If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I giganti di Mont’e Prama … le prime ricerche con il georadar di Ivan Lucherini

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SARDEGNA
parole chiave: Giganti, Mont’e Prama

 

scavi-monte-prama

gli scavi riprendono

La mostra delle statue, dei modelli di nuraghe e dei betili di Mont’e Prama, dopo il restauro nel centro della Soprintendenza archeologica di Li Punti a Sassari, destò grande clamore.
Subito l’opinione pubblica pose sotto i riflettori la storia della ricerca, e la voglia di conoscere di tutti, spinsero le attività e le azioni successive al restauro, tese a valorizzare il sito e proseguire nella ricerca. In un protocollo siglato il 12 dicembre del 2011 dal sindaco di Cabras Cristiano Carrus, dalla direttrice per i Beni Paesaggistici e Culturali della Sardegna dott.ssa Maria Assunta Lorrai, dal Soprintendente per i Beni Archeologici per le provincie di Cagliari e Oristano dott. Marco Minoja, dall’assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport avv. Sergio Milia e dal Presidente in carica della Regione Autonoma della Sardegna dott. Ugo Cappellacci si decise, nell’ottica di procedere ad un progetto coordinato e condiviso fra tutte le amministrazioni rappresentate, la spartizione temporanea delle statue per essere esposte nel museo nazionale archeologico di Cagliari e nel museo civico di Cabras.

gigantiMontiPrama

Nello stesso accordo si ponevano le basi per sostenere finanziariamente il comune di Cabras per la progettazione e realizzazione del nuovo museo delle statue di Mont’e Prama, da realizzarsi nella cittadina lagunare. Secondo quel protocollo di intesa, al museo archeologico nazionale di Cagliari, l’esposizione di una parte delle sculture sarebbe stato inquadrato nel contesto generale che illustra l’evoluzione storica della Sardegna e in particolare racconta la civiltà nuragica, che così decisamente ha segnato la storia dell’isola; mentre nel museo civico del comune di Cabras, l’esposizione temporanea di sei statue e quattro modelli di nuraghe (nell’attesa che il progettato museo dei giganti fosse realizzato), avrebbe rappresentato il culmine culturale della presenza nuragica nel Sinis.

la penisola di Tharros

Nel frattempo nel maggio del 2014 una equipe composta da ricercatori dell’Università di Sassari, coadiuvata da un gruppo di detenuti del carcere circondariale di Massama (OR) e coordinata dai proff. Raimondo Zucca, Paolo Bernardini e Pier Giorgio Spanu, dal dott. Alessandro Usai per la Soprintendenza archeologica per le provincie di Cagliari e Oristano, e dal prof. Gaetano Ranieri per l’Università di Cagliari riprese finalmente i lavori di indagine sul sito.

georadar-monte-prama

I lavori iniziarono con una approfondita analisi degli indicatori archeologici nel paesaggio, effettuata con prospezioni visive a maglia stretta, eseguite da squadre di archeologi che perlustrarono ampie fasce di territorio, nelle immediate vicinanze del sito di Mont’e Prama. Contemporaneamente la squadra dell’Università di Cagliari coordinata dal Prof. Ranieri, con l’utilizzo di una sofisticatissima attrezzatura, iniziò a scandagliare il terreno con una serie di mappature eseguite con il georadar.

Furono individuate numerose anomalie (riflessi delle onde radio trasmesse verso il terreno) che individuavano rocce sepolte, poste in maniera sospetta, ad indicare probabili presenze antropiche, ovvero di probabile natura umana. Contemporaneamente si iniziarono tre saggi, all’interno dell’area dove si effettuarono le prime indagini degli anni ‘70 del secolo scorso, per chiarire alcune delle anomalie rivelate dal georadar. I primi tre saggi erano collocati nella zona sud-est dell’area ora recintata. Le analisi dei report del georadar facevano sospettare una struttura edificata in antico, data la presenza di pietre poste in posizione ortogonale.

 

geo-anomalie

 

Lo scavo stratigrafico arrivo fino allo strato vergine non trovando riscontro all’ipotesi formulata con l’analisi del report. Si trattava solo di pietre poste in linea, in un solco modesto, durante probabili dilavamenti della pioggia che trascinandole verso valle, avevano giocato questo brutto scherzo agli archeologi. Ma in archeologia anche il non trovare qualcosa che si sospettava esistesse è di per se stesso un dato di cui tener conto. Successivamente si aprì un quarto saggio nell’area immediatamente a sud-ovest dell’area indagata negli scavi del 1977 e 1979 da Carlo Tronchetti.

