If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Antozoi

2013-corallo-elba

Corallium rubrium, il corallo rosso

Parliamo oggi degli Antozoi,  una classe di animali del phylum degli Cnidaria che probabilmente tutti abbiamo spesso incontrato senza renderci conto che cosa fossero. Il loro nome significa letteralmente “fiori animali” (dal greco “ἄνθος/anthos” ovvero fiore e “ζῷον/zoon” animale) .

corallo_-jpg_2008423111426_corallo_

Cladocora caespitosa fossile

Gli Antozoi sono probabilmente i più famosi cnidari (dal greco Knidè ovvero ortica a causa delle loro capacità urticanti ). Hanno antenati fossili di almeno 550 milioni di anni. Gli Antozoi più antichi sono probabilmente alcuni dei polipoformi  di mare fossili risalenti al tardo Precambriano. Decine di milioni di anni più tardi, nel periodo Cambriano, apparvero i primi organismi simili al corallo odierno che si svilupparono  nel Triassico medio, più o meno nello stesso momento in cui i primi dinosauri si stavano evolvendo.  Ma arriviamo ai giorni d’oggi.  I coralli sono formati da molti individui geneticamente identici detti polipi che sono della grandezza di pochi millimetri. Nelle acque costiere tropicali possono formare varie strutture come le piattaforma carbonatiche litoranee che si espandono verso il mare sviluppatesi a seguito di un processo di cementificazione di alcuni di molluschi della famiglia dei Vermetidi (Dendropoma petraeum e Vermetus triquetrus), creando pozze che ampliano lo spazio a disposizione delle specie, stimolando così la biodiversità dei popolamenti associati, gli atolli (tipici della Polinesia) e le barriere (come la Grande Barriera Corallina australiana). La crescita di queste colonie in genere è favorita da acque con buona visibilità e calde ma sono soggette all’innalzamento delle temperature che provocano la morte degli organismi  causando il coral bleaching.

Biologia

anto6Sebbene il termine “corallo” di norma si dovrebbe utilizzare solamente quando ci si riferisce al genere Corallium. In questo breve articolo,   per motivi pratici lo utilizzeremo per indicare anche gli altri Antozoi.
Il corallo, erroneamente considerato come un singolo organismo, in realtà è formato da migliaia d’individui geneticamente identici, ognuno dei quali delle dimensioni di solo pochi millimetri. La parte terminale del corallo si sviluppa tramite riproduzione asessuata dei polipi. In acque ricche di nutrienti, gli antozoi possono andare incontro a lacerazione pedale (si staccano dal piede un gruppo di cellule). Dalle cellule staccate si sviluppano nuovi individui. Si possono riprodurre anche sessualmente con la deposizione di uova. I coralli possono catturare il plancton usando i cnidoblasti presenti sui loro tentacoli che una volta penetrato il corpo della vittima, iniettano una biotossina paralizzante. In realtà  la maggior parte dei polipi corallini si nutre simbioticamente tramite delle alghe unicellulari chiamate zooxanthellae. I polipi producono anidride carbonica e acqua come sottoprodotti della respirazione cellulare mentre  le  zooxanthellae utilizzano l’anidride carbonica e l’acqua per effettuare la fotosintesi producendo zuccheri, lipidi (grassi) e l’ossigeno che i polipi utilizzano per svilupparsi ed effettuare la respirazione cellulare. Il riciclaggio dei prodotti tra i polipi e le zooxantelle è la forza trainante della crescita e la produttività delle barriere coralline.

Questa animazione mostra come i prodotti creati da cellule polipo e zooxantelle algali sono forniti gli uni agli altri per il loro reciproco vantaggio.

coral02b_480

coral02c_480

I coralli si possono suddividere in:

coralli ermatipici, con scheletro carbonatico e che vivono in simbiosi con le sopracitate zooxanthellae  attraverso il mutuo scambio di sostanze tra simbionte (alga) ed ospite (antozoo);

coralli aermatipici o anermatipici, sprovvisti di zooxanthellae, che non hanno bisogno di luce e possono vivere più in profondità  come nell’Oceano Atlantico, dove il genere Lophelia vive fino a 3000 metri. Un esempio di questi coralli sono i Darwin Mounds, situati a oltre 1000 metri di profondità in prossimità di Cape Wrath, in Scozia e le estese scogliere coralline a coralli bianchi (Lophelia e Madrepora) situate a meno di 200 metri di profondità al largo di Pescara (mar Adriatico centrale) e nella zona delle Cinque Terre (mar Ligure) , nella zona della depressione medio-adriatica, scomparsi probabilmente a seguito dell’innalzamento della temperatura in epoca post-glaciale.

scleractinian_600

scleractinian coral Lophelia pertusa

Questi coralli bianchi rappresentano uno dei più importanti ecosistemi batiali e potrebbero fornire la soluzione per salvare i coralli di superficie minacciati dall’imbiancamento dovuto all’innalzarsi delle temperature dei mari. Questi coralli si nutrono catturando il plancton o per osmosi. Tra i coralli di profondità va menzionata la scoperta della Savalia lucifica, fino ad ora nota solo lungo la costa californiana, a circa 700 m di profondità, scoperta nell’ottobre 2011 nel mar Mediterraneo al largo di Marettimo a 270 m, nel corso di una campagna di ricerca effettuata con la nave oceanografica “Astrea” dell’ISPRA. È una specie molto rara di falso corallo nero che ha la particolarità di illuminarsi se urtata.

