If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Plastiche, un problema che ci riguarda tutti

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ODIERNO
AREA: GLOBALE
parole chiave: Plastica, emergenza, cause

 

plastic-rubbish-on-ramsey-beach

Dagli anni ’60 l’uso della plastica è aumentato drammaticamente nella nostra società e la porzione dei rifiuti plastici nella nostra spazzatura è aumentata dal 1% del flusso dei rifiuti domestici a circa il 13% (US Environmental Protection Agency). Questa percentuale è in aumento preoccupante ed è divenuta ormai una emergenza non più demandabile.

Il nostro pianeta sta diventando un mondo di plastica
Conosciamo i vantaggi legati ai bassi costi dei materiali ma non tutti ne conoscono gli svantaggi e, soprattutto, l’impatto che sta diventando sempre più importante. La plastica è ovunque: dai contenitori alimentari e gli imballaggi (bottiglie di bevande, carni e alimenti) alle bottiglie di shampoo fino ai cosiddetti beni durevoli (elettrodomestici, mobili e anche interni ed esterni delle automobili. Possiamo dire che praticamente non esiste un settore in cui esse non siano utilizzate.

plastic-at-sea-bottles

Certamente ci sono sforzi per renderle maggiormente biodegradabili o riutilizzabili ma non è abbastanza. L’uso (abuso) e il consumo delle plastiche è sempre più alto ed i dubbi in merito al loro effettivo riutilizzo, riciclaggio e smaltimento sono sempre maggiori.

Pochi parlano dei famosi additivi che ne alterano struttura, flessibilità, colore, resistenza ai microbi, e altre caratteristiche, rendendole sempre meno riciclabili e più tossiche. Di fatto il costo dei rifiuti plastici è talmente basso che il loro valore di mercato non ne incoraggia il recupero e, purtroppo, molte Autorità preposte preferiscono inviarle alle discariche o addirittura incenerirle.

Sulla base dei dati del 2011 della Environmental Protection Agency (in acronimo EPA, Agenzia per la protezione dell’ambiente) solo l’8% di materie plastiche vengono recuperate attraverso il riciclaggio. Un’altra grande preoccupazione nel flusso dei rifiuti è la loro longevità. Una buona parte delle materie plastiche, se non la maggior parte, necessiterebbero dai 500 ai 1000 anni per biodegradarsi.

 

garbace-plastic-in-the-ocean

A causa di questa non auspicabile longevità e del basso tasso di riciclo, gran parte dei nostri rifiuti di plastica finisce nelle discariche. Alcuni di questi rifiuti di plastica sono abbandonati, a causa dello scarso senso civico dei cittadini, o si fanno letteralmente strada attraverso i fiumi verso il mare. Questi rifiuti trasportati dalla correnti e dal vento si depositano sulle spiagge o si allontanano da costa entrando nel giro delle correnti marine e creando vortici enormi che generano melasse tossiche di residui di micro e macro plastica. Secondo le Nazioni Unite, ormai quasi l’80% dei rifiuti marini è composto da plastica.

Sappiamo che questi rifiuti di plastica, direttamente e indirettamente, creano danni agli organismi viventi marini e, di conseguenza, a tutto l’ecosistema, entrando nella nostra catena alimentare.

plastic-on-the-beach

Le plastiche sono ritrovate nel corpo dei grandi pesci e sostanze tossiche e cancerogene sono presenti nelle loro carni.

In tutto il mondo vi è un crescente movimento di pensiero per ridurre la generazione delle plastica. Sebbene alcuni tipi di plastica possono essere ‘più sicuri’ per l’ambiente, tuttavia, la loro rimozione, la necessità di controlli più severi e la riduzione delle fonti di inquinamento non può essere più demandata. Una nuova speranza sembra provenire dalla creazione di bioplastiche totalmente biodegradabili, ottenute attraverso l’impiego di materiali biologici.

abiti-ricavati-da-rifiuti-plastici

abiti ricavati da rifiuti plastici riciclati e recuperati in mare

Si stanno sviluppando iniziative da parte di privati per il recupero dei detriti nei nostri oceani. Queste plastiche sono poi trasformate in materiali utilizzabili: da calzini sportivi prodotti dalla lavorazione  delle reti da pesca ripescate in mare alla produzione di combustibili ricavati da una varietà di rifiuti di plastica. Questi sforzi sono ovviamente delle soluzioni palliative che possono però contribuire a mitigare la situazione di forte emergenza attuale. Come sempre dobbiamo sperare nel genio umano. Un fattore importante è l’educazione ambientale che deve essere elargita ai più giovani nelle scuole di ogni ordine e grado per far crescere la consapevolezza dell’importanza di riciclare i rifiuti e non abbandonarli nell’ambiente. Può sembrare una banalità ma tale educazione è di fatto sparita dai programmi scolastici. Con OCEAN4FUTURE stiamo provando a renderla obbligatoria; vi terremo informati ma nel frattempo: NON ABBANDONATE LE MATERIE PLASTICHE, DI QUALSIASI TIPO, NELL’AMBIENTE. 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 208 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share