Dopo il primo strato si individuarono quasi subito i primi due betili aniconici gravemente danneggiati dalle profonde arature dei decenni immediatamente seguenti la seconda guerra mondiale. Man mano che gli strati si susseguivano furono individuati numerosi frammenti di statue: una base con dei piedi con calzature, frammenti di nuraghe, parti del busto e del bacino. Si era in presenza del prolungamento, verso sud della necropoli scoperta negli anni ‘70 del secolo scorso da Bedini e Tronchetti.

Gli scavi del 2014
Nel luglio del 2014 l’ampliamento del saggio portò a individuare due statue distinte, solo parzialmente distrutte, che raffiguravano una tipologia diversa da quelle dei pugilatori, arcieri e guerrieri finora ricostruite dai frammenti trovati a Mont’e Prama. Durante la stessa campagna di scavi del 2014 si individuarono nuove sepolture allineate lungo la strada sacra già individuata nei precedenti scavi. Gli inumati erano stati sepolti in posizione rannicchiata in fosse singole, alcune coperte da lastre di pietra di notevole dimensione, su cui erano state poste le statue. Successive indagini sugli apparati scheletrici descrissero una serie di giovani sepolti con una età variabile dall’adolescenza ai 40 anni. Furono eseguiti anche esami al Carbonio 14 che confermarono sostanzialmente una datazione compresa fra il X e VIII secolo avanti Cristo. La campagna 2014 ha così riconfermato l’importanza incredibile di questo sito e la necessità di indagare ulteriormente e in maniera estesa il sito. Ha ribadito la possibile datazione delle statue nuragiche ad un periodo storico nel quale la prima statuaria occidentale in Grecia era ancora da venire. Ha scoperto la prosecuzione verso sud ovest delle sepolture messe in luce negli scavi degli anni 70 del secolo scorso. Ha confermato, con i primi dati sulle analisi degli scheletri degli inumati, la teoria di una necropoli di una élite sarda che in un’epoca di forti scambi sociali, culturali e materiali con le civiltà vicino orientali, ha inteso significare la propria potenza sociale e il legame con le origini della cultura nuragica.

Ma come spesso succede lo scavo archeologico ha aperto nuove prospettive e generato nuove domande che hanno solo parzialmente avuto risposte nelle indagini del 2015. In quella campagna si sono precisati i rapporti della costruzione circolare posta a ovest dell’allineamento della necropoli e delle sue due pertinenze definiti vani B e C. Fra queste il vano B ha restituito alcune stratificazioni nuragiche intatte, non contaminate nel periodo punico successivo. In questi strati inviolati si è potuto ritrovare una porzione di modello di nuraghe, utilizzato in un reimpiego per la creazione di una pavimentazione. La presenza di altri materiali ossei, riferiti a scarti di macellazione animale, ha potuto datare lo strato in un periodo riferito al IX secolo a.C..

da Mont’e Prama, Il Sinis degli Eroi

Nuove ipotesi
Questo dato apre la via a nuove e diverse ipotesi: il frammento di modello di nuraghe apparteneva alla necropoli e fu distrutto con le statue in un periodo precedente? Era invece un resto di lavorazione della monumentalizzazione della necropoli scartato per qualsivoglia ragione e riutilizzato come pietra lavorata per formare il battuto pavimentale? Solo nuovi scavi potranno confermare o smentire queste ipotesi o crearne di nuove. In una recente visita al sito, un turista si è lamentato con chi scrive sul fatto che gli archeologi non danno mai certezze, ma dipingono sempre e solo le diverse ipotesi che puntualmente hanno sempre bisogno di conferme. È vero, è spesso così, ma il rigore scientifico che deve contraddistinguere il lavoro di chi legge la terra e le pietre deve essere assoluto. Sdoganare ipotesi, magari fantasiose che hanno solo il fascino di solleticare la fantasia di chi le ascolta, è mestiere di imbonitori e non di ricercatori professionisti. La verità, qualunque essa sia, deve risultare in maniera inequivocabile e non derivare dalla convinzione dell’appassionato di turno. Per questo motivo la storia di Mont’e Prama non finisce qui, e non sappiamo ora, come e quando si evolverà. Unica certezza è che i lavori proseguiranno perché l’importanza del sito ormai è evidente al mondo e nessuno potrebbe arrestare la ricerca.

Per questo motivo possiamo solo invitare i lettori di queste righe di non demordere e prendendo in prestito una frase celebre invitiamo tutti: stay tuned !!!

ivan luccheriniIvan Lucherini
archeologo

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 955 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share