If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Rischio sismico, questo sconosciuto di Aaronne Colagrossi

 

Se investighiamo a ritroso nella lunga storia dell’Uomo vedremo che, in merito alla sicurezza geologica (nel senso più ampio del termine, gli addetti ai lavori mi comprenderanno), l’Uomo non vi ha mai dato il giusto peso. Gli esseri umani hanno da sempre privilegiato determinate aree per la scelta dei loro insediamenti, basandosi principalmente sulla fertilità del suolo da coltivare, sulla posizione strategico-difensiva e sull’ubicazione favorevole ai commerci con altri popoli.

terremoto-1Nella lunga storia umana, e non solo, gli eventi sismici sono avvenuti, e continuano ad avvenire, con ritmi generalmente lenti, in netta asincronia con i tempi umani. Ciò porta a una casistica insufficiente, non abbastanza sufficiente da rendere attendibile le valutazioni della probabilità dell’evento sismico, a meno di utilizzare metodologie di calcolo sofisticate, e/o di aumentare il numero delle osservazioni.

Il Rischio sismico
Fondamentalmente il problema è di natura statistica: nei soli USA vi sono più probabilità di morire per incidente d’auto (1 su 6000) che non di terremoto (1 su 10 000 000). Il parametro utilizzato per definire il grado di esposizione a un terremoto, per una comunità umana, è il Rischio Sismico. Il Rischio Sismico è la combinazione della Pericolosità, della Vulnerabilità e dell’Esposizione. Di cosa parlano queste parole altisonanti, che spesso abbiamo sentito in televisione, soprattutto dopo gli eventi sismici italiani di agosto e di ottobre?
La pericolosità tiene in considerazione sia la frequenza e sia la violenza dei terremoti più probabili, i quali possono interessare un’area in un certo periodo di tempo. La vulnerabilità è sostanzialmente una misura della propensione al danneggiamento di un oggetto (una struttura) esposta al fenomeno sismico. Infine, l’esposizione è indirizzata alla vita umana; s’intende la qualità e la quantità dei diversi elementi antropici che costituiscono il territorio e valuta vari fattori quali la popolazione, le struture degli edifici, le infrastrutture, i beni culturali, ecc., le cui funzioni e condizioni possono essere danneggiate, o distrutte, dall’evento sismico.

mappa

Cosa significa tutto ciò?
Una comunità che voglia affrontare in modo razionale il problema del rischio sismico deve valutare attentamente la pericolosità del proprio territorio. Bisogna analizzare da un punto di vista storico gli eventi precedenti (considerando che molti sismi di forte entità, in Italia, sono documentati dai tempi dei Romani). Bisogna inoltre fare una valutazione matematica per la determinazione dei periodi di ritorno tra terremoti d’intensità simile. È necessario censire attentamente tutte le strutture presenti sul territorio in analisi. Bisogna decidere tra rischio calcolato e accettabile, intervenendo in anticipo per la riduzione del rischio.

terremoto-2La definizione di rischio sismico accettabile è abbastanza complessa e spesso non resa chiaramente comprensibile a tutti, ma è di fondamentale importanza nella prevenzione e nell’identificazione delle priorità in campo territoriale. La normativa europea in merito al rischio accettabile è regolata con EUROCODES 88, in altre parole questa normativa utilizza terremoti che hanno un periodo di ritorno pari a 475 anni. Ovvero una struttura antisismica, in Europa, deve essere tale da resistere, anche subendo danni, a un terremoto che si ripete in media ogni 475 anni, senza collassare. Gli istituti nazionali fanno attente valutazioni secondo la legge empirica di Gutenberg-Richter, che mette in relazione la magnitudo nella scala Richter con il numero totale di terremoti di una certa magnitudo, in una specifica regione e in un determinato periodo di tempo.

In definitiva le probabilità che ogni 50 anni avvenga un terremoto di intensità maggiore di quello atteso è di circa il 50%. Le strutture devono quindi resistere, senza gravi danni, a un terremoto che si ripete ogni 50 anni.

terremoto-3L’Italia è purtroppo un territorio sismico; più della metà degli italiani vive in zone sismiche dove più del 60% degli edifici non sono sicuri in caso di terremoto perché progettati e costruiti senza vincoli dalla normativa antisismica. Purtroppo questo dipende dal fatto che solo dopo il terremoto del 1980 è stata finalmente adottata una classificazione sismica del territorio, scientificamente accettabile.

Attualmente la classificazione sismica dell’Italia è suddivisa in zone, considerando anche il Peak Ground Acceleration (PGA), ovvero il picco di accelerazione al suolo:

• Zona 1: caratterizzata da sismicità di elevato grado.

• Zona 2: sismicità medio-alta, (in Toscana alcuni comuni sono classificati in Zona 3S, sismicità media, che prevede obbligo di calcolo dell’azione sismica identica alla Zona 2).

• Zona 3: sismicità medio-bassa.

• Zona 4: sismicità bassa.

italia-rischio-sismico-tabella-2

questa cartina illustra le zone in funzione del grado di sismicità

Siamo giunti alla conclusione di questo articolo, come sempre rimando alla bibliografia specifica per maggiori dettagli. Per coloro che volessero dettagliare le loro ricerche non posso fare a meno di consigliare testi di Fisica Terrestre, come il Gasparini, ancora valido, nonché vari testi reperibili di geotecnica, di geofisica applicata, di geomorfologia applicata (fenomeni franosi co-sismici), di idrogeologia tecnica, specialmente per i fenomeni della liquefazione, come nei terremoti giapponesi di Kobe (1995) e Niigata (1964).

colagrossiAaronne Colagrossi
geologo e reporter

print

(Visited 682 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. fulvio schiavone fulvio schiavone
    14/12/2016    

    Interessante. …sono geologo….nella prima cartina il Salento e’ colorato di giallo…ma mi pare che sia una delle zone meno sismiche d’Italia. ..

    • 15/12/2016    

      Ciao, grazie per l’interesse, siamo colleghi allora. La mappa a cui ti riferisci è una mappa della Massima Intensità Risentita, viene considerata solo come indicativa delle zone maggiormente esposte a sismi di intensità notevole. La mappa considera anche sismi già accaduti, credo a partire dal 1400, quando le cronache erano più dettagliate e si limitavano alla descrizione dei danni subiti, non avendo strumenti. Probabilmente i redattori hanno inserito quel valore poiché la zona ha già subito dei sismi in passato, pur non presentando attività nel presente, dovrei analizzare un po’ la storia sismica del Salento per risponderti in maniera più precisa….. un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share