If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Breve storia degli erogatori subacquei – parte I

livello elementare
.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XIX – AD OGGI
AREA: OVUNQUE
parole chiave: erogatori

Erogatori, questi sconosciuti

erogatoreI giovani subacquei apprendono sin dal primo corso il funzionamento degli erogatori ovvero di quei meccanismi che riducono la pressione del gas di respirazione e forniscono al subacqueo una pressione prossima a quella dell’ambiente per poter respirare sott’acqua. In questi dispositivi il gas viene fornito a richiesta, con l’inspirazione,  o con un flusso costante all’interno del casco o di maschere speciali. Nel primo caso, una valvola “a domanda“ rileva quando il subacqueo inizia l’inalazione e gli fornisce il gas che viene portato alla pressione ambiente attraverso delle riduzioni della pressione tramite due stadi (primo stadio attaccato alla bombola e secondo stadio in prossimità del boccaglio). Grazie all’erogatore è quindi possibile respirare l’aria o i gas compressi contenuti nelle bombole ad alta pressione durante le immersioni.

Storia
La storia dell’erogatore incominciò quasi due secoli fa, nel 1838, quando il brevetto del primo dispositivo fu registrato in Francia. Il 14 novembre 1838, il dottor Manuel Théodore Guillaumet di Argentan depositò la richiesta di un brevetto per uno strumento di somministrazione di aria composto da due tubi; il subacqueo riceveva l’aria dalla superficie attraverso dei tubi. L’aria arrivava ad una valvola domanda posizionata sul dorso del subacqueo e da lì inviata tramite un altro tubo al boccaglio. Il gas esalato veniva scaricato al lato della testa attraverso un secondo tubo. L’innovativo strumento fu testato da una commissione dell’Accademia Francese delle Scienze ma non vi fu un grande interesse.

Di fatto, il 19 giugno 1838 William Edward Newton depositò a Londra un brevetto (no 7695: “Scafandro”) relativo ad una valvola a domanda funzionante con un diaframma e due tubi ad uso dei subacquei. Si ritiene che Newton depositò il brevetto a nome di Guillaumet che forse non riusciva a trovare sufficiente sostegno in Francia.

de-1

l’apparecchio di Denayrouze Rouquayrol

In seguito, nel 1860, un ingegnere minerario di Espalion (Francia), Benoît Rouquayrol, inventò un nuovo sistema a domanda collegato ad un serbatoio d’aria di ferro per far respirare i minatori nelle miniere allagate. Rouquayrol chiamò la sua invenzione régulateur (regolatore). Fu nel 1864 che l’ingegnere, dopo aver  incontrato un ufficiale della Marina Imperiale francese Auguste Denayrouze,  incominciò ad adattare questo congegno ad uso di un dispositivo per le immersioni. Insieme i due inventori ne realizzarono due modelli basati sul modello del 1860. Il primo fu denominato a “bassa pressione” (8 e 25 litri) e veniva alimentato con l’aria da una pompa. Il sistema poteva essere impiegato sia in ambiente marino che minerario. Il secondo modello, detto “alta pressione” (35 litri), era autonomo grazie ad un’alimentazione di aria pressurizzata e con una autonomia di mezz’ora a 10 metri di profondità. Il 27 giugno 1864 fu aggiunto al corredo del sommozzatore uno scafandro di tela gommata (la prima tuta subacquea) disegnato da entrambi i partner. Il brevetto includeva una piccola campana (elmo) che si riempiva di aria su richiesta del subacqueo.

groin

il Groin

Nel 1865 Rouquayrol e Denayrouze scoprirono che il sistema della campana non era sufficiente a proteggere gli occhi del subacqueo e che il loro primo progetto (con clip naso e senza protezione per gli occhi) doveva essere completamente abbandonato a favore di un sistema per proteggere gli occhi subacqueo. Progettarono una maschera facciale di rame adattabile alla muta  e soprannominato “groin“, ovvero muso, a causa della sua strana forma. L’aria dal regolatore entrava nella maschera attraverso un boccaglio ed il  gas veniva  scaricato attraverso una valvola manuale di non ritorno. Furono brevettati tre modelli di questo strano elmo, passando da uno a tre e infine quattro oblò, ma  le difficoltà individuate dai palombari portarono Auguste Denayrouze, nel 1866, a  sostituirlo con un elmo corredato da un boccaglio  ed una valvola di scarico per l’aria. Sebbene l’apparato Rouquayrol-Denayrouze fu prodotto in serie e, a partire dal 1865, acquisito come standard dalla Marina Imperiale francese, non fu mai del tutto accettato dai subacquei francesi a causa della sua scarsa sicurezza e autonomia.