Tassonomia
Come abbiamo accennato i coralli appartengono tutti alla classe Anthozoa e sono divisi in due sottoclassi a seconda del numero di tentacoli, della linea di simmetria, del loro esoscheletro, del tipo di nematocisti o dell’analisi genetica. I coralli con otto tentacoli sono chiamati Octocorallia (o Alcyonaria) mentre quelli con più di otto tentacoli in multipli di sei sono chiamati Hexacorallia.

Sottoclasse Octocorallia
Sono polipi per lo più riuniti in colonie di aspetto arborescente o incrostante. Fanno parte di questa sottoclasse le piume di mare, i coralli a canna d’organo, il corallo rosso, il corallo blu e i coralli molli. Sono raggruppate negli Ottocoralli circa 3500 specie, esclusivamente marine ed associate alle scogliere coralline. La maggior parte degli Octocoralli si nutre grazie alle alghe simbionti dette zooxanthelle per cui l’innalzamento della temperatura dei mari, portando le zooxantelle simbionti alla morte reso evidente  dallo sbiancamento dei coralli dovuto alla morte dei polipi e quindi di tutta la barriera. La maggior parte delle specie è provvista di uno scheletro calcareo.

polyp_with_zooxanthellae

polipi con zooxantellae (color marrone)

È frequente anche la presenza di uno scheletro chitinoso che può coesistere con quello calcareo. Hanno una simmetria radiale di 8 setti che, nella parte superiore, si uniscono al tubo esofageo centrale. Ogni polipo ha una corona di 8 tentacoli pennati in corrispondenza delle 8 concamerazioni (mesenteri) della cavità gastro vascolare. I polipi sono collegati tra loro da una rete di piccoli canali. Le gonadi si trovano sotto il tubo esofageo, al livello dei margini liberi dei setti e degli ingrossamenti e increspature detti filamenti mesenterici.

Si suddividono nei seguenti ordini:

  • Alcyonacea

    250px-palmatum

    Alcyonium palmatum

  • Helioporacea

    250px-heliopora_coerulea

    Heliopora coerulea

  • Pennatulacea

    250px-pennatula-aculeata

    Pennatula aculeata

Sottoclasse Hexacorallia
hexacoralliaQuesta sottoclasse raggruppa animali di forme molto diverse che vivono generalmente in colonie provviste di tentacoli cavi e ricchi di cnidoblasti. Ne fanno parte approssimativamente 3500 specie che includono anemoni di mare, coralli costruttori (madrepore), sclerattinie, anemoni copritrici e coralli neri spinosi. La simmetria degli esacoralli è esamerica, con setti presenti in multipli di sei. I setti, completi o incompleti, sono disposti in paia. Solo gli ordini degli Antipatharia (coralli neri) e i Ceriantharia (anemoni tubiformi) possiedono setti singoli. Un giovane polipo possiede, in genere, sei paia di setti e dodici tentacoli, uno per ogni spazio intersettale. Crescendo, può comparire un nuovo anello con altri sei setti appaiati ed i rispettivi 12 tentacoli. Possono essere privi o provvisti di scheletro calcareo che si sviluppa alla superficie dell’ectoderma. La diversità fra i polipi degli esacoralli è più variabile che negli octocoralli e rende più complessa una sistemazione sistematica della sottoclasse. La sottoclasse Hexacorallia comprende i seguenti ordini:

  • Actiniaria

    220px-alicia_mirabilis-actiniaria

    Alicia mirabilis

  • Antipatharia

    250px-messina_straits_corallo_nero-anthipatharia

    Savalia savaglia – corallo nero

  • Ceriantharia

    2016-10-01-05-bosa-190

    Cerianto

  • Corallimorpharia

    250px-discosoma-sp-corallimorpharia

    Discosoma sp.

  • Scleractinia

    250px-scleractinia-diploria-labyrinthiformis-brain_coral

    Diploria labyrinthiformis o corallo cervello – brain coral

  • Zoantharia

    2016-10-01-05-bosa-238d

    Parazoanthus axinellae

Distribuzione delle barriere coralline nel mondo
Nelle fasce tropicali degli oceani i coralli, stanziatisi da millenni, hanno formato con i loro scheletri delle grandi strutture calcaree, creando le barriera coralline che hanno di fatto modificato  la geografia dei mari e degli oceani in quelle zone formando scogliere ed atolli. Se vogliamo hanno influenzato lo sviluppo economico di certe aree che hanno trovato in prossimità delle barriere e negli atolli locazioni geografiche di stanziamento antropico. Lo sbiancamento delle barriere e la loro distruzione stanno cambiando questi equilibri ecologici con ricadute sociali importanti.  

coral_reef_locations

barriere coralline nel mondo

Il Triangolo dei coralli, tra Oceano Pacifico e l’Oceano Indiano, ha la massima biodiversità per ciò che riguarda le barriere coralline; si estende tra il Mediterraneo australe asiatico e la zona di mare a nord e ad est della Nuova Guinea. I coralli sono presenti con numerose specie anche nel Mediterraneo e nei mari freddi. Anche se il numero di specie di coralli che si trovano nel Mediterraneo rappresenta meno del 5% dei coralli esistenti al mondo, la diversità dei tipi  e delle forme ci fornisce un esempio della notevole importanza che essi rivestono.

gorgonia

Paramuricea clavata o gorgonia rossa

 Tra i coralli mediterranei abbiamo  il Corallium rubrum (corallo rosso), la Paramuricea clavata (gorgonia rossa), attinie come la Actinia equina e l’Anemonia sulcata ed un madreporario quale l’Astroides calycularis.

print
(Visited 451 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share