte” a testa e la squadra dei “nuotatori d’assalto” è così composta: sottotenente di vascello Agostino Straulino, sottotenente di vascello Giorgio Baucer, i marinai Giovanni Lucchetti, Vago Giari, il sottocapo palombaro Giuseppe Feroldi, il palombaro Bruno di Lorenzo ed il capo silurista Alfredo Schiavoni, il 2° capo cannoniere Alessandro Bianchini, il sottocapo Evideo Boscolo, il fuochista Rodolfo Lugano, il fuochista Carlo Bucovaz. E nel pomeriggio viene dato il via alla operazione C.G. 1. Alle 03:00 del 14 luglio gli operatori, in completo equipaggiamento d’attacco, escono dalla villa e raggiungono la spiaggia seguendo un itinerario studiato in precedenza. In mezz’ora, passando uno alla volta davanti ai poliziotti che percorrono la spiaggia nei due sensi, tutto il personale entra in acqua. Nuotando silenziosamente, gli 11 uomini dirigono al largo; motoscafi incrociano nella rada e lanciano piccole bombe di profondità a intervalli serrati. Gli italiani riescono a passare ma ogni tanto sono costretti alla più assoluta immobilità, anzi a scomparire sott’acqua quando la luce di un riflettore passa sulle loro teste. Avanzano piano, hanno paura che lo sciacquio li tradisca”.

L’azione ebbe successo e furono danneggiati i piroscafi Meta (1.575 t.s.L), Shuna (1.575 t.s.l.), Empire Snipe (2.497 t.s.l.) e Baron Douglas (3.899 t.s.l.) per un totale di 9.468 tonnellate. Sette dei Gamma furono arrestati dai carabineros  spagnoli al loro rientro alla spiaggia, mentre gli altri, in un modo o un altro, riuscirono a rientrare a Villa Carmela e quindi alla Fulgor. I sette arrestati vennero quasi immediatamente rilasciati dalle Autorità spagnole (grazie all’intervento del console italiano) e assieme agli altri poterono poi rientrare in patria.

B.G. 5 operazione Gibilterra
L’idea di usare l’Olterra come base occulta per i S.L.C. avrebbe potuto fornire migliori probabilità di evitare la prigionia, facendo ritorno a bordo dopo aver attaccato le unità nemiche.

Purtroppo, la prima missione così spaccato olterraprogrammata si concluse tragicamente con la morte di tre uomini, tra cui il T.V. Licio Visintini, comandante del contingente.  Alle 23.15 del 7 dicembre 1942, Visintini e Magro lasciarono l’Olterra per iniziare l’operazione “B.G.5”. Visintini diresse il suo siluro a lenta corsa verso il porto di Gibilterra con obiettivo la corazzata inglese Nelson. Con il secondo operatore, sottocapo palombaro Giovanni Magro, avevano già superato le ostruzioni esterne ed erano entrati nel porto. Le azioni di pattugliamento inglesi all’interno del porto comprendevano il lancio di cariche esplosive da parte della sorveglianza agli sbarramenti foranei. Fu proprio a causa di una di quelle esplosioni che Visentini e Magro perirono durante l’attacco.

La seconda coppia,  Manisco e Varini, usciti alle 00:15, avvistati da una sentinella furono oggetto di lancio di bombe di profondità e colpi di artiglieria. Riuscirono a salvarsi ma furono catturati. La terza coppia, Cella e Leone, usciti in ritardo per un guasto al maiale, cercarono di penetrare nella rada ma furono anch’essi colpiti dalle cariche e solo Cella riuscì a rientrare.

S.L. 1 operazione Haifa
Nell’agosto del 1942 fu pianificata l’”Operazione S.L. 1” con obiettivo il porto di Haifa in Palestina. Il sommergibile Scirè partì da Lero il 6 agosto con a bordo undici “Gamma” ma il 10 agosto del 1942, durante l’avvicinamento al porto di Haifa, venne scoperto da alcuni ricognitori britannici a poche miglia dall’imboccatura del porto.

scire3

Lo Scirè in rotta verso Haifa … la sua ultima missione

Quattro cacciatorpediniere inglesi lo obbligarono con l’impiego di bombe di profondità a riemergere per poi affondarlo con i cannoni di bordo. Le vicine batterie costiere fecero il resto, dandogli il colpo finale e provocandone il rapido affondamento prima ancora che l’equipaggio avesse il tempo di abbandonarlo. Per completarne la distruzione, una corvetta inglese, l’Islay effettuò un ultimo passaggio con il lancio di altre sei cariche di profondità. Una vera ecatombe. Con lo Scirè perirono il comandante Zelich, altri 6 ufficiali, 15 sottufficiali, 19 sottocapi, 8 marinai dell’equipaggio e due ufficiali, 4 sottufficiali, 2 sottocapi e 3 marinai incursori della X MAS. Veniva quindi perso il sommergibile che più di ogni altro aveva operato con gli uomini della Decima Mas.

La missione in Mar Nero
Nel primo semestre del ’42 la componente subacquea rimase praticamente ferma. I problemi tecnici degli mezzi S.L.C. non erano ancora risolti ed il rischio era che i mezzi potessero finire in mano al nemico.  

lautocolonna-dei-mas

I MAS vengono trasferiti via terra in Mar Nero

Il Comando di SUPERMARINA, che era responsabile della condotta della guerra sul mare, decise di inviare due squadriglie di barchini esplosivi e siluranti in Mar Nero, unitamente ad una squadriglia di MAS, posta al comando del capitano di vascello Francesco Mimbelli, e sei sommergibili tascabili tipo “CB” con il compito di bloccare dal mare i rifornimenti a Sebastopoli che era assediata dalle forze tedesche.

Il 6 maggio l’autocolonna “Moccagatta” denominata 101 squadriglia, appartenente alla X MAS, partì da La Spezia. Al suo comando il C.C. Salvatore Todaro, con autocarri ed automezzi che trasportavano cinque MTSM e cinque MTM. In tutto, con il personale tecnico e dei servizi, quarantotto uomini. Il distaccamento si installò nella base operativa di Foros, in Crimea, ed iniziò le sue operazioni il 4 giugno.  Il 12 giugno un MTSM silurò una motonave sovietica che fu poi affondata da aerei tedeschi. I “CB” ed i MAS affondarono in quell’estate tre sommergibili sovietici e danneggiarono gravemente l’incrociatore Molotov. I barchini, tranne uno perduto in azione, rientrarono in Italia nel 1943. Complessivamente, durante l’attività della 101 Squadriglia in Mar Nero, vennero affondate tre navi da trasporto nemiche, il sommergibile ShCh-203, oltre al Molotov e il Kharkov, a fronte della perdita di un solo sommergibile CB e di due MAS, mentre le perdite umane ammontarono a due marinai uccisi e dieci feriti. In sintesi anche le operazioni condotte in Mar Nero furono un successo per le forze della X MAS.

CB 4 in Mar Nero – archivio storico della Marina Militare Italiana

Tra di esse voglio ricordare l’azione del sommergibile CB 4, al comando del  T.V. Armando Sibille che, nella notte tra il 25 e il 26 agosto 1943, fu l’artefice dell’affondamento del sommergibile russo ShCh-203 con il lancio di due siluri.  

 

fine III parte – continua 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 326 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share