draeger-1887Nel 1907, un tecnico della ditta tedesca Dräger, Hermann Stelzner prese spunto dal respiratore con cartuccia alcalina e dal pallone per la respirazione artificiale prodotti dalla stessa ditta per sviluppare un apparato di respirazione subacquea per gli equipaggi dei sottomarini sinistrati. Nel 1912 Dräger diffonde il primo respiratore subacqueo portatile e indipendente dal luogo di utilizzo. Ciò che rende veramente speciale questo apparecchio è il fatto che offre per la prima volta agli esseri umani la possibilità di muoversi liberamente sott’acqua per lunghi periodi di tempo. Di fatto, fino a 40 minuti. Il tubo dell’aria viene utilizzato per collegare il sommozzatore con un’imbarcazione di appoggio, la zavorra viene sostituita da due bombole di ossigeno e un assorbitore di anidride carbonica.

le-prieur

Yves Le Prieur

Arriviamo al 1926 quando ancora due francesi, Maurice Fernez e Yves Le Prieur, brevettarono un erogatore a  flusso costante (non con valvola di domanda) che utilizzava una maschera gran facciale. L’idea nacque nel 1925, quando il comandante Yves Le Prieur assistette ad una dimostrazione che Maurice Fernez aveva fatto di uno dei suoi apparecchi respiratori subacquei, rifornito di aria dalla superficie tramite una pompa. L’innovazione era di sostituire il sistema pompa–tubo di respirazione con una bombola di aria compressa, la stessa utilizzata da un certo Michelin (si proprio lui) per il suo kit di riparazione dei pneumatici delle autovetture. Questo sistema forniva un fattore fondamentale per il subacqueo … l’indipendenza dalla superficie. Nel 1931 Fernez-Le Prieur brevettarono questo sistema per le immersioni sostituendo gli occhiali e la clip per il naso di Fernez con una piccola maschera finestra. La novità di Le Prieur fu quell’erogatore  manuale (chiamato manodétendeur) che veniva accoppiato ad una bombola di aria compressa. Il sistema  a circuito aperto e flusso costante poteva fornire aria per due subacquei ad una pressione costante, controllato manualmente fornendo un’autonomia di 20 minuti a 7 metri e di 15 minuti a 15 metri.

aro-modello-belloni

A.R.O. Belloni in uso agli operatori gamma della Regia Marina Italiana

Nel 1932 il comandante Angelo Belloni perfeziona l’erogatore della Draeger e,  nel 1935, crea un autorespiratore ad Ossigeno (circuito chiuso) con due ore di autonomia: il “49″ e, con la collaborazione di Toppat, Tesei e Sorrentino, il mitico “50″.

Belloni, con l’aiuto di Teseo Tesei, portò l’autonomia dell’autorespiratore da venti minuti a qualche ora (lo stesso Tesei rimase per tre ore e un quarto in immersione per testarlo) e, soprattutto, lo rese più affidabile. Nel luglio del 1936 venne approvato l’autorespiratore a lunga autonomia 49/bis poi impiegato dai reparti speciali della Regia Marina. Se vogliamo, la progettazione dei primi sistemi a circuito chiuso risaliva al 1876 dall’ingegno di Henry Fleuss, poi sviluppato nel 1889 sia dall’azienda germanica Dräger che dall’americano Charles “Swede” Momsen e dal britannico Robert Davis (quello delle maschere Davis utilizzate per le fuoriuscite dell’equipaggio da sommergibili in avaria). Dal 1939, il pioniere austriaco delle immersioni subacquee Hans Hass iniziò a sviluppare l’immediato precursore degli autorespiratori a ciclo chiuso per immersioni subacquee poi impiegati dalle marine militari di tutto il mondo.

Nel 1939 il dott. Lambertsen brevettò un autorespiratore ad ossigeno (il Flatus) usato dai sommozzatori della Marina americana.  L’apparato ad uso navale fu ideato sulla base dell’apparecchio di respirazione per il soccorso dei minatori nelle miniere invase da gas asfissianti. Tra il 1941 ed il 1944, durante la seconda guerra mondiale, i subacquei italiani furono artefici di imprese memorabili utilizzando gli Auto Respiratori ad Ossigeno (ARO), una tecnologia di respiratori a circuito chiuso che in seguito fu utilizzata anche dagli inglesi per affondare la nave tedesca Tirpitz.

fine I parte
Andrea Mucedola

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 873 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share