If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Report sul monitoraggio della Caulerpa cylindracea nelle isole Egadi di Paolo Balistreri

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Caulerpa cylindracea, specie aliena 

Progetto Caulerpa cylindracea
Il 31 agosto 2016 si è concluso il Progetto “Caulerpa cylindracea Egadi Islands” di scienza partecipata, inerente il monitoraggio dell’alga verde invasiva Caulerpa cylindracea all’interno dell’Area Marina Protetta.

Ma che cos’è la Caulerpa cylindracea?
La Caulerpa cylindracea (Sonder) Verlaque, Huisman et Boudouresque, è una specie invasiva, negli ultimi decenni si è ampiamente diffusa nel Mar Mediterraneo, colonizzando 12 paesi e tutte le maggiori isole.

Di questi l’Italia sembra essere il paese maggiormente interessato dall’invasione di quest’alga (500 km di coste). Con il termine invasivo vengono indicati, in particolare, tutti quegli organismi, animali e vegetali, che presentano alcune delle seguenti caratteristiche:

  • Alto tasso riproduttivo;
  • Specie pioniera;
  • Ridotto tempo di generazione;
  • Ciclo di vita lungo;
  • Elevato tasso di dispersione;
  • Riproduzione single-parent (la femmina gravida rappresenta il colonizzatore);
  • Riproduzione vegetativa o clonale;
  • Alta variabilità genetica;
  • Alta plasticità fenotipica;
  • Ampio areale nativo;
  • Generalista in habitat (specie a larga valenza);
  • Polifago (dieta ampia);
  • Commensale degli umani.

Attualmente nel Mediterraneo sono presenti tre taxa infra-specifici di Caulerpa racemosa:
Caulerpa racemosa var. lamourouxii (Turner) Weber-van Bosse f. requienii (Montagne) Webervan Bosse;

– un taxon corrispondente alle due varietà: Caulerpa racemosa var. turbinata (J. Agardh) Eubank

e Caulerpa racemosa var. uvifera (C. Agardh) J. Agardh;

– un taxon recentemente introdotto Caulerpa racemosa.

 

 

 

Possibili ipotesi sull’introduzione dell’alga nel Mediterraneo
Inizialmente si era pensato che il taxon recentemente introdotto Caulerpa racemosa fosse un migrante lessepsiano (introdotto cioè attraverso il Canale di Suez). Successivamente si è accertato che questo taxon è originario dell’Australia sud-occidentale.

Caratteristiche morfologiche
Il genere algale Caulerpa è caratterizzato dalla presenza di uno stolone strisciante dal quale partono inferiormente i rizoidi, che servono per ancorare il tallo al substrato, e superiormente i filloidi. Caulerpa racemosa e Caulerpa racemosa var. cylindracea differiscono per la presenza nella varietà cylindracea di un ingrossamento tra stolone e filloide, e per la disposizione dei ramuli dei filloidi che è alterna in Caulerpa racemosa mentre è opposta nella varietà cylindracea (Fig. 1) .

Il ciclo riproduttivo
Le Caulerpaceae presentano un ciclo riproduttivo monogenetico diplonte (Fig. 2), caratterizzato da olocarpia, cioè l’intero contenuto del tallo si trasforma in strutture riproduttive. Le papille riproduttive vengono differenziate generalmente a livello degli assimilatori (Hamel, 1930; Meinesz, 1973). Alla germinazione dello zigote si forma una protosfera che darà origine a filamenti multinucleati che successivamente si ramificheranno e formeranno i talli adulti di Caulerpa. Queste alghe si riproducono anche attraverso la frammentazione dello stolone che forma propaguli vegetativi, che accrescendosi daranno origine a un nuovo tallo.

Habitat e distribuzione
Per quanto riguarda l’habitat e la  distribuzione Caulerparacemosa ha un ampio range di distribuzione, grazie alla sua capacità di insediarsi nelle diverse tipologie di ambienti che caratterizzano l’infralitorale (Fig. 3): ambienti fotofili, sciafili, substrati duri, mobili e misti, come epibionte [(Pinna nobilis (Linnaeus 1758), spugne, trottoir a vermiti)], sulla matte morta di Posidonia oceanica (L.) Delile e come epifita su diverse macroalghe.

Final Report
Ma torniamo al Rapporto finale del monitoraggio presentato in occasione del Congresso Internazionale GeoSub2016 (Ustica, 14-17 Settembre) e descritto in estrema sintesi in queste immagini. La campagna si è svolta dal 2014 al 2016 raccogliendo nell’area protetta delle Egadi raccogliendo 156 segnalazioni. Un primo fattore da sottolineare è che ben 91 segnalazioni su 156 sono state fatte da subacquei contro i 47 dei ricercatori, significando l’importanza della collaborazione extra accademica in queste attività di monitoraggio. Questo fattore dimostra il fattore moltiplicativo ottenuto dall’impiego di personale non addestrato ma disponibile a collaborare, in supporto alle sempre più ridotte risorse umane. La Caulerpa è stata identificata in tutte tre le isole e in tutti i tipi di sedimento tra una profondità compresa tra il bagnasciuga a 40 metri.

diapositiva1-1 diapositiva2-1

La pagina facebook (Progetto Caulerpa cylindracea Isole Egadi) rimarrà  attiva nell’informare i cittadini sull’evolversi del fenomeno delle specie alloctone e nella raccolta di nuove segnalazioni.

Paolo Balistreri
originale pubblicato in Bio&Eco Marina di Paolo Balistreri 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 325 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share