If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il relitto del Irish Trader di Baltray, storie di Irlanda tra spie e terroristi

livello elementare

james-carr

Un amico mi ha segnalato un relitto molto particolare che giace, ormai in più spezzoni sulle ventose coste irlandesi. Non se ne sa molto. La nave si arenò nel 1974 in un periodo in cui le terribili tempeste si abbattono sul Mare d’Irlanda. Adagiato sul bagnasciuga, rimase su una spiaggia di sabbia dorata nei pressi di Baltray nella contea di Louth. La motonave Irish Trader era una piccola nave cargo inglese di 344 tonnellate di stazza che stava trasportando 410 tonnellate di fertilizzante verso Bristol, in Inghilterra.

23_-irish-trader

La motonave Irish Trader era una piccola nave inglese di 344 tonnellate di stazza che si areno sulle coste atlantiche. Un insieme di eventi sfortunati o un errore di navigazione?

Le ragioni del naufragio non sono note: alcuni ritennero che in questo suo ultimo viaggio qualcosa andò storto. Nessuno conosce la verità o forse si volle dimenticarla. Si ipotizzò che la motonave fu spinta in secca per ragioni fiscali, o a causa di un membro dell’equipaggio che, forse aveva alzato troppo il gomito (si sa che quando fa freddo un goccio aiuta a scaldarsi, cosa che non si dovrebbe fare, e forse qualcuno abusò nell’alcool) o semplicemente fu un errore di navigazione che infilò la nave fra le barre di sabbia mentre si avvicinava al porto di Drogheda. O forse in quella maledetta giornata ebbe un guasto e fu spinto dalla violenza delle onde sulla bella spiaggia irlandese di Baltray Beach nella contea di Louth. Si sa che il comandante era in plancia e questo fa pensare che forse le prime ipotesi potrebbero non essere troppo strampalate.

Il relitto fu abbandonato e resto adagiato sulla bagnasciuga, coperto e scoperto dal moto perpetuo delle maree. Si racconta che i famigerati fratelli Littlejohn, Keith e Kenneth, che sostenevano di essere agenti britannici infiltrati all’interno dell’IRA, si nascosero nel relitto mentre erano in fuga dal carcere. Raccontiamo brevemente la loro storia che riempì le pagine dei giornali.  Ma chi erano? Di Kenneth Littlejohn si sa che era un ex militare congedato con disonore dal reggimento paracadutisti. Dopo due rapine Birmingham e una breve esperienza in carcere, si trasferisce a Dublino nel 1970 per iniziare la sua propria azienda ed divenne popolare in città.  Si trasferì poi in Inghilterra, e attraverso le connessioni del fratello Keith, sembrerebbe che riuscì a convincere l’MI6 ad assumerlo come agente per infiltrarsi nella Irish Republican Army.

littlejohns

i misteriosi fratelli Littlejohn

I due fratelli, nell’ottobre del 1972, rapinarono una banca di Dublino, una filiale della Allied Irish Banks, a Grafton Street, Dublino rubando £ 67.000, a quanto pare, con implicazioni del governo britannico. Ipotesi che naturalmente fu negata dagli Inglesi. Di fatto, i due fratelli Littlejohn furono arrestati a Londra la settimana successiva subito dopo l’emissione di un mandato di estradizione da Dublino. Nel mese di marzo 1974, i due fratelli fuggirono rocambolescamente dalla prigione di Mountjoy, segando le sbarre e nascondendo i tagli fatti con un seghetto con del dentifricio.  Dopo la fuga dal carcere fuggì nuovamente in Inghilterra dove fu aiutato da Thomas Watt, un testimone dell’accusa. Mentre era in fuga, Kenneth Littlejohn rilasciò diverse interviste alla stampa rivelando di essere al soldo del MI6, come infiltrato nei ranghi dell’IRA in funzione di provocatore. Fu ripreso dalla polizia del West Midlands il 11 dicembre 1974 e processato con il fratello Keith. I due Littlejohn alla fine furono condannati al carcere dove restarono fino all’inizio del 1981 quando furono rilasciati e gli fu ordinato di lasciare per sempre la Repubblica d’Irlanda. Le notizie delle loro gesta riempirono i giornali dell’epoca e la presunta sosta al relitto durante la loro fuga portò all’attenzione dell’opinione pubblica britannica la sua esistenza. Ma torniamo all’Irish Trader.

irish-trader-shipwreck-baltray-ireland-irish-sea-9669

Nel tempo il relitto incominciò a perdere la sua struttura originale, consumandosi lentamente sotto l’effetto dell vento e delle onde. Era divenuto un luogo preferito dai fotografi paesaggisti ed anche un ottimo punto di riferimento per gli escursionisti sulla lunga spiaggia di Baltray beach. Bisognava però tener conto delle forti maree per evitare di essere circondati dai rapidi flussi di acqua che con l’innalzamento delle maree serpeggiano improvvisi tra le lingue di sabbia. Lo scafo arrugginito della MV Trader consentiva, al sorgere e tramonto del sole, di scattare foto estremamente suggestive, di un romantico struggente. Le foto che vedete parlano da sole e testimoniano la drammaticità di quell’evento ma anche la vittoria della natura sull’Uomo.

sunrise

Alla fine di gennaio 2016 la comunità dei fotografi ha ricevuto la notizia che questo splendido relitto ha definitivamente perso la sua lotta contro il Mare d’Irlanda, si è spezzato in più pezzi sparsi sul bagnasciuga. Ora il relitto non è più di un mucchio di lamiere arrugginite, uno spettro destinato a scomparire. Sono state le furiose tempeste invernali del gennaio 2016 che hanno alla fine indebolito lo scafo, posto in posizione verticale ed adagiato ormai mollemente sul bagnasciuga, dandogli il definitivo colpo di grazia.

Addio Irish Trader, lentamente scomparirai fra le onde portando con te i tuoi segreti.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 300 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share