If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Gli abissi del mar Nero rivelano i loro segreti

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA MARINA
PERIODO: ODIERNO
AREA: MAR NERO
parole chiave: Mar Nero, relitti

blacksea-globe

Il mare nasconde ma non ruba, potremmo dire parafrasando un vecchio detto popolare. Gli abissi contengono come scrigni le tracce del nostro passato che a volte ritornano fortuitamente alla luce a seguito delle scoperte effettuate da ricercatori occasionali. Recentemente, nelle fredde e scure acque del Mar Nero,  è stato  scoperto per caso un grande cimitero sottomarino di oltre quaranta relitti antichi. Una scoperta eccezionale che porterà nuove conoscenze sul seafaring di duemila anni fa.

stril-explorer-jpg_sia_jpg_fit_to_width_inline

Stril Explorer

A bordo della Stril Explorer, una nave off-shore dotata di alcuni tra i più avanzati sistemi di rilevamento subacqueo al mondo, il team dei ricercatori del Black Sea Maritime Archaeology Project sono davvero al settimo cielo. Fra di loro molti ricercatori dell’Università del Centro per la Maritime Archaeology (CMA) di Southampton che lavorano in maniera multidisciplinare collaborando con l’Istituto Nazionale bulgaro di Archeologia, il Centro bulgaro per la subacquea (CUA), l’Istituto marittimo Archeologico di ricerca presso l’Università Södertörn, Svezia, l’Università del Connecticut, Stati Uniti d’America, il Centro ellenico per la ricerca marina e l’MMT. Quest’ultima, fondata da Ola Oskarsson, ha anche progettato il ROV Surveyor Interceptor impiegato nella ricerca archeologica su alti fondali. Questo progetto internazionale opera sotto l’egida del Ministero bulgaro della Cultura e del Ministero degli Affari Esteri in stretta aderenza alla Convenzione dell’UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo (2001).

39a9155600000578-3866452-one_of_the_remotely_operated_vehicles_is_designed_to_capture_hig-a-49_1477303517575

Una scoperta fortuita
La straordinaria scoperta è avvenuta mentre i ricercatori stavano effettuando una survey geologica del fondo del mare con due Remotely Operated Vehicles (ROV): il primo è stato ottimizzato per l’alta risoluzione fotogrammetrica tridimensionale e per le riprese video ad altissima risoluzione, mentre l’altro, il Surveyor Interceptor, sviluppato dal MMT e dalla Reach Submarine, ha la capacità di navigare  a velocità maggiori dei ROV convenzionali,  portando con se una suite completa di strumentazione geofisica, luci, telecamere ad alta definizione ed uno scanner laser.

interceptor

messa in acqua del Surveyor Interceptor

Nel corso del progetto il Surveyor ha stabilito nuovi record sia per la profondità raggiunta (1800 m) sia per la velocità sostenuta (oltre 6 nodi) durante le sue ricerche. Grazie a queste caratteristiche ha potuto investigare grandi aree, raccogliendo informazioni preziose per gli scienziati.

39a9155200000578-3866452-the_surveyor_interceptor_flies_at_four_times_the_speed_of_conven-a-40_1477302670950

La scoperta
Il team di scienziati stava analizzando i dati di una scansione del fondale marino per valutare quanto il livello delle acque  fosse aumentato dopo l’ultima era glaciale, circa 20.000 anni fa. Immaginate la sorpresa del team quando, fra le differenti morfologie del fondo, furono identificate delle sagome ben definite di antiche navi, alcune risalenti a duemila anni orsono. Ma le scoperte si sono succedute rivelando un cimitero di relitti di navi che vanno dal periodo  bizantino a quello ottomano. E le sorprese non sembrano ancora finite.

photogrammetric-model-of-a-shipwreck-from-the-ottoman-period_credit-rodrigo-pacheco-ruiz-jpg_sia_jpg_fit_to_width_inline

modello fotogrammetrico di un relitto del periodo ottomano – credit rodrigo pacheco-ruiz

Le immagini hanno rivelato particolari straordinari di quelle imbarcazioni, alcune solo descritte nella documentazione antica, e di cui non ne erano mai stati trovati relitti. Il professore Jon Adams dell’Università di Southampton, ha entusiasticamente dichiarato: ” The wrecks are a complete bonus, but a fascinating discovery, found during the course of our extensive geophysical surveys.

Le navi sono apparse in condizioni di  conservazione  eccezionali  essendo collocate al di sotto della cosiddetta “zona morta” del Mar Nero, che inizia 150 metri sotto la superficie dell’acqua. In quella zona non può esistere vita per la mancanza di luce ed ossigeno per cui gli organismi non possono attaccare le strutture lignee che restano quindi completamente intatte. 

nave-bizantina

relitto di una nave bizantina

Il team ha raccolto migliaia di immagini dei relitti ed ha ricostruito dettagliati modelli 3D delle loro scoperte. I risultati dovrebbero contribuire a far luce sulle caratteristiche ed i carichi di  quei antichi vascelli che avevano solcato il mare migliaia di anni fa.

Ma come vengono elaborate le immagini?
Le immagini elaborate forniscono dei modelli digitali ricavati dalle fotografie acustiche, utilizzando tecniche di ricostruzione 3D. In pratica, questi algoritmi calcolano la posizione di ogni punto dell’immagine visibile nelle immagini adiacenti. A questo punto il software mette insieme milioni dei punti ricavati dalle migliaia di immagini scattate dalle telecamere del ROV e ricostruisce il modello.

polena

particolare della prora di un nave ottomana con possibile polena

Ciò che si vede nell’immagine finale è un modello virtuale assolutamente realistico. L’elaborazione richiede molti giorni ma i risultati sono strabilianti. “Utilizzando la più recente tecnica di registrazione 3D per strutture sottomarine, siamo stati in grado di catturare alcune immagini sorprendenti … ” ha detto il professor Jon Adams.

In considerazione delle grandi profondità in gioco e dei risultati di alta qualità che si sono ottenuti, gli scienziati hanno deciso di continuare la raccolta dei dati fotogrammetrici e digitali per mappare tutta l’area. Ci torneremo presto e ci aspettiamo nuove sorprese dagli abissi di quel mare oscuro.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 578 